Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaPacco bomba convalidati gli arresti

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Pacco bomba, convalidati gli arresti

Scritto da (admin), venerdì 1 febbraio 2008 00:00:00

Ultimo aggiornamento venerdì 1 febbraio 2008 00:00:00

Avrebbero potuto agire ancora, come hanno fatto martedì notte all'"Infortunistica Della Brenda". Nel garage dell'abitazione di Gugliemo Mandiello, il 22enne di Nocera Inferiore arrestato insieme ai due complici, il 18enne Vincenzo Carbone e R.M.C. di 17 anni, dopo aver piazzato l'esplosivo davanti allo studio tecnico, c'era la stessa arma: un altro pacco bomba già confezionato e pronto per l'uso. Per gli agenti della Squadra Mobile di Salerno e per gli uomini del Commissariato di Cava, che da mesi stanno lavorando giorno e notte per incastrare gli autori della lunga striscia di attentati in città, il particolare emerso nel corso delle perquisizioni dimostrerebbe il possibile collegamento con gli altri precedenti e la volontà di continuare a colpire. Mercoledì mattina, davanti al magistrato Cassaniello, Vincenzo Carbone, assistito dal suo legale Enrico Bisogno, pur confessando la sua responsabilità per il rogo all'agenzia "Della Brenda", ha smentito qualsiasi legame con gli altri attentati.

Un interrogatorio durato un paio di ore per Carbone, così come per gli altri due giovani. L'incontro col magistrato è avvenuto in carcere. Davanti al suo avvocato il detenuto ha raccontato la sua versione dei fatti. Carbone avrebbe ammesso di aver partecipato all'attentato di martedì notte (circostanza peraltro confermata dalla flagranza di reato), ma di non sapere niente degli altri raid criminali. Carbone avrebbe risposto alle domande del magistrato anche circa lo scopo del rogo e sulla presunta presenza di mandanti. Per ora, vista la fase delle indagini e la delicatezza della vicenda, restano top secret il contenuto delle sue risposte. Ieri, alle 15, al termine dell'udienza, il Gip ha convalidato la misura cautelare in carcere per Carbone e si è riservato di decidere sull'istanza di rimessa in libertà, presentata dall'avv. Bisogno. Mandiello ed il 17enne restano in carcere (per loro procede il Tribunale dei Minori). Con ogni probabilità, in queste ore anche per loro sarà decisa la convalida degli arresti. Secondo gli inquirenti la flagranza di reato - come si ricorderà, i tre giovani a bordo di una Fiat Punto e di un motorino Piaggio sono stati notati dagli agenti mentre posizionavo il pacco bomba davanti allo studio tecnico "Della Brenda" - e la fedina penale non più candida nonostante la giovane età (tutti con precedenti penali contro il patrimonio), basterebbero da soli a motivare la convalida degli arresti.

Intanto, gli agenti della Squadra Mobile, diretta dal dott. Carmine Soriente, con l'ausilio degli uomini del Commissariato di Cava, continuano le loro indagini. L'ipotesi seguita porterebbe a collegare tutti, o comunque, molti degli attentati. Si lavora per scoprire il movente dell'attentato e per smascherare i possibili, al momento ancora presunti, mandanti. I tre giovani di Nocera Inferiore avrebbero potuto agire dietro compenso ed essere stati reclutati per piazzare pacchi bomba. Non si trascura nessun elemento, neppure quelli in apparenza più insignificanti, come alcune coincidenze. La maggior parte degli attentati sono stati messi a segno la notte tra martedì e mercoledì. Ed ancora, dopo i primi roghi (Cinecittà, Takis, Emporio 2004), sono stati colpiti settori commerciali specifici: prima quello del caro estinto, poi quello delle pratiche automobilistiche ed infortunistica.

I commercianti: «Speriamo che l'incubo sia finito»
Per avere qualche elemento in più, ieri gli agenti del Commissariato hanno chiesto al magistrato di nominare un perito che esegua ulteriori analisi all'"Infortunistica Della Brenda srl", luogo dove si sono sviluppate le fiamme. È solo una formalità per avere altri elementi contro i tre presunti attentatori, già inchiodati dal fatto di essere stati beccati in flagrante. Intanto, al rione Epitaffio ed in tutto il centro si tira un sospiro di sollievo dopo la lunga striscia di attentati dinamitardi. La notizia degli arresti viene accolta come una boccata di ossigeno. «Certo, le autorità e gli stessi amministratori continuavano ad invitare alla calma ed a non creare allarmismo - dicono i residenti del rione, colpiti a distanza di mesi da due attentati (il primo all'agenzia "La Metelliana" e l'ultimo all'"Infortunistica Della Brenda") - ma era evidente che i commercianti ed anche i cittadini non potevano essere tranquilli».

La vicenda dei roghi e dei pacchi bomba va avanti da mesi, dal primo attentato alla videoteca Cine&Città. Da quel momento è stato un susseguirsi di intimidazioni ed il cerchio delle vittime si è allargato a macchia d'olio. «La scorsa notte c'era un forte dispiegamento di Forze. La Polizia è stata brava a beccarli la sera stessa - dicono i titolari degli esercizi commerciali della zona - Ma non poteva essere altrimenti, gli attentatori si sono spinti troppo in là». La giornata di ieri è stata anche un momento di riflessione e di bilanci. A tenere banco è stata la conta dei danni. Il pacco bomba ha provocato numerosi danni, non solo al magazzino finito nel mirino degli attentatori. Secondo le prime stime, come attesta lo stesso titolare dell'agenzia, il rogo ha distrutto la serranda, la vetrata ed un cartellone pubblicitario. L'alto potenziale dell'esplosivo utilizzato non avrebbe risparmiato gli interni. Le fiamme, infatti, hanno ridotto in cenere anche parte degli arredi, le attrezzature ed i computer. Salva, invece, la documentazione cartacea, custodita nel retro del locale.

Al danno, però, si aggiunge anche la beffa. Il rogo doloso ha coinvolto pure due auto parcheggiate nei pressi dello studio tecnico ed i vetri delle abitazioni limitrofe. «Chi ci pagherà ora i danni?», continuano a ripetere i proprietari delle vetture danneggiate. Alla sorpresa ed allo sconforto registrati nelle prime ore dopo l'incendio subentra ovviamente la rabbia. «Da due giorni stiamo in giro per cercare di capirci qualcosa - dicono - Vorremmo avere delle risposte, ma al momento, data anche la delicatezza e l'importanza della vicenda, si sta pensando a ben altro». Nella giornata di ieri, intanto, il sindaco Luigi Gravagnuolo e l'assessore alla Sicurezza, Alfonso Senatore, hanno chiamato personalmente il capo della Squadra Mobile, Carmine Soriente, ed il dirigente del Commissariato di Cava, Pietro Caserta, per complimentarsi dell'importante risultato ottenuto, estendendo gli elogi a tutti gli uomini che hanno preso parte all'operazione.

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Cava, incendio nell'ex campo containers di San Pietro: si indaga

Paura a Cava de' Tirreni, dove, poco prima delle 1:00, si è verificato un incendio nell'ex campo containers della frazione San Pietro. Come riporta RTC Quarta Rete a bruciare è stato lo scheletro di un prefabbricato che, già da diversi mesi, era stato abbandonato alle spalle del campo sportivo. Sul posto...

Operazione antidroga a Vietri: 23enne con cocaina e bilancini in casa, arrestato

Operazione antidroga dei Carabinieri a Vietri sul Mare che ieri, al termine di un'attenta attività d'indagine hanno tratto in arresto un giovane del posto per possesso di un cnsiderevole quantitativo di droga. A.V., classe '94, aveva in casa circa 23 grammi di cocaina, sette piante di cannabis e 400...

Incidente in autostrada, muore 32enne di Cava de’Tirreni

Un drammatico incidente stradale si è verificato questa notte sull'Autostrada del Sole lungo la corsia sud dell'A1 in territorio di Roccasecca nel Frusinate. Per cause ancora da accertare, un 32enne di Cava de' Tirreni ha perso il controllo del furgone e si è schiantato contro un tir. L'impatto è stato...

Sal De Riso, battaglia legale contro il fratello a tutela del marchio registrato

Se il noto pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo ha vinto la sfida del marchio "Sorbillo" dalla sezione imprese del Tribunale di Napoli, che gli ha dato ragione riconoscendogli il diritto a utilizzare il marchio Sorbillo - al di là del fatto che sia il cognome in comune con un parente -, Salvatore De Riso,...

Aggredì ispettore ambientale: condannato giovane cavese

di Livio Trapanese Condannato giovane pregiudicato cavese per aver aggredito, minacciato, profferite frasi con minacce di morte e cagionate lesioni ad un Ispettore Ambientale nel novembre 2017. Nell'autunno dello scorso anno, un Ispettore Ambientale, unitamente ad altro collega, nell'apprestarsi ad intraprendere...