Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Pacifico da S. Severino

Date rapide

Oggi: 24 settembre

Ieri: 23 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

San Francesco d'Assisi Patrono d'ItaliaDivin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaImmigrazione clandestina, sgominata gang criminale

Acquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneRistorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGeljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera AmalfitanaLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Immigrazione clandestina, sgominata gang criminale

Scritto da (admin), venerdì 13 novembre 2015 00:00:00

Ultimo aggiornamento venerdì 13 novembre 2015 00:00:00

Nelle prime ore del giorno 11 novembre u.s., a conclusione di una lunga e complessa indagine, condotta dalla Sezione Anticrimine del Commissariato di P.S. di Cava de’ Tirreni, diretto dal vice Questore aggiunto Marzia Morricone, personale del predetto ufficio ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali, emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Nocera Inferiore.

È stato tratto in arresto Spinelli Giovanni, nato a Nocera Inferiore il 16/10/1967, mentre è sfuggita all’arresto, rendendosi irreperibile ed ora ricercata, una sua complice di nazionalità marocchina, da qualche tempo rientrata (e probabilmente rifugiatasi) nel suo Paese di origine. Entrambi devono rispondere di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, attraverso la celebrazione di “matrimoni di comodo” e l’utilizzo di atti contraffatti o comunque illegalmente ottenuti, con il fine di favorire l’ingresso nella Comunità Europea di cittadini extracomunitari clandestini. In ordine agli stessi fatti sono indagate altre 34 persone, di nazionalità italiana e straniera, tutte residenti a Cava de’ Tirreni ed in altri Comuni limitrofi, coinvolte nelle attività illegali gestite dai predetti, dei quali è rimasto accertato il ruolo di organizzatori dell’illecito traffico.

L’attività investigativa, protrattasi per circa un anno al fine di evidenziare eventuali unioni simulate, ha avuto origine da una serie di accertamenti disposti dal Commissariato di P.S. di Cava de’ Tirreni, tesi a verificare appunto la reale convivenza tra cittadini italiani ed extracomunitari che avevano contratto matrimonio all’estero, per poi entrare nel nostro Paese ed ottenere il permesso di soggiorno. Gli inquirenti hanno in tal modo potuto accertare l’esistenza di un’organizzazione criminale, operante in questo territorio, dedita alla celebrazione di “matrimoni di comodo” tra cittadini italiani ed extracomunitari clandestini di nazionalità marocchina, dietro pagamento di ingenti somme di denaro, con il fine illecito di far ottenere il permesso di soggiorno a questi ultimi.

In particolare, le indagini hanno consentito di ricostruire le vicende delittuose ricollegabili a ben 19 “matrimoni simulati”, celebrati a partire dal 2012. Tra le persone coinvolte nell’inchiesta, gli investigatori hanno identificato extracomunitari clandestini che, per ottenere il permesso di soggiorno e regolarizzare la loro posizione in Italia, erano disposti a pagare fino a 10mila euro agli organizzatori di tale traffico, i quali si attivavano per ottenere i documenti necessari alla celebrazione dei matrimoni e, in alcuni casi, si occupavano anche della cerimonia e del banchetto nuziale per dare una parvenza di veridicità al fatto.

Giovanni Spinelli e la donna marocchina sua complice, nella gestione dei loro traffici illeciti, arrivavano persino a mettere a disposizione diversi appartamenti dove le neo coppie andavano a vivere, quasi sempre in modo simulato, ovvero temporaneamente, al solo scopo di ottenere la residenza anagrafica, per tentare ovviamente di aggirare i controlli di polizia tesi ad accertare la reale convivenza dei “coniugi”. Gli organizzatori si occupavano, inoltre, di fornire agli extracomunitari clandestini una sorta di “pacchetto di servizi” durante tutto il periodo necessario per ottenere il permesso di soggiorno, per assisterli e soddisfare le loro primarie esigenze, fornendo loro cibo ed altri generi essenziali, nonché cellulari e schede telefoniche; certamente non per spirito umanitario, ma per garantirsi il controllo dei loro comportamenti, oltre che per renderli non completamente autosufficienti e quanto più possibile “invisibili”, al fine di limitare il rischio di accertamenti da parte delle Forze dell’ordine.

I “coniugi” di nazionalità italiana (di entrambi i sessi) coinvolti nell’indagine venivano dagli organizzatori reclutati tra soggetti con problemi economici, disposti per poche migliaia di euro a sposarsi con cittadini marocchini e che, pertanto, commettevano anch’essi il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in ordine al quale sono - come si diceva - tutti indagati. Tra i soggetti incriminati è emersa, in particolare, la posizione di una donna straniera regolarmente soggiornante, complice dello Spinelli, già moglie fittizia di un cittadino marocchino clandestino, che ha fornito la sua intermediazione per fare in modo che sua figlia si prestasse anche lei a celebrare un matrimonio simulato con altro extracomunitario irregolare.

Giovanni Spinelli all’atto dell’arresto ha tentato di sfuggire al personale di Polizia operante, che però è riuscito prontamente a bloccarlo nel garage della sua abitazione, mentre il soggetto era già salito in auto per allontanarsi. A carico di Spinelli è stata applicata la misura degli arresti domiciliari, congiuntamente alla misura del divieto di espatrio. Inoltre sono state disposte ed eseguite varie perquisizioni domiciliari, tese alla ricerca di ulteriori elementi utili e di supporto alle investigazioni.

La complessa ed articolata attività di indagine, espletata dal Commissariato di P.S. di Cava de’ Tirreni e coordinata dal sost. procuratore Mafalda Daria Cioncada, ha consentito quindi di smantellare una diffusa organizzazione criminale, operante in un vasto territorio, ed ha posto fine ad una serie di azioni delittuose, nonché determinato una significativa frattura nell’ambito del rilevante fenomeno criminale del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, che si realizza, com’è noto, mediante differenti tipologie di attività illecite, tra le quali quella dei “matrimoni simulati” è certamente una delle più subdole e deprecabili.

Il Procuratore della Repubblica, Giovanni Francesco Izzo

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Incidente sulla statale 18: fuori pericolo il bambino investito da scooter

E' fuori pericolo il bambino che ieri pomeriggio, insieme al padre, è stato investito da uno scooter guidato da una 16enne sulla SS18 che collega Cava de' Tirreni e Vietri sul Mare. Il piccolo era stato condotto prima al pronto soccorso del Santa Maria dell'Olmo in codice rosso, poi, dopo le prime cure,...

Tentato furto alla "Bcc" di Campigliano: cinque arresti

Avevano pianificato il colpo da tempo e nei minimi dettagli ma qualcosa, questa notte, deve essere andato storto. E così è saltato il furto ai danni della filiale della BCC di Campigliano orchestrato da una banda specializzata in queste azioni sulle cui tracce c'erano anche i poliziotti di Napoli. Cinque...

Incidente tra Cava e Vietri: padre e figlio investiti da uno scooter

Grave incidente stamattina sulla SS18 che collega Cava de' Tirreni e Vietri sul Mare: mentre attraversavano la strada, padre e figlio sono stati investiti da uno scooter guidato da una ragazza. Stando alla prima ricostruzione dei testimoni presenti sulla scena l'uomo e il bimbo stavano attraversando...

Cava de' Tirreni, 47enne evade dai domiciliari: scoperta e arrestata

Evade dai domiciliari per poi essere sorpresa dai carabinieri e arrestata. E' accaduto a Cava de' Tirreni lo scorso 17 settembre. Protagonista dell'episodio è una 47enne, agli arresti domiciliari dall'11 ottobre 2017, già pregiudicata per analoghi reati e non solo. Come scrive il giornalista di cavese,...

Cava, furto al 3° circolo didattico dell'Annunziata: sottratti 17 computer

Ancora furti nelle scuole a Cava de' Tirreni. Due notti fa è toccato al plesso scolastico dell'Annunziata, dove ignoti hanno sequestrato ben 17 computer. Nello specifico, come riporta laredazione.eu, i ladri hanno prima forzato la porta secondaria dell'istituto, poi, una volta dentro, hanno divelto una...