Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 ore fa S. Marco vescovo

Date rapide

Oggi: 22 ottobre

Ieri: 21 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

San Francesco d'Assisi Patrono d'ItaliaDivin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaBox auto, archiviata l'inchiesta

Acquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneRistorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGeljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera AmalfitanaLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Box auto, archiviata l'inchiesta

Scritto da (admin), lunedì 31 maggio 2004 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 31 maggio 2004 00:00:00

Archiviata l'inchiesta giudiziaria sulla vicenda delle presunte manomissioni dei progetti custoditi negli uffici comunali per la realizzazione di 9 box auto in via Sala. A sorpresa, lo scorso venerdì mattina è arrivata la decisione del Gip Di Matteo, che ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal sostituto procuratore Angelo Frattini, titolare dell'inchiesta avviata nei confronti del geometra comunale Eugenio Tenneriello, indagato per falso in certificazione amministrativa. Con una comunicazione formale, pervenuta a Pasquale Adinolfi, legale di Tenneriello, è stato ufficializzato il provvedimento di archiviazione emesso dal Gip, entro i termini previsti per la fissazione dell'udienza preliminare. Decisione, questa, che sarebbe scaturita sulla base di un'attenta analisi del fascicolo presentato dalla pubblica accusa. Stando alle prime indiscrezioni, a spingere il giudice verso l'archiviazione sarebbe stata la mancanza di prove nei confronti dell'indagato, tanto da non motivare la richiesta di un rinvio a giudizio e del conseguente avvio di un procedimento giudiziario. La notizia ha destato scalpore in città. Il sindaco Alfredo Messina l'ha accolta con piena soddisfazione. «Una bolla di sapone», ha commentato. Fu proprio Messina, per mano del dirigente del Settore Urbanistica e del comandante della Polizia Municipale, ad essere informato per primo della scoperta di una presunta manomissione alle tavole progettuali. In una relazione dettagliata, lo si informava di presunte difformità tra le copie custodite negli uffici comunali, recanti correzioni a penna, e quelle conservate negli archivi della Polizia Municipale e della Soprintendenza di Salerno. Della vicenda si parlò in una seduta del Consiglio comunale, nel corso della quale i rappresentanti dell'opposizione chiesero al primo cittadino un provvedimento immediato per fare luce sull'intera vicenda. A distanza di ore la documentazione fu inviata alla Procura della Repubblica per l'eventuale apertura di un'inchiesta. Intanto, Messina nominò una commissione d'inchiesta interna, presieduta dal city manager Enrico Violante e composta, tra gli altri, dai dirigenti del Settore Lavori Pubblici e dell'Ufficio Legale. Di pari passo con le indagini della Procura, la commissione interna avviò una serie di audizioni, nel corso delle quali furono ascoltati alcuni dipendenti comunali, impiegati nel Settore Urbanistica. Tutti gli atti della commissione furono richiesti dal pm Angelo Frattini, che seguiva l'inchiesta. I lavori della commissione d'inchiesta si conclusero agli inizi dell'estate scorsa. Dopo accertamenti e controlli incrociati, non fu rintracciato un "colpevole". Al termine dei lavori i commissari stesero una direttiva, che fu poi diramata a tutti i dirigenti comunali. La lettera formale imponeva un maggior controllo e vigilanza negli uffici comunali, in particolare negli archivi, restringendo l'accesso al pubblico. Ed ora la decisione del Gip Di Matteo, che ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal pm Angelo Frattini.

Il Tar aveva dissequestrato il cantiere

Sul caso box auto c'è una precedenza sentenza, anche se i termini della vicenda erano diversi. Nella primavera scorsa, all'indomani del sopralluogo della Squadra antiabusivismo della Polizia Municipale e del conseguente sequestro del cantiere di via Sala, i proprietari dell'area, le famiglie Nunziante e Ferrara, per mano dello studio legale Accarino, presentarono un ricorso al Tribunale amministrativo regionale. A distanza di alcune settimane il Tar si pronunciò favorevolmente, accogliendo il ricorso ed approvando, di fatto, la riapertura del cantiere ed il completamento dei lavori. Stando alla linea difensiva, preparata dai legali delle famiglie Nunziante e Ferrara, l'opera edilizia in corso - in quanto box auto seminterrati - non richiedeva il rilascio di una concessione edilizia da parte del Settore Urbanistica e della commissione competente, ma semplicemente un'autorizzazione, concessa dietro richiesta formale. Fu questo uno degli elementi decisivi per il dissequestro del cantiere.

A dare il via all'inchiesta la denuncia dei residenti

Un coro d'accuse trasversali ed il dito puntato contro un unico, presunto "indiziato". È quanto andato in onda in questi mesi sul caso dei box auto di via Sala. La cronaca parla di una prima levata di scudi nella primavera del 2003: una serie di denunce ed esposti, firmati da alcuni residenti di via Sala, segnalano al Comune ed alla Polizia Municipale presunti abusi edilizi. Stando alle dichiarazioni dei firmatari, i box auto sarebbero più alti del previsto e, dunque, finirebbero per togliere la luce agli appartamenti del circondario. Dopo il primo sopralluogo dei Vigili e la scoperta delle correzioni sulle piantine comunali, i residenti avrebbero rincarato la dose, indicando come sospetta la presenza del geometra Eugenio Tenneriello in via Sala e sul cantiere in questione. Intanto, con l'avvio dell'inchiesta, scoppia il caso politico-giudiziario. I Vigili, su delega del pm Angelo Frattini, ascoltano i dipendenti comunali come persone informate sui fatti. La totalità dei testimoni avrebbe indicato un unico sospettato. In Consiglio comunale i rappresentanti dell'opposizione chiedono al sindaco di avviare un'indagine interna. E non basta. Nel dossier presentato alla Direzione investigativa antimafia il 5 luglio del 2003 dal dipendente comunale Vincenzo Lambiase, il grande accusatore nell'inchiesta sui presunti voti di scambio che coinvolge l'Amministrazione comunale, si fa il nome di Tenneriello: «Controllate tutti i garage costruiti a Cava in questi ultimi anni ed in particolare le pratiche istruite da Tenneriello».

rank:

Cronaca

Provocò sparatoria a Cava de' Tirreni: Criscuolo chiede al giudice di patteggiare

Luca Criscuolo, il 27enne nocerino che alla fine dello scorso maggio terrorizzò l'agro nocerino - Cava, Pagani, Sarno e Nocera Inferiore - armato della sua pistola, una Glock 9×21, ha chiesto di accedere alla pena concordata con la formula del patteggiamento. Incensurato e affetto da disturbi psichici,...

Cava, gare di moto e spaccio in via Sorrentino: Del Vecchio garantisce maggiori controlli

Qualche giorno fa 23 cittadini cavesi, tutti residenti nei dintorni di via Andrea Sorrentino, avevano denunciato delle gare notturne di moto, musica ad altissimo volume, alcool e consumo di stupefacenti nella loro zona (clicca qui per approfondire). Sempre più esasperati da questa situazione, nei giorni...

Aggrediti tifosi del Matera diretti a Cava de' Tirreni: tre denunce

Tanta paura ieri sera sul raccordo Potenza-Sicignano: tre tifosi del Potenza, infatti, sono stati denunciati dalla Polizia come responsabili di un raid contro un pulmino che stava trasportando nove sostenitori del Matera a Cava dei Tirreni dove la loro squadra era impegnata contro la Cavese (match vinto...

Paura a Cava de' Tirreni: cede cornicione della Mediateca

Cedimento alla Mediateca di Cava de' Tirreni. Giovedì sera, poco dopo le 21, un cornicione è finito nella piccola traversa Parisi dove ci sono già da ben dieci anni una serie di transenne per delimitare l'area a rischio. Come riporta "Il Mattino" oggi in edicola l'episodio non ha provocato feriti. Un...

Cava de' Tirreni, gare di moto e spaccio a via Sorrentino: residenti esasperati

Gare notturne di moto, musica ad altissimo volume, alcool e consumo di stupefacenti si verificherebbero tutti i giorni, dalle 18 alle 3 di notte a Cava de' Tirreni, più precisamente in via Andrea Sorrentino. Questo è quanto denunciano 23 residenti della zona, sempre più esasperati da questa situazione,...