Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 25 minuti fa S. Arsenio diacono

Date rapide

Oggi: 19 luglio

Ieri: 18 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaAttentato alla ditta di trasporti ‘Sorrentino'

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Attentato alla ditta di trasporti ‘Sorrentino'

Scritto da Il Mattino (admin), mercoledì 8 gennaio 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 8 gennaio 2003 00:00:00

Il virus del racket dilaga ed ora colpisce anche Cava: autobus incendiati (nelle foto di Angelo Tortorella) ed un pitbull "impiccato" per colpire Antonio Sorrentino, titolare di una ditta di trasporti. È l'ultimo colpo nel giro di pochi giorni in cui il fuoco della criminalità ha colpito l'intera provincia. Sabato scorso è finito in fiamme il deposito della ditta conserviera "La Pomilia" in via Wenner, zona industriale. Rogo nel capannone di proprietà della famiglia Salzano: calore e fumo nero invadono le strutture circostanti. A distanza di sole 24 ore si consuma l'attentato intimidatorio nei confronti di Raffaele D'Angelo, assessore all'Urbanistica del Comune di Sarno: l'auto parcheggiata sotto casa viene incendiata. Qualche giorno prima, nella notte di San Silvestro, a Pagani, le fiamme hanno invaso la fabbrica di articoli casalinghi "Russo", causando danni per circa due miliardi e mezzo di vecchie lire. Stamattina, nelle stanze della Prefettura, si riuniscono i massimi vertici delle Forze dell'ordine in un comitato straordinario proprio per discutere l'emergenza racket. Intanto, però, gli uomini della malavita non si fermano: ieri mattina è arrivata la notizia dell'ennesimo attentato incendiario. Sono da poco trascorse le sei e Cava de' Tirreni viene svegliata dalle fiamme. Antonio Sorrentino, contitolare, insieme ai suoi due fratelli, della ditta di trasporti e noleggio "Sorrentino", esce di casa ignaro di quello che lo attende. Nel deposito di Santa Lucia, dove sono custoditi i pullman, è stato appiccato il fuoco. Sulla strada, fuori della recinzione, un pullman di 55 posti è ridotto ad una carcassa di cenere. Il rogo si è propagato anche all'automezzo che lo precede. Distrutto dalle fiamme pure un altro pulmino, di 25 posti, parcheggiato qualche metro più avanti, sull'altro versante della strada. All'interno del deposito il rogo ha divorato altri due pullman di 25 posti ciascuno. Ma non è finita. In un angolo a destra l'altro ritrovamento: il cane di guardia, un pitbull nero, è stato impiccato, legato con la sua stessa catena. Il suo corpo è carbonizzato. Una scena davvero raccapricciante. L'opera di spegnimento è difficoltosa: lavorano due squadre dei Vigili del Fuoco di Salerno. Sedato l'incendio, i "caschi rossi" e gli agenti della Polizia locale, diretti dal vicequestore Sebastiano Coppola, cercano indizi per risalire alle cause dell'incendio. Appare chiara da subito l'origine dolosa. Se si fosse trattato di un incendio accidentale, infatti, non ci sarebbe stato quello strazio: cinque pullman lontani gli uni dagli altri e poi l'impiccagione del cane. Il movente? Forse i Sorrentino avevano ricevuto richieste di pagamento, magari non volevano accettare nuovi taglieggiatori, forse davano fastidio ad altre ditte che operano sul territorio. «Stiamo indagando - precisa il vicequestore Sebastiano Coppola - a 360 gradi. Sono aperte tutte le piste. Al momento, escludiamo come movente il racket o sgarbo di concorrenti». I proprietari sono stati ascoltati dagli inquirenti. Nel corso della loro testimonianza hanno negato categoricamente di aver ricevuto qualsiasi tipo di pressione o minaccia. «Il cane da guardia - precisano gli agenti - andava neutralizzato. Anziché un segno, sembra essere più che altro un espediente per agire indisturbati». Secondo una prima ricostruzione, i criminali si sarebbero calati dal retro e, attaccandosi alla corda che legava il cane, lo avrebbero aizzato fino a strozzarlo. Scartate le ipotesi del racket e della concorrenza, gli inquirenti sembrano intenzionati a seguire altre piste. Adesso si tenta di capire come sia avvenuta l'esplosione. Due le ipotesi al vaglio degli investigatori: l'incendio è stato appiccato contemporaneamente dentro e fuori al deposito e ad agire sarebbero state più mani, oppure i mezzi sarebbero stati fatti saltare in aria in successione.

«SONO DEI MALEDETTI CRIMINALI»

Sconvolta la famiglia Sorrentino, che esclude categoricamente di aver ricevuto minacce o richieste di danaro

Non basta l'arrivo alla spicciolata di tutti i parenti e gli amici per cancellare lo sconforto. Non c'è niente che riesca a frenare quel senso d'impotenza, misto a rabbia, che ha colpito la famiglia Sorrentino, da anni nel settore del trasporto e dell'autonoleggio: «Non abbiamo parole. Hanno ridotto in cenere - è il loro primo commento - tutto il nostro lavoro: la nostra vita». Davanti al corpo quasi carbonizzato del loro pitbull, impiccato con la sua stessa catena e bruciato dalle fiamme del rogo, uno dei tre fratelli, Antonio, con la voce rotta dalle lacrime, non si trattiene: «Sono dei criminali. Cosa vogliono da noi? Abbiamo sempre lavorato onestamente. Ormai, non si può vivere più tranquilli». A tutti quelli che chiedono cosa sia accaduto non nascondono i loro terribili sospetti: «Cosa è successo - ripetono con un sorriso amaro - è evidente. I quattro mezzi incendiati erano distanti gli uni dagli altri. È stato un attentato». Nessun accenno al movente, quasi a voler scacciare il fantasma del racket: «Non abbiamo ricevuto richieste di denaro. Non sappiamo chi possa essere».

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Sal De Riso, battaglia legale contro il fratello a tutela del marchio registrato

Se il noto pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo ha vinto la sfida del marchio "Sorbillo" dalla sezione imprese del Tribunale di Napoli, che gli ha dato ragione riconoscendogli il diritto a utilizzare il marchio Sorbillo - al di là del fatto che sia il cognome in comune con un parente -, Salvatore De Riso,...

Aggredì ispettore ambientale: condannato giovane cavese

di Livio Trapanese Condannato giovane pregiudicato cavese per aver aggredito, minacciato, profferite frasi con minacce di morte e cagionate lesioni ad un Ispettore Ambientale nel novembre 2017. Nell'autunno dello scorso anno, un Ispettore Ambientale, unitamente ad altro collega, nell'apprestarsi ad intraprendere...

Scassinava distributori automatici delle scuole: quattro anni a 40enne cavese

E' stato condannato a 4 anni di carcere Antonio Vincolo, il 40enne cavese noto come il "ladro seriale di merendine". L'uomo è passato agli onori della cronaca per aver scassinato i distributori automatici di merendine dell'Istituto superiore Filangieri in tre occasioni: 26 e 28 ottobre e 5 luglio 2017....

Omicidio Maiorano: celebrata l'udienza preliminare

di Patrizia Reso Ieri mattina, presso il Tribunale di Nocera Inferiore si è svolta l'udienza preliminare che vede imputato per omicidio Salvatore Siani. Il collegio difensore dell'imputato, avvocati Agostino De Caro e Pierluigi Spadafora, ha presentato richiesta di rito abbreviato "nell'interesse" dell'imputato....

Omicidio Maiorano: udienza rinviata al 23 luglio

È stata rinviata al 23 luglio la prima udienza del processo a carico di Salvatore Siani, il barbiere 48enne di Cava de' Tirreni che lo scorso 22 gennaio uccise, al culmine di un violento litigio, sua moglie, Nunzia Maiorano. Siani è accusato di omicidio volontario premeditato e le prove contro di lui...