Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 13 minuti fa S. Adalberto vescovo

Date rapide

Oggi: 23 aprile

Ieri: 22 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Tutto il gusto di un panino d'Autore con la possibilità di abbinare un grande vino italiano. Divin Baguette apre prossimamente a Maiori in Costiera Amalfitana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronaca‘Così mi costringevano a pagare'

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

‘Così mi costringevano a pagare'

Scritto da Il Mattino (admin), martedì 12 febbraio 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 12 febbraio 2002 00:00:00

«Non c'era alcun rapporto di intermediazione. Quelle trecentomila lire erano il prezzo per la mia tranquillità»: non cambia una virgola Gerardo Pisapia, l'impreditore coinvolto come testimone unico nel processo contro Vincenzo D'Elia (nella foto in alto), Pierangelo Pezzella e Guerino Lambiase. Ieri mattina, in aula di fronte al Pm Domenica Gambardella, titolare dell'intera inchiesta, ha confermato punto per punto le forti accuse contro i suoi presunti estorsori. Ha ripetuto che la sera del 17 novembre doveva pagare la somma richiesta. Come altre volte, ha spiegato nel corso della sua testimonianza, si è presentato all'appuntamento fissato: «Quasi quotidianamente ero costretto a sborsare piccole somme dalle 50 alle 300mila lire». Somme che sarebbero state estorte ricorrendo al vecchio trucco delle intimidazioni. Appuntamenti, somme ed intimidazioni tutte rilette dalla sua stessa voce, che ha interpretato così i tanti frammenti delle registrazioni, che lui stesso aveva portato come prova.

Le prove

Nel corso della prima udienza dibattimentale, il giudice Diletto aveva nominato un perito con l'incarico di verificare la veridicità delle prove raccolte dall'imprenditore. Più cassette registrate, che entrarono a pieno titolo nei fascicoli del processo. Si tratta di dialoghi scottanti: audiocassette registrate dall'unico teste dell'intero processo con puntuali stop sulle presunte intimidazioni e richieste. Pisapia, dunque, non si sarebbe limitato a sottoscrivere una denuncia presso gli Uffici del Commissariato, ma avrebbe vestito i panni dell'investigatore. Ed ieri, dal vivo della sua voce, è stata ripercorsa l'intera vicenda. Intanto la difesa - rappresentata da Marco Salerno e Maurizio Mastrogiovanni, difensori di Lambiase, Giovanni Annunziata, avvocato di Pezzella (nella foto al centro), e Rodolfo Viserta, avvocato di D'Elia - affina le proprie armi in attesa della prossima udienza dibattimentale, fissata per l'11 marzo. La linea difensiva mira a scardinare l'impianto accusatorio, facendo leva sui presunti punti oscuri emersi dalla testimonianza. E per fare questo, si serviranno di un controesame dei nastri registrati e di ben 13 testimoni.

La vicenda

Ricostruiamo i fatti: il 17 novembre di due anni fa l'appuntamento era fissato per le 19. L'uomo, prima di recarsi all'incontro, avrebbe avvertito i poliziotti del luogo e dell'orario. Una volta davanti alla tribuna centrale dello stadio, in via Mazzini, avrebbe azionato il registratore. La zona era già accerchiata dagli uomini dell'anticrimine. I tre furono arrestati proprio mentre afferravano le banconote da 300mila lire. Per loro l'accusa di estorsione con metodi camorristici. Di tutt'altro tono la versione della difesa, che, fin dalla prime ore dopo l'arresto, ha motivato quella riscossione come il saldo per un credito acceso in seguito all'acquisto di una cabina per camion. Diverso anche il cammino giudiziario dei tre imputati: per Lambiase (nella foto in basso), l'unico dei tre a non presentare pendenti per associazione camorristica, il giudice ha interrotto la misura di custodia cautelare in carcere. Per gli altri due, invece, l'accusa ha richiesto l'acquisizione della sentenza contro Pezzella e D'Elia del processo Bisogno più 44. Un precedente che potrebbe provare l'imputazione di associazione a stampo camorristico (416bis). Intanto, si attende la prossima udienza per il controesame delle registrazioni, mentre l'intero processo dovrebbe concludersi per l'estate, data anche l'impellente scadenza dei termini per la custodia cautelare in carcere (entro dicembre 2002).

Gli incontri dinanzi allo stadio

È titolare di una piccola impresa di trasporti il teste chiave nel processo per estorsioni a carico di D'Elia, Pezzella e Lambiase. Gerardo Pisapia è molto conosciuto in città anche per la sede della sua attività. Da anni, infatti, impegnato nel ramo dei trasporti, Pisapia ha i suoi mezzi, camion e automezzi parcheggiati nel retro dello stadio comunale "Simonetta Lamberti", di fronte all'ingresso della curva Sud, solo pochi metri distanti dal luogo dell'appuntamento «incriminato». Quella volta Pisapia ed i tre imputati si incontrarono davanti alla tribuna centrale.

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Torna l’incubo vandalismo a Cava, danneggiate tre auto

Ancora vandali a Cava de' Tirreni. Nella notte tra mercoledì e giovedì, infatti, sono stati frantumati i vetri di alcune automobili in via Giovanni Canali. Sono tre le vetture danneggiate. Stando alle indiscrezioni, nel mirino c'era anche una quarta auto, ma il tentativo di vandalismo non è andato a...

Nocera, arrestato parcheggiatore abusivo cavese: nascondeva hashish presso abitazione

Nell'ambito delle operazioni volte al contrasto dell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Nocera Inferiore, gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza - Squadra Volante - hanno proceduto all'arresto di C.A., pregiudicato cavese di 24 anni. Secondo una prima...

Incidente mortale a Nocera, libero il 47enne cavese accusato di omicidio stradale

Torna libero M.A., il 47enne di Cava de' Tirreni responsabile, nella notte tra sabato e domenica, dell'incidente in via Nazionale a Nocera Inferiore che è costato la vita ad uno studente di 17 anni, Raffaele Rossi. L'automobilista cavese era alla guida dell'Opel Astra quando, dopo un sorpasso azzardato,...

Cava de’ Tirreni, truffa e falsi pellegrinaggi per San Giovanni Rotondo

Avevano promosso un pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo, raccogliendo adesioni anche attraverso l'affissione di locandine in vari punti di Cava de' Tirreni, ma questa volta si trattava di una truffa. Lo hanno scoperto a loro spese due donne, M. A. e P. M., entrambe residenti in via Filangieri, a...

Cava, colpì l'amico in volto con un boccale di birra: a processo

Litigò con l'amico e, per futili motivi, lo colpì in volto con un boccale di birra, causandogli ferite da taglio multiple al viso e al collo. A distanza di circa tre anni, l'indagato, classe '76, è è destinatario di una richiesta di processo da parte del sostituto procuratore di Nocera Inferiore, Ernesto...