Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Gennaro vescovo

Date rapide

Oggi: 19 settembre

Ieri: 18 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaRiapertura delle fonderie Pisano? L'associazione "Presidio Permanente" pronta a dare battaglia

Anche un cavese tra gli sbandieratori della Federazione Italiana Sbandieratori a Kolkata in India

Dieta antinfiammatoria è l'elisir di lunga vita: riduce del 18% la mortalità

Partorisce e abbandona il feto in un secchio: choc nel salernitano

A Cava volontari in azione per ripulire bosco del Castello di Sant'Adiutore

Consorzio Cava - Centro Commerciale Naturale, 21 settembre la presentazione [PROGRAMMA]

Festa di San Pio a Cava: 23 settembre riposizionamento e benedizione della statua a via G. Vitale

I Cantori di Posillipo presentano "La Canzone Napoletana": 22 settembre a Cava

"Giochi della gentilezza": venerdì 21 appuntamento alla biblioteca “Canonico Avallone”

San Gennaro: si è ripetuto a Napoli miracolo del sangue

Metellia Servizi a Cava, Servalli: «Società che rispetta standard economici e funzionali»

Cava de' Tirreni, si lavora per il parco urbano a corso Principe Amedeo

Cava, in scena “Amore”: iniziativa per dire basta alla violenza di genere

Cava, Servalli incontra il Prefetto: «Illustrata la situazione, a breve la nuova Giunta»

Podista di Salerno stroncato da infarto a Vietri: aveva 68 anni

Cava, Premio Com&Te: 21 settembre cerimonia di premiazione

Cava, Sant'Anna diventa frazione: 22 settembre la cerimonia

Salerno: Viadotto Gatto sarà chiuso per prove di carico

Cava de' Tirreni, slitta la convocazione del Consiglio comunale

Cava de' Tirreni, Servalli al lavoro per la nuova Giunta: Polichetti resterà fuori

Molesta donna in metro: arrestato prete 73enne

Acquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua. Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera Amalfitana La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giorno D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Riapertura delle fonderie Pisano? L'associazione "Presidio Permanente" pronta a dare battaglia

Scritto da (admin), domenica 12 giugno 2016 23:51:43

Ultimo aggiornamento lunedì 13 giugno 2016 08:37:54

Sono bastate delle voci di corridoio (per ora non confermate) a far alzare il livello di guardia dell'associazione "Presidio Permanente". La presenza delle polveri dentro e fuori i luoghi di lavoro e le acque reflue cariche di idrocarburi sono solo la punta dell'iceberg, come dichiarano nel comunicato che riportiamo integralmente.

L'associazione "Presidio Permanente" unitamente ai residenti del Valle dell'Irno e di Salerno sono ormai al limite della sopportazione. Non sono bastate le mortificazioni dovute all'assenza delle istituzioni che per decenni e precisamente dal 1988 fino al 2012, anno di ottenimento dell'Autorizzazione Integrata Ambientale , hanno permesso in maniera colpevole l'esercizio delle attività' delle Fonderie Pisano , ognuno per le proprie competenze, senza che l'azienda stessa avesse uno straccio di autorizzazione all'emissioni in atmosfera. Mortificazioni ed umiliazioni ancora più amplificate dal fatto che da decenni i residenti non vivono più una vita normale perché sono costretti a vivere chiusi nelle loro case con le finestre serrate per cercare di non respirare i veleni che costantemente negli anni precedenti e fino alla chiusura sono stati emessi.

Risulta evidente che dal 16 Maggio scorso, giorno del provvedimento di sospensione delle attività , l'aria è totalmente diversa in tutta la città di Salerno, non avvertendosi più quel tipico tanfo di ferro misto a materiale d'altro genere . Da indiscrezioni giornalistiche si è saputo che con ogni probabilità la riapertura potrebbe essere imminente: ciò rappresenta per tutti i cittadini un'ulteriore umiliazione. Il presidio permanente ritiene che le motivazioni per cui si potrebbe decretare la riapertura delle fonderie siano insoddisfacenti rispetto alle prescrizioni imposte nel provvedimento di sospensione rilasciato dalla Regione in seguito ai sopralluoghi effettuati dal task force dell'Arpa Campania.

Nello specifico sono due i punti che si ritiene non possano essere stati superati: 1) il problema delle emissioni diffuse dovute alla presenza delle polveri all'interno e all'esterno dei reparti di lavoro; 2) il problema degli scarichi di acque reflue industriali del fiume Irno relativi al parametro idrocarburi totali; Per quanto concerne il punto 1) si ritiene del tutto ridicola la soluzione prospettata dalle Fonderie Pisano; infatti la società come accorgimento ha proposto l'utilizzo di procedure gestionali e organizzative quali la pulizia a fine turno dei pavimenti dei luoghi di lavoro, l'installazione di una porta per il confinamento delle polveri all'interno e l'uso di una moto spazzatrice per la pulizia dei piazzali esterni senza intervenire strutturalmente , così come prescrive la legge, sui sistemi di Captazione ed aspirazione delle polveri. La soluzione proposta non risulta degna nemmeno delle prime industrie nate nella prima rivoluzione industriale; essa risulta ancora più grave alla luce del fatto che implicitamente obbligherebbe i lavoratori presenti all'interno dei reparti di lavoro a respirare e inalare le polveri nocive in palese violazione del D.Lgs 81/08 -Testo Unico sulla Sicurezza e l'igiene dei Luoghi di lavoro poiché esse non risultano efficacemente espulse da sistemi di aspirazione ma vengono volontariamente lasciate vagare negli ambienti di lavoro per poi depositarsi sui pavimenti. Tale questione relativa all'inalazione delle polveri da parte dei lavoratori appare alquanto più grave e sconvolgente anche e soprattutto alla luce del fatto che essa trova riscontro almeno fin dal 2007 quando l'imprenditore Pisano fu indagato per poi patteggiare la pena nel febbraio 2015 per un reato relativo alla stessa violazione di legge Per quanto riguarda il punto 2) l'aggiunta di una stazione fisico-chimica a monte delle vasche di raccolta e sedimentazione per risolvere il problema di superamento del parametro Idrocarburi Totali , l'efficacia della quale andrebbe comunque valutata, rappresenta una modifica non sostanziale dell'Autorizzazione Integrata Ambientale in quanto modifica il ciclo di depurazione indicata nell'Aia Stessa.

Come tale essa andrebbe approvata preventivamente e non potrebbe essere realizzata senza una preventiva autorizzazione esplicita della Regione Campania con apposito Decreto Dirigenziale Altre questioni ugualmente gravi e importanti sono rappresentate da quello che emerge dal provvedimento regionale di sospensione di attività' delle fonderie Pisano del 16/05/2016: 1) nel provvedimento non vengono indicate le criticità' riscontrate dalla relazione di sopralluogo Arpac del 29/04/2016 relativamente ai piazzali esterni delle fonderie Pisano; in tale relazione risulta evidente : -l'inadeguatezza dello stoccaggio dei materiali ferrosi e delle materie prime che risultano privi di idonea copertura . Ciò' , da quanto emerge nelle sopraindicata relazione, comporta che il periodo di prima pioggia si protrae ben oltre i 15 minuti previsti dalla legge provocando l'entrata in funzione del by-pass con il conseguente scarico nel fiume Irno di materiali non trattati dall'impianto di depurazione - il sottodimensionamento delle vasche di sedimentazione e disoleazione ( 120 mc) rispetto alla grandezza dei piazzali 50.000 mq . Tale circostanza provoca quindi lo scarico nel fiume Irno di materiali non trattati dall'impianto di depurazione - l'assenza tra le varie fasi del trattamento di depurazione di un sistema di rilancio elettromeccanico; anche ciò implica uno scarico attraverso il by pass di scarichi non efficacemente trattati - l'eccessivo dislivello tra i piazzali e la posizione dell'impianto di depurazione; tale situazione comporta una turbolenza nei bacini con conseguente trattamento non efficace degli inquinanti 2) il provvedimento in questione avrebbe dovuto portare già in questa fase alla revoca dell'AIA perché , come ammesso dalla stessa regione nel provvedimento stesso, non sono state superate criticità' già emerse nella precedente diffida del 19/02/2016, criticità quindi reiterate che determinano situazioni di pericolo o di danno per l'ambiente; tale condizione avrebbe dovuto trovare l'applicazione dell'art.29-decies comma 9 lettera c) che comporta " ......revoca dell'autorizzazione e alla chiusura dell'installazione, in caso di mancato adeguamento alle prescrizioni imposte con la diffida e in caso di reiterate violazioni che determinino situazioni di pericolo o di danno per l'ambiente"..... Tutto ciò premesso , per i motivi sopra esposti , il presidio permanente chiede con forza che non venga emesso il provvedimento di riapertura delle fonderie Pisano e che, nella malaugurata ipotesi si dovesse procedere alla ripresa della attività per consentire le prove ad impianto accesso sui camini , esse siano effettuate attraverso una simulazione senza consentire una riapertura vera e propria e ciò in applicazione del principio di precauzione dato che l'attivazione di un impianto potenzialmente pericoloso potrebbe essere pregiudizievole per la salute pubblica Inoltre viene chiesto alla procura e alla magistratura e in particolare modo ai procuratori Lembo, Polito e Guarriello di intervenire al più presto con un sequestro preventivo ai sensi dell'art. 321 c.p.p , atteso che ormai dalle relazioni effettuate in vari periodi dall'ARPAC appare evidente la situazione che non necessita, a parere del presidio, di ulteriori indagini.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Podista di Salerno stroncato da infarto a Vietri: aveva 68 anni

Un podista 68 enne di Salerno è stato stroncato da un infarto ieri mattina dopo aver raggiunto Vietri sul Mare per una passeggiata salutare. Giannino Tuberosa, dopo aver preso un caffè in un bar lungo la strada stava rientrando verso casa quando è stato colto probabilmente da un infarto che non gli ha...

Molesta donna in metro: arrestato prete 73enne

Ha molestato una donna in metro, ma lei lo ha inseguito e lo ha fatto arrestare dalla polizia. E' accaduto stamattina a Roma alla stazione Termini. L'uomo, un 73enne inglese, è stato bloccato da una pattuglia del commissariato Villa Glori e ha anche opposto resistenza. E' stato arrestato con le accuse...

Selfie finisce in tragedia: 15enne precipita dal tetto e muore

Una bravata finita in tragedia: ieri sera intorno alle 22:30 un ragazzo di 15 anni, A.B., è salito con tre amici sul tetto del centro commerciale Sarca di Sesto San Giovanni, nel Milanese, per scattarsi un selfie, ma all'improvviso è precipitato da un'altezza di 25 metri, finendo all'interno di una condotta...

Tragedia a Cava de' Tirreni: anziano trovato morto in località Badia

Tragedia questo pomeriggio a Cava de' Tirreni dove un anziano è stato trovato morto in località Badia. R.R., queste le sue iniziali, non era ritornato per pranzo. La sua assenza aveva preoccupato i familiari che subito si erano messi sulle sue tracce, trovandolo poi privo di vita nel vallone Bonea, nei...

Camorra a Cava de' Tirreni, indagato anche l'ex Cavese Eziolino Capuano

C'è anche Eziolino Capuano tra gli indagati dell'inchiesta Dda di Salerno che ieri mattina ha smantellato tre gruppi criminali proprio a Cava de' Tirreni (clicca qui per approfondire). L'ex allenatore della Cavese, al momento disoccupato, è indagato dalla Dda con l’accusa di aver reso dichiarazioni false...