Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Rita da Cascia

Date rapide

Oggi: 22 maggio

Ieri: 21 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronaca‘I giudici dovranno chiedermi scusa'

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

‘I giudici dovranno chiedermi scusa'

Scritto da Il Mattino (admin), giovedì 21 novembre 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 21 novembre 2002 00:00:00

Da Cosenza rompe il silenzio Elisabetta Della Corte, la donna originaria di Cava de' Tirreni, ora assegnista di ricerca all'Università di Cosenza, che è indagata per associazione sovversiva. Elisabetta, che negli anni '90 testimoniò al processo sul rapimento del fidanzato Franco Amato, facendo condannare i colpevoli, parla del suo lavoro, delle accuse che le hanno contestato e del clima di questi giorni a Cosenza. Racconta di aver partecipato alle più importanti manifestazioni del movimento, per interesse soprattutto professionale, dal momento che studia ed insegna, da sociologa, i movimenti collettivi e le marginalità, soprattutto quelle relative al mondo del lavoro. L'ultima volta che si è trovata faccia a faccia con i giudici aveva 23 anni e gli occhi di due boss puntati addosso dalla gabbia di un dibattimento. Non esitò: «Sono loro». Dissero i giudici: «Grazie, può andare». I boss furono condannati: avevano rapito il fidanzato, Franco Amato, figlio di Guerino, noto imprenditore cavese del cemento. La sera del sequestro c'era anche lei. Fu aggredita, immobilizzata e lasciata a diventare grande con quello choc. Lei li vide in faccia e poi li accusò. Elisabetta, non sei una che ha paura...«Eccome no. Ho paura della stupidità». E della verità? «Mai. Ma mica perché sono un'eroina. Sono una donna normale, alla quale hanno insegnato a dire sempre quello che pensa». È per questo che sei nei guai? «Nelle famigerate 356 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare, mi si accusa di aver partecipato ad una pubblica assemblea. Cosa che ogni docente fa tutti i giorni. Qui ad Arcavacata la vita universitaria è vissuta dal di dentro, è vivace, dinamica. Noi andiamo, parliamo, ci confrontiamo sempre». E cosa hai detto in quest'assemblea? «Ho parlato del mio lavoro, delle mie ricerche sull'immigrazione, dei libri che ho scritto su tutti i tipi di marginalità e sulle trasformazioni del lavoro. Sono una sociologa e per me è un dovere d'ufficio. Questa è la cosa scandalosa: l'avviso di garanzia, che tra l'altro non mi è stato neppure ancora notificato, riguarda il mio lavoro». Che reato hai commesso secondo i giudici di Cosenza? «Il reato di opinione. Praticamente, sono indagata per aver detto quello che penso, come tutti gli altri». Sei preoccupata? «Le accuse mi fanno ridere. Ghignare, è più giusto. La verità è che sono fortemente indignata, questo sì. Sono indignata con i giudici che applicano così alla leggera l'armamentario obsoleto del Codice Rocco. Lo zio di mio padre fu spedito al confino a Capri perché antifascista. Se non siamo ritornati a quell'epoca, poco ci manca». È un abuso, secondo te, quello dei giudici? «Non voglio e non posso entrare nel merito. Ma mi chiedo: dove sono finiti i giudici di magistratura democratica? Stanno a guardare?» Ti ritieni una militante? «Se militante significa esprimere liberamente le proprie opinioni, allora sì, sono militante». Hai partecipato al Global Forum di Napoli ed al G8 di Genova? «Sì, c'ero ad entrambe le manifestazioni. Io studio i movimenti collettivi e conoscerli dal di dentro è fondamentale per il mio lavoro. Forse ci sarei andata anche se non fossi stata una sociologa, d'accordo, ma basta questo a criminalizzarci?». Sei stata coinvolta nei disordini? «Assolutamente no. Se stai nel blocco pacifico, non succede nulla, non hai nessun problema». Conosci le persone arrestate venerdì scorso per associazione sovversiva? «Sono miei colleghi, come Anna Curcio ed Antonino Campennì. Sono ricercatori come me, dividiamo le giornate qui al dipartimento di Sociologia ed andiamo via alle 10 di sera, al cinema o a mangiare». Come è stata accolta all'Università la notizia degli arresti e degli avvisi di garanzia? Avete avuto problemi di tipo disciplinare? «Abbiamo avuto l'appoggio di tutti. Il decano dell'Università ha diffuso proprio oggi una mozione in cui si condanna con forza l'iniziativa giudiziaria che collega l'attività accademica dei docenti ad una presunta vocazione sovversiva e paraterroristica dell'Università, ed invita tutti alla mobilitazione». Come pensi che andranno le cose? «Non lo so, ma una cosa è certa: i giudici dovranno chiedermi scusa».

Orgogliosa di essere cavese

36 anni a febbraio, figlia di una stimata e benestante famiglia di San Cesareo, Elisabetta Della Corte è andata via dalla sua città 10 anni fa, poco tempo dopo il processo ai rapitori di Franco Amato. Pur affermando che «la Calabria valorizza i talenti», resta orgogliosa delle sue origini cavesi. Qualche anno fa, con il fratello Antonello, aprì un ristorante a San Cesareo, che trasformò in breve tempo in un cenacolo di intellettuali.

Giramondo col pallino degli "ultimi"

Due lauree con 110 e lode, in Pedagogia e Filosofia, Elisabetta Della Corte nel 2001 ha conseguito il dottorato di Ricerca in Scienza, Tecnologia e Società, presso il Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell'Università delle Calabrie, discutendo una tesi dal titolo «Sul Fronte dei Porti: Lavoro e Innovazioni tecnologiche a Southampton, Felixstowe e Gioia Tauro». Ora è assegnista di ricerca al Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell'Università delle Calabrie, ad Arcavacata. Ha insegnato anche all'Università di Aalborg, in Danimarca, dove ha condotto uno studio sui flussi migratori e sui rifugiati, ed è stata ricercatrice per il progetto del Cnr su «Distribuzione del reddito e disuguaglianze sociali». È autrice di uno studio sui Rom a Cosenza. Ha studiato anche i fenomeni della marginalità e della devianza giovanile a Salerno: suo è uno studio sulle condizioni di vita degli adolescenti a Pastena.

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Spari a Cava de’ Tirreni, colpita una ragazza in piazza Abbro [FOTO]

Paura questa sera a Cava de' Tirreni. Intorno alle 22 e 30 da un'auto in transito a piazza Abbro, sono stati esplosi alcuni colpi di pistola. Uno di questi ha raggiunto una ragazza davanti a un bar che si è accasciata al suolo. Attimi di terrore tra i presenti, tra cui molti giovanissimi e i bambini...

Cava, animali avvelenati a via Principe Amedeo: denunciato possibile responsabile

Ricordate gli episodi di avvelenamento di cani e gatti verificatisi a fine aprile in via Principe Amedeo, a Cava de' Tirreni? Dopo un mese, infatti, sembra che i residenti abbiano identificato e denunciato il possibile responsabile. Come riporta "Il Mattino", infatti, l'uomo era solito, sia nelle ore...

Cava de' Tirreni: auto prende fuoco in via Marconi

Brutto risveglio per i cittadini cavesi residenti in viale Marconi. Questa mattina intorno alle 7,40 un'auto parcheggiata negli stalli consentiti alle spalle dell'Hotel Victoria si è incendiata. Immediatamente sono stati allertati i Vigili del Fuoco che, prontamente, si sono recati sul posto e sono riusciti...

Omicidio Maiorano, il fratello di Nunzia a "La vita in diretta": «Vogliamo giustizia, non vendetta»

Ospite alla trasmissione "La vita in diretta", in onda su Rai Uno, Gianni Maiorano ha ripercorso i momenti salienti di quel tragico 22 gennaio, quando sua sorella, Nunzia, venne uccisa dal marito, Salvatore Siani. L'intervista si colloca il giorno dopo l'annuncio della data nella quale Siani si presenterà...

Cava de' Tirreni, omicidio Maiorano: il 12 luglio la sentenza del giudice

Salvatore Siani ha scelto il rito alternativo. Il barbiere 49enne di Cava de' Tirreni che lo scorso 22 gennaio uccise, al culmine di un violento litigio, sua moglie,Nunzia Maiorano, si presenterà dinanzi al gip Gustavo Danise il prossimo 12 luglio. Il giudice valuterà i soli elementi raccolti in fase...