Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 53 secondi fa S. Arsenio diacono

Date rapide

Oggi: 19 luglio

Ieri: 18 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaPista ultrà per la bomba al ‘Cavese Point'

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Pista ultrà per la bomba al ‘Cavese Point'

Scritto da (admin), mercoledì 14 gennaio 2004 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 14 gennaio 2004 00:00:00

Il giorno dopo l'esplosione della cassetta bomba davanti alla vetrina del "Cavese Point" - il punto vendita di gadget, biglietti per partite esterne e materiale con il marchio della Cavese, di proprietà del dirigente aquilotto Franco Di Salvatore - si segue la pista dell'azione dimostrativa contro la Cavese Calcio, ma non solo. Di Salvatore, titolare di una litotipografia, è un imprenditore impegnato anche nell'organizzazione di concerti e sta lavorando in maniera consistente al "Palasele" di Eboli. Tra l'altro, è socio di Alfonso Troiano, il figlio dello scomparso Ciccio, ed è stato uno degli organizzatori della giornata di Biagio Antonacci allo stadio "Lamberti" in occasione della festa promozione contro il Vittoria. Secondo le prime indiscrezioni, le indagini avviate dal Commissariato locale di Polizia sarebbero rivolte a rintracciare legami con altri episodi sospetti. Tra questi, le voci trapelate sabato notte al Corso Umberto, ma non ancora confermate, circa la visita in città di una delegazione di tifosi della Nocerina. La zona in cui si trova il "Cavese Point" è, tra l'altro, la stessa dove si registrò il terribile raid teppistico alla vigilia del derby Nocerina-Cavese. Nell'elenco figurerebbe anche l'incursione notturna della scorsa settimana negli uffici di Cava Market, di proprietà del presidente della Cavese, Antonio Della Monica. Minacce, dunque, contro la squadra aquilotta. Ma chi sarebbero gli autori? Tifoserie avverse o persone vicine all'ambiente della società, in rotta già da qualche tempo con gli esponenti? Le uniche certezze arrivano dai primi rilievi eseguiti sulla cassetta bomba. Chi l'ha preparata ha usato un grosso petardo. In realtà, sembra essersi trattato di una classica cipolla usata per i fuochi di fine anno, che da sola non avrebbe potuto provocare grossi danni. Ma l'ordigno è stato confezionato come un pacco bomba. Secondo i primi accertamenti, l'autore o gli autori del folle gesto hanno adagiato una cassetta di frutta, posizionata in senso verticale, davanti alla vetrina del negozio. Sopra hanno sistemato il grosso petardo. Infine, hanno acceso la miccia. La deflagrazione ha colpito la vetrina nel mezzo. L'onda d'urto è stata violenta, ma poiché si trattava di un vetro antiproiettili, la vetrina si è scheggiata, senza frantumarsi. Tra l'altro, è stata prontamente sostituita dopo la scoperta del fattaccio. Nessuna rivendicazione o scritta ingiuriosa: la mano incendiaria non ha lasciato alcun indizio. Diversi gli episodi registratisi negli ultimi mesi lungo le vie principali del centro cittadino. Risale al 24 ottobre scorso la prima rapina alla filiale della Banca di Roma, in via Mazzini. I rapinatori agiscono a volto scoperto: sequestrano dipendenti e clienti, per portare via 10mila euro. Dopo poche settimane, il 18 ottobre, al Parco Beethoven esplode una bomba carta, che danneggia la vetrina del negozio "Borse & Borse", della famiglia Ferraioli-Buonocore. Alla vigilia del nuovo anno - siamo allo scorso 30 dicembre - si consuma la rapina bis alla Banca di Roma. I rapinatori, ancora una volta a volto scoperto, mettono a segno un colpo da 7mila euro. Ma non è finita. Nell'ultimo week-end ancora gesti criminali. Venerdì notte vengono sparati 4 colpi di pistola contro la vetrina del caseificio dei fratelli Bisogno, in via XXV Luglio. Sabato notte, poi, balordi danno alle fiamme i cassonetti della Se.T.A. e le campane per la raccolta differenziata. Nella notte tra domenica e lunedì, infine, la cassetta bomba al "Cavese Point".

Il vicequestore Coppola: «Opera di balordi, non del racket»

«Stiamo battendo tutte le possibili piste investigative. Al momento, ci sono solo delle ipotesi su quello che potrebbe essere il movente per l'esplosione della scorsa notte»: a confermarlo è il vicequestore Sebastiano Coppola, dirigente del Commissariato di Polizia locale. Contattato telefonicamente, ieri mattina di buon'ora, Coppola era già al lavoro, alle prese con l'ennesimo episodio incendiario registratosi in città. «A 24 ore di distanza dal fattaccio - ammette Coppola - non ci sono grossi sviluppi nelle indagini. Ieri mattina (ndr: lunedì mattina) abbiamo eseguito i primi rilievi ed abbiamo raccolto diverse testimonianze». Tra i testimoni ascoltati ci sarebbero alcune persone che abitano in zona, oltre al proprietario del "Cavese Point". «Sulla base dei primi riscontri - spiega Coppola - tendo ad escludere la matrice del racket. Il proprietario del "Cavese Point" è anche titolare di una tipografia. Pertanto, se avessero voluto colpirlo, avrebbero mirato alla sua attività commerciale, ubicata in una zona più periferica. Inoltre, accanto al "Cavese Point" ci sono diversi negozi, che potevano finire nel mirino». Esclusa la matrice estorsiva, le indagini si concentrano su due piste. «Parlerei piuttosto - precisa Coppola - di ipotesi. Credo che possano essere stati dei balordi, che hanno pensato bene di far esplodere un grosso petardo davanti alla vetrina, oppure qualcuno che voleva colpire la Cavese Calcio».

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Sal De Riso, battaglia legale contro il fratello a tutela del marchio registrato

Se il noto pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo ha vinto la sfida del marchio "Sorbillo" dalla sezione imprese del Tribunale di Napoli, che gli ha dato ragione riconoscendogli il diritto a utilizzare il marchio Sorbillo - al di là del fatto che sia il cognome in comune con un parente -, Salvatore De Riso,...

Aggredì ispettore ambientale: condannato giovane cavese

di Livio Trapanese Condannato giovane pregiudicato cavese per aver aggredito, minacciato, profferite frasi con minacce di morte e cagionate lesioni ad un Ispettore Ambientale nel novembre 2017. Nell'autunno dello scorso anno, un Ispettore Ambientale, unitamente ad altro collega, nell'apprestarsi ad intraprendere...

Scassinava distributori automatici delle scuole: quattro anni a 40enne cavese

E' stato condannato a 4 anni di carcere Antonio Vincolo, il 40enne cavese noto come il "ladro seriale di merendine". L'uomo è passato agli onori della cronaca per aver scassinato i distributori automatici di merendine dell'Istituto superiore Filangieri in tre occasioni: 26 e 28 ottobre e 5 luglio 2017....

Omicidio Maiorano: celebrata l'udienza preliminare

di Patrizia Reso Ieri mattina, presso il Tribunale di Nocera Inferiore si è svolta l'udienza preliminare che vede imputato per omicidio Salvatore Siani. Il collegio difensore dell'imputato, avvocati Agostino De Caro e Pierluigi Spadafora, ha presentato richiesta di rito abbreviato "nell'interesse" dell'imputato....

Omicidio Maiorano: udienza rinviata al 23 luglio

È stata rinviata al 23 luglio la prima udienza del processo a carico di Salvatore Siani, il barbiere 48enne di Cava de' Tirreni che lo scorso 22 gennaio uccise, al culmine di un violento litigio, sua moglie, Nunzia Maiorano. Siani è accusato di omicidio volontario premeditato e le prove contro di lui...