Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Tutto il gusto di un panino d'Autore con la possibilità di abbinare un grande vino italiano. Divin Baguette apre prossimamente a Maiori in Costiera Amalfitana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaFerrigno conosceva il suo "killer"

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Ferrigno conosceva il suo "killer"

Scritto da (admin), martedì 29 dicembre 2009 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 29 dicembre 2009 00:00:00

Continua ad aleggiare il mistero sulla morte di Antonio Ferrigno, 54enne fisico nucleare originario di Cava de’Tirreni, barbaramente assassinato nella sua casa di Rijswijk, in Olanda, dove è stato trovato con le mani legate ed in un lago di sangue.

La Polizia non lascia trapelare nulla sullo sviluppo delle indagini. La scena del crimine sembra sia stata già setacciata a sufficienza. Diverse le persone ascoltate, tra cui l’ex moglie, una donna olandese di origine ispanica, i vicini di casa ed alcuni colleghi della vittima, per raccogliere quanti più elementi possibili, senza tralasciare alcun aspetto della sua vita.

Sulla stampa olandese di stamani si apprende un ulteriore particolare: prima di essere ucciso l'ingegnere avrebbe lottato con il suo assassino. Un vicino di casa ha raccontato di aver sentito, nel cuore della notte, forti colpi contro il muro provenire dalla casa di Ferrigno, tanto da precipitarsi fuori con un coltello per capire cosa stesse accadendo, per poi rientrare a casa non sentendo più i colpi.

L'abitazione non presentava, però, segni di scasso. È probabile, dunque, che Ferrigno abbia aperto al suo assassino senza alcun problema perché lo conosceva bene. Magari era un collega o un parente.

Secondo indiscrezioni, sarebbero tre le piste seguite dagli investigatori per arrivare all'assassino di Ferrigno: un’importante scoperta, una lite con l’ex moglie, un complotto legato allo spionaggio industriale.

Stando a quanto rivelato da una fonte molto vicina alle indagini, sembra che lo scienzato 54enne, capo esaminatore dell’Ufficio Europeo Brevetti, avesse da poco fatto una nuova scoperta nel campo dei pacemaker e quasi contemporaneamente avesse ricevuto più volte strane telefonate, addirittura minacciose, cui però Antonio non aveva dato molta importanza. Dietro l’omicidio potrebbe celarsi, dunque, un complicato caso di spionaggio industriale.

Ma a destare forti sospetti è anche la vita privata del fisico, ultimamente devoto alla solitudine. Riceveva visite - ha raccontato un altro vicino - solo dalla figlia e dall’ex moglie. La separazione da quest’ultima, però, sembra sia stata tutt’altro che semplice e negli ultimi tempi tra i due c’era stata una furibonda lite, con tanto di urla e lancio di oggetti. La Polizia, a tal proposito, pare non escludere che possa trattarsi di un delitto passionale.

Per i familiari cavesi resta comunque un dramma senza spiegazioni, una morte assurda ed incomprensibile, anche perché nessuno sembra sapere nulla: «Mio fratello è sempre stato un uomo pacifico e solare - si sfoga Maria Teresa, che con le lacrime agli occhi racconta del fratello - Viveva nei Paesi Bassi ormai da 25 anni, ma tornava a Cava ogni volta che poteva. Il legame che aveva con noi ed i suoi amici non è mai cambiato. È sempre stato un genio, ma non si è mai dato delle arie. Con merito è diventato un pezzo grosso, un uomo stimato a livello internazionale, ma per noi è rimasto sempre e solo Antonio, il fratello/amico con cui giocavamo nel cortile».

Sconvolti, ma anche fortemente adirati, i parenti di Antonio attendono con apprensione che si faccia luce al più presto sulla vicenda. Sono in costante contatto sia con la Farnesina che con il Consolato italiano in Olanda, ma le notizie arrivano con il contagocce. Comprendono che la situazione è delicata, ma sono ansiosi di porre fine a questa triste storia. Desiderano tutti che Antonio sia ricordato per la bella persona che era e non per tale inspiegabile tragedia. Ed appena sarà possibile, lo riporteranno a Cava, per celebrare il funerale nella chiesa di Passiano, come lui desiderava.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Torna l’incubo vandalismo a Cava, danneggiate tre auto

Ancora vandali a Cava de' Tirreni. Nella notte tra mercoledì e giovedì, infatti, sono stati frantumati i vetri di alcune automobili in via Giovanni Canali. Sono tre le vetture danneggiate. Stando alle indiscrezioni, nel mirino c'era anche una quarta auto, ma il tentativo di vandalismo non è andato a...

Nocera, arrestato parcheggiatore abusivo cavese: nascondeva hashish presso abitazione

Nell'ambito delle operazioni volte al contrasto dell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Nocera Inferiore, gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza - Squadra Volante - hanno proceduto all'arresto di C.A., pregiudicato cavese di 24 anni. Secondo una prima...

Incidente mortale a Nocera, libero il 47enne cavese accusato di omicidio stradale

Torna libero M.A., il 47enne di Cava de' Tirreni responsabile, nella notte tra sabato e domenica, dell'incidente in via Nazionale a Nocera Inferiore che è costato la vita ad uno studente di 17 anni, Raffaele Rossi. L'automobilista cavese era alla guida dell'Opel Astra quando, dopo un sorpasso azzardato,...

Cava de’ Tirreni, truffa e falsi pellegrinaggi per San Giovanni Rotondo

Avevano promosso un pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo, raccogliendo adesioni anche attraverso l'affissione di locandine in vari punti di Cava de' Tirreni, ma questa volta si trattava di una truffa. Lo hanno scoperto a loro spese due donne, M. A. e P. M., entrambe residenti in via Filangieri, a...

Cava, colpì l'amico in volto con un boccale di birra: a processo

Litigò con l'amico e, per futili motivi, lo colpì in volto con un boccale di birra, causandogli ferite da taglio multiple al viso e al collo. A distanza di circa tre anni, l'indagato, classe '76, è è destinatario di una richiesta di processo da parte del sostituto procuratore di Nocera Inferiore, Ernesto...