Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Alessio confessore

Date rapide

Oggi: 17 luglio

Ieri: 16 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaSimonetta Lamberti 30 anni per il killer e riapertura del processo

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Simonetta Lamberti, 30 anni per il killer e riapertura del processo

Scritto da (admin), martedì 18 febbraio 2014 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 18 febbraio 2014 00:00:00

Per l’omicidio di Simonetta Lamberti il pubblico ministero della Dda, Vincenzo Montemurro, chiede per il reo confesso Antonio Pignataro (dissociato) 30 anni di reclusione con il rito abbreviato, attribuendo all’unico responsabile materiale in vita solo le attenuanti generiche per quel delitto consumatosi il 29 maggio del 1982 a Cava de’ Tirreni. Deciderà il giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Salerno, Sergio De Luca, la mattina del prossimo 3 aprile dopo l’arringa degli avvocati difensori di Pignataro, Luigi Gabola e Liberato Mancusi.

Nel frattempo, ieri in aula sono state acquisite le copie delle sentenze su quell’omicidio studiato per uccidere il giudice Alfonso Lamberti (all’epoca procuratore capo a Sala Consilina), ma che per un crudele destino portò alla morte Simonetta, figlia 11enne del magistrato cavese che “dava fastidio con le sue inchieste”. Ed in base a quelle sentenze, riscontrate alcune anomalie, il pubblico ministero Montemurro chiederà la riapertura del processo a carico dei “mandanti”. Alcuni ancora in vita. L’esito del 3 aprile, quindi, non sarà l’ultimo capitolo di una vicenda lunga 32 anni, ma porterà ancora strascichi giudiziari fino a quando non sarà stabilita tutta la verità intorno al delitto di camorra.

Al banco degli imputati per adesso è presente solo lui, Antonio Pignataro, tra i killer, perché gli altri 4 sospettati sono morti. Il processo si aprì nel novembre del 1986. Come mandante fu indicato Salvatore Di Maio, meglio conosciuto come “Tore ’o Guaglione”, capo zona nell’Agro Nocerino per conto di Cutolo. Secondo l’accusa, gli esecutori sarebbero stati Carmine Di Girolamo e Francesco Apicella. Quest’ultimo fu riconosciuto da un testimone come autista dell’Audi. Nel 1987 la Corte d’Assise di Salerno emise la sentenza: ergastolo per Apicella, assolti per insufficienza di prove Di Maio e Di Girolamo. Nel 1988, basandosi sulla non credibilità dei pentiti interrogati in primo grado, la Corte d’Appello presieduta da Mario Consorzio prosciolse Di Maio e Di Girolamo per non aver commesso il fatto. Stesso principio fu applicato per la testimonianza oculare che incastrava Apicella.

Padre e figlia, dopo aver trascorso una giornata al mare, arrivano a Cava all’incirca alle 16.30. All’incrocio tra Corso Principe Amedeo e via della Repubblica un’Audi affianca la Bmw del magistrato. Dalla macchina sparano 8 colpi con una pistola P38. Due arrivano a segno. Colpiscono Alfonso Lamberti alla spalla destra ed alla testa. Ma uno dei proiettili rimbalza e colpisce Simonetta proprio alla testa. La bambina è ancora appisolata e non s’accorge di cosa accade in quei momenti attorno alla Bmw. L’Audi sgomma e sparisce a tutta velocità. Poco dopo padre e figlioletta vengono soccorsi e portati in ospedale a Cava de’ Tirreni. I medici si renderanno subito conto che la bambina era grave, perché colpita al cervello. Viene trasferita al Cardarelli a Napoli. Verrà operata d’urgenza ed il padre, nonostante fosse ferito, era al suo capezzale. Un tentativo disperato che faranno i medici per cercare di recuperarla alla vita. Ma risulterà vano. Dopo alcune ore trascorse in sala operatoria, Simonetta muore. All’indomani dell’agguato, in un bosco a Materdomini di Nocera Superiore, viene rinvenuto lo scheletro di un’Audi bruciata, con ogni probabilità quella utilizzata dai killer, i quali sapevano che a bordo dell’auto del magistrato viaggiava anche la bambina, eppure non esitarono a sparare.

In onore di Simonetta Lamberti fu eretto un monumento (un cippo marmoreo spezzato, realizzato grazie ad una spontanea sottoscrizione della cittadinanza), in seguito rimosso a causa dei lavori per alcune opere pubbliche e solo dopo circa 10 anni ripristinato. Il 2 aprile del 1983 lo stadio cittadino fu intitolato a Simonetta Lamberti.

Ora il pubblico ministero Vincenzo Montemurro, lette quelle sentenze e riscontrate alcune incongruenze con le dichiarazioni di Antonio Pignataro (che sarebbe stato interrogato diverse volte) e vari collaboratori di giustizia, ha deciso di puntare l’indice contro i mandanti e chiedere la riapertura di un processo che nemmeno dopo 32 anni riesce a scrivere la parola fine.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Aggredì ispettore ambientale: condannato giovane cavese

di Livio Trapanese Condannato giovane pregiudicato cavese per aver aggredito, minacciato, profferite frasi con minacce di morte e cagionate lesioni ad un Ispettore Ambientale nel novembre 2017. Nell'autunno dello scorso anno, un Ispettore Ambientale, unitamente ad altro collega, nell'apprestarsi ad intraprendere...

Scassinava distributori automatici delle scuole: quattro anni a 40enne cavese

E' stato condannato a 4 anni di carcere Antonio Vincolo, il 40enne cavese noto come il "ladro seriale di merendine". L'uomo è passato agli onori della cronaca per aver scassinato i distributori automatici di merendine dell'Istituto superiore Filangieri in tre occasioni: 26 e 28 ottobre e 5 luglio 2017....

Omicidio Maiorano: celebrata l'udienza preliminare

di Patrizia Reso Ieri mattina, presso il Tribunale di Nocera Inferiore si è svolta l'udienza preliminare che vede imputato per omicidio Salvatore Siani. Il collegio difensore dell'imputato, avvocati Agostino De Caro e Pierluigi Spadafora, ha presentato richiesta di rito abbreviato "nell'interesse" dell'imputato....

Omicidio Maiorano: udienza rinviata al 23 luglio

È stata rinviata al 23 luglio la prima udienza del processo a carico di Salvatore Siani, il barbiere 48enne di Cava de' Tirreni che lo scorso 22 gennaio uccise, al culmine di un violento litigio, sua moglie, Nunzia Maiorano. Siani è accusato di omicidio volontario premeditato e le prove contro di lui...

Cava de' Tirreni, furgoni del pane in fiamme: si indaga

Non solo lo scontro frontale tra due moto (clicca qui), questa notte Cava de' Tirreni è stata turbata anche dall'incendio di due furgoncini de "La Boulangerie". L'episodio si è verificato in Corso Mazzini, in pieno centro. Per spegnerlo sono intervenute due squadre dei Vigili del fuoco che hanno anche...