Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronaca‘Non le ho violentate ecco le prove'

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

‘Non le ho violentate, ecco le prove'

Scritto da (admin), martedì 14 settembre 2004 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 14 settembre 2004 00:00:00

«Sono innocente: altre persone possono confermare cosa è successo in quella sala giochi. E posso anche capire il perché di tutte queste accuse infamanti nei miei confronti»: ieri mattina ha parlato il muratore 20enne, arrestato dalla Polizia con l'accusa di violenza sessuale e tentata violenza, nonché di atti di libidine e violenza commessi nei confronti di alcune ragazze minorenni. Nel corso dell'interrogatorio fissato dal Gip Anna Emilia Giordano alle 9.30 nel Tribunale di Salerno, il giovane, accompagnato dal suo avvocato Pasquale Adinolfi, ha deciso di rinunciare alla facoltà di non rispondere. Per circa un'ora e mezza ha risposto alle domande incalzanti del giudice, riferendo la sua versione dei fatti e fornendo elementi, fatti circostanziati e nomi di altri giovani frequentatori del circolo del centro storico. Persone che, secondo le parole del muratore, potrebbero confermare il suo racconto. «Il mio cliente - ha ripetuto l'avv. Pasquale Adinolfi - è completamente estraneo ai fatti. Le ricostruzioni ipotizzate dall'accusa non corrispondono al vero. Gli elementi forniti dal mio cliente consentiranno al giudice di eseguire nuovi accertamenti ed arrivare alla verità». Stando alle prime indiscrezioni, il giovane avrebbe negato di aver avuto qualsiasi tipo di rapporto con le minorenni, ed in particolare con la 15enne che ha presentato la denuncia alla Polizia per mano dei suoi familiari. Tra loro ci sarebbe solo un rapporto di conoscenza. Ma non basta: l'avv. Adinolfi ha detto al Gip di non considerare probante prova il certificato stilato dal ginecologo della ragazzina. «Il certificato è stato redatto ben 20 giorni dopo la presunta violenza - spiega la difesa - e non ci sono elementi in grado di collegare l'esito della visita con la presunta violenza». Accuse infondate, dunque, ma perché tutto questo? Perché delle giovani avrebbero deciso di avviare questa terribile battaglia legale? Alla precisa domanda del giudice, il giovane avrebbe dato una spiegazione. «Sappiamo quale possa essere il movente - ha svelato il suo avvocato - ma ora non possiamo dire di più». Nella stessa giornata di ieri la difesa ha presentato la richiesta per un permesso che consenta al giovane operaio di tornare al lavoro. Come si ricorderà, il giudice, pur decidendo di firmare l'ordinanza di custodia cautelare, ha concesso gli arresti domiciliari. Anche ieri il giovane è giunto in Tribunale senza scorta, accompagnato dal suo legale. Intanto, il Gip Anna Emilia Giordano ha avviato nuovi accertamenti per verificare la veridicità delle deposizioni fornite dal giovane. Non si esclude che nelle prossime ore saranno ascoltati gli amici dell'operaio, indicati nel corso dell'interrogatorio come persone informate sui fatti ed in grado di confermare la sua versione. Di diverso tenore l'inchiesta portata avanti per ben tre mesi dal pm Sassano, che ha portato all'ordinanza di custodia cautelare. Secondo la ricostruzione degli agenti del Commissariato di Polizia, i fatti si riferiscono al mese di giugno. Il giovane, socio di un noto circolo del centro storico, avrebbe usato una sala di videogiochi, ubicata in un locale seminterrato, per compiere abusi su minorenni. A svelare l'orribile gioco è stata la famiglia di una 15enne, che per provare le accuse ha consegnato alla Polizia il certificato medico di un ginecologo cavese. E non basta. Nel fascicolo, raccolto dagli inquirenti, ci sarebbero anche le testimonianze di altre amiche della 15enne (pure loro assidue frequentatrici del circolo), che avrebbero confermato di essere state vittime di abusi e di aver taciuto perché minacciate. Nei verbali della Polizia si parla di un abile gioco messo in piedi dal giovane. «Aspettava - si legge - che qualche ragazzina scendesse nel seminterrato per giocare con i videogiochi e lì, lontano da occhi indiscreti, ne approfittava per commettere atti libidinosi ed abusi sessuali. Poi le minacciava: imponeva il silenzio forte della sua prestanza fisica».

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Sal De Riso, battaglia legale contro il fratello a tutela del marchio registrato

Se il noto pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo ha vinto la sfida del marchio "Sorbillo" dalla sezione imprese del Tribunale di Napoli, che gli ha dato ragione riconoscendogli il diritto a utilizzare il marchio Sorbillo - al di là del fatto che sia il cognome in comune con un parente -, Salvatore De Riso,...

Aggredì ispettore ambientale: condannato giovane cavese

di Livio Trapanese Condannato giovane pregiudicato cavese per aver aggredito, minacciato, profferite frasi con minacce di morte e cagionate lesioni ad un Ispettore Ambientale nel novembre 2017. Nell'autunno dello scorso anno, un Ispettore Ambientale, unitamente ad altro collega, nell'apprestarsi ad intraprendere...

Scassinava distributori automatici delle scuole: quattro anni a 40enne cavese

E' stato condannato a 4 anni di carcere Antonio Vincolo, il 40enne cavese noto come il "ladro seriale di merendine". L'uomo è passato agli onori della cronaca per aver scassinato i distributori automatici di merendine dell'Istituto superiore Filangieri in tre occasioni: 26 e 28 ottobre e 5 luglio 2017....

Omicidio Maiorano: celebrata l'udienza preliminare

di Patrizia Reso Ieri mattina, presso il Tribunale di Nocera Inferiore si è svolta l'udienza preliminare che vede imputato per omicidio Salvatore Siani. Il collegio difensore dell'imputato, avvocati Agostino De Caro e Pierluigi Spadafora, ha presentato richiesta di rito abbreviato "nell'interesse" dell'imputato....

Omicidio Maiorano: udienza rinviata al 23 luglio

È stata rinviata al 23 luglio la prima udienza del processo a carico di Salvatore Siani, il barbiere 48enne di Cava de' Tirreni che lo scorso 22 gennaio uccise, al culmine di un violento litigio, sua moglie, Nunzia Maiorano. Siani è accusato di omicidio volontario premeditato e le prove contro di lui...