Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Tutto il gusto di un panino d'Autore con la possibilità di abbinare un grande vino italiano. Divin Baguette apre prossimamente a Maiori in Costiera Amalfitana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaRifiuti "La Doria" tutti scarcerati

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Rifiuti "La Doria", tutti scarcerati

Scritto da La Redazione (admin), mercoledì 26 gennaio 2011 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 26 gennaio 2011 00:00:00

Tutte scarcerate le 9 persone che erano state arrestate nell’ambito dell’inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti da parte dell’azienda conserviera “La Doria spa” di Angri, con stabilimenti anche a Sarno e Fisciano. L’operazione era stata condotta dai Carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico) di Salerno, su disposizione della Procura della Repubblica di Napoli - Sezione reati ambientali.

In seguito agli interrogatori di garanzia, nel corso dei quali - spiega l’azienda in una nota stampa - «l’intera problematica inerente all’indagine giudiziaria è stata chiarita», il Gip presso il Tribunale di Napoli ha emesso il provvedimento di revoca della misura cautelare in carcere nei confronti degli arrestati, tra i quali Andrea Ferraioli di Angri, amministratore delegato della Doria spa, ed i cavesi Susanna Cuomo, procuratore dello stabilimento Doria di Fisciano, con delega per il rispetto della normativa in materia di smaltimento dei rifiuti, e Giuseppe Milito, legale rappresentante e gestore della Edil Cava srl.

Solo per Luigi Sorrentino e Giovanni D’Ambrosio, direttore e legale rappresentante del laboratorio “Geisa” di Salerno, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Tutti gli altri destinatari del provvedimento cautelare sono tornati in libertà, in attesa degli sviluppi giudiziari della vicenda. L’unico che deve ancora essere interrogato è Giuseppe Dinisi di Cerignola, gestore della cava Ecodinisi, che al momento si trova ricoverato nel reparto di Cardiologia dell’ospedale di Foggia.

Ma ricostruiamo le accuse che avevano spinto il Gip del Tribunale di Napoli a disporre la misura cautelare in carcere per 9 persone (altre 11 risultano indagate a piede libero), oltre che il sequestro del laboratorio di analisi “Geisa” di Salerno, dell’impianto di rifiuti speciali in via Cimitero a Cava de’ Tirreni, condotto dalla Edil Cava, di una cava a Cerignola, in provincia di Foggia, e di 58 veicoli tra motrici, trattori stradali e rimorchi appartenenti a 4 aziende di trasporti.

Nel periodo compreso tra il luglio 2008 e l’ottobre 2009, nell’ambito delle campagne di trasformazione del pomodoro eseguite dalla Doria nei suoi tre stabilimenti di Angri, Sarno e Fisciano, era stata messa in piedi secondo l’accusa un’attività organizzata per il traffico illecito dei rifiuti. In particolare, ingenti quantitativi di rifiuti speciali non pericolosi, vale a dire “fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione di componenti”, sarebbero stati raccolti e trasportati presso impianti non idonei. Il tutto - sempre secondo la Procura - grazie a falsi certificati di analisi redatti dal laboratorio “Geisa”, sito in via S. Leonardo a Salerno, che avrebbe provveduto a certificare una classificazione diversa del tipo di rifiuti, consentendo così alla Doria di smaltire i rifiuti in maniera molto più economica, portandoli nei siti ora sotto sequestro e non in appositi impianti di compostaggio, dove invece sarebbero dovuti finire in base a quanto emerso dalle analisi eseguite dall’Arpac.

In realtà, al termine degli interrogatori di garanzia svoltisi ieri, è risultato che la “condotta illecita”, limitata al periodo 2008-2009, sarebbe stata modificata e regolarizzata nel 2010. In particolare, l’amministratore delegato Andrea Ferraioli, assistito dall’avv. Antonio Sarno, avrebbe spiegato che i rifiuti derivanti dal lavaggio dei pomodori sarebbero stati classificati non come rifiuti organici, ma come “altrimenti non specificato” in seguito ad una serie di valutazioni e consultazioni fatte in sede aziendale con la collaborazione di esperti del settore. E ciò perché la quantità di pomodoro che finiva all’interno dei fanghi era infinitesimale rispetto ai metri cubi di terriccio che veniva scaricato a seguito del lavaggio dei pomodori. Dichiarazioni che sarebbero state confermate anche dagli altri manager ascoltati ieri.

Ha chiarito la sua posizione anche il cavese Giuseppe Milito, legale rappresentante e gestore della Edil Cava, una delle due cave dove la Doria portava i fanghi derivanti dal lavaggio del pomodoro, che durante l’interrogatorio di garanzia avrebbe sostenuto di aver inviato una lettera ai vertici dell’azienda subito dopo i primi sopralluoghi dei Carabinieri del Noe, proprio per chiedere di riversare altrove i rifiuti. Ed il rapporto con “La Doria” sarebbe infatti cessato nei primi mesi del 2009.

Adesso non resta che attendere gli ulteriori sviluppi giudiziari della vicenda. Per ora si registra, ovviamente, la grande soddisfazione per la revoca degli arresti e per il “ridimensionamento” delle accuse da parte de “La Doria spa”, che in una nota stampa «nel ribadire l’oggettiva sproporzione tra la misura cautelare adottata e la minima entità dei fatti contestati, non può che esprimere viva soddisfazione in relazione alla tempestiva revoca della misura, evidenziando come detto provvedimento confermi le posizioni che l’azienda aveva già espresso. La Doria ribadisce di aver sempre operato correttamente, conferma di riporre la massima fiducia nell’operato della magistratura e confida in una rapida conclusione della vicenda con l’archiviazione».

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Torna l’incubo vandalismo a Cava, danneggiate tre auto

Ancora vandali a Cava de' Tirreni. Nella notte tra mercoledì e giovedì, infatti, sono stati frantumati i vetri di alcune automobili in via Giovanni Canali. Sono tre le vetture danneggiate. Stando alle indiscrezioni, nel mirino c'era anche una quarta auto, ma il tentativo di vandalismo non è andato a...

Nocera, arrestato parcheggiatore abusivo cavese: nascondeva hashish presso abitazione

Nell'ambito delle operazioni volte al contrasto dell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Nocera Inferiore, gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza - Squadra Volante - hanno proceduto all'arresto di C.A., pregiudicato cavese di 24 anni. Secondo una prima...

Incidente mortale a Nocera, libero il 47enne cavese accusato di omicidio stradale

Torna libero M.A., il 47enne di Cava de' Tirreni responsabile, nella notte tra sabato e domenica, dell'incidente in via Nazionale a Nocera Inferiore che è costato la vita ad uno studente di 17 anni, Raffaele Rossi. L'automobilista cavese era alla guida dell'Opel Astra quando, dopo un sorpasso azzardato,...

Cava de’ Tirreni, truffa e falsi pellegrinaggi per San Giovanni Rotondo

Avevano promosso un pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo, raccogliendo adesioni anche attraverso l'affissione di locandine in vari punti di Cava de' Tirreni, ma questa volta si trattava di una truffa. Lo hanno scoperto a loro spese due donne, M. A. e P. M., entrambe residenti in via Filangieri, a...

Cava, colpì l'amico in volto con un boccale di birra: a processo

Litigò con l'amico e, per futili motivi, lo colpì in volto con un boccale di birra, causandogli ferite da taglio multiple al viso e al collo. A distanza di circa tre anni, l'indagato, classe '76, è è destinatario di una richiesta di processo da parte del sostituto procuratore di Nocera Inferiore, Ernesto...