Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 ore fa S. Bernardetta Soubirous

Date rapide

Oggi: 18 febbraio

Ieri: 17 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Saldi più attesi sono quelli di Petrillo Abbigliamento che vi aspetta a Contursi Terme con le migliori occasioni di fine stagione I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàVoto di scambio archiviato il caso Messina

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Voto di scambio, archiviato il caso Messina

Scritto da (admin), mercoledì 13 ottobre 2004 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 13 ottobre 2004 00:00:00

Colpo di scena nel presunto caso dei voti di scambio: la Procura di Salerno ha archiviato l'inchiesta per violenza privata in relazione a voti di scambio, per la quale erano indagati il sindaco Alfredo Messina ed il suo capo staff, Pasquale Petrillo. Lo stesso Gip ha trasmesso tutti gli atti al pm per l'apertura d'ufficio di uno nuovo procedimento nei confronti del dipendente comunale Vincenzo Lambiase, da oggi indagato per calunnia. Secondo gli inquirenti, avrebbe accusato Messina e Petrillo perché gli era stata respinta la richiesta avanzata di promozione. E così, dopo un anno di indagini affidate al sostituto procuratore Massimo Lo Mastro, la Procura ha accolto la richiesta di archiviazione, riconoscendo come infondate le accuse enunciate da Lambiase in un esposto-denuncia presentato alla Dia nel giugno del 2003. Gli inquirenti hanno accertato che l'uomo aveva presentato una richiesta di promozione, bocciata dalla Giunta comunale. Il rifiuto lo avrebbe spinto, secondo quanto accertato nel corso delle indagini, a minacciare di ritorsioni gli stessi amministratori. Tra le minacce ci sarebbe stato anche l'avvio di un'inchiesta giudiziaria. Lambiase, infatti, ha presentato un cospicuo esposto alla Procura ed alla Dia in cui accusava il primo cittadino ed il suo capo staff di voti di scambio. A suo dire, Alfredo Messina, nel corso della campagna elettorale del 2001, avrebbe costretto il suo avversario Giovanni Baldi a rinunciare alla candidatura a sindaco, mentre a lui, in cambio di voti, avrebbe promesso una promozione e l'impiego in banca per una sua congiunta. Scoppiò, così, il caso del voto di scambio, nato come uno dei tronconi principali, trasmesso alla Procura di Salerno, di un'ampia e delicata indagine seguita dalla Direzione investigativa antimafia. L'inchiesta fu avviata il giugno scorso dopo una lite violenta tra Lambiase e Petrillo nelle stanze di Palazzo di Città. L'accusa di aver pilotato le candidature e di aver messo in atto minacce e promesse elettorali fu raccolta in un dossier: tre copie, depositate dagli avvocati del dipendente, Alberto Clarizia ed Alfonso Senatore, che raccolsero il testo delle deposizioni spontanee rilasciate alla Dia. Lambiase, su cui pendeva un procedimento amministrativo interno per le accuse di presunte aggressioni nei confronti del sindaco e del capo staff, chiese di essere ascoltato. E così, a più riprese negli uffici della Dia parlò di presunti voti di scambio: sarebbe stato incaricato da Messina e Petrillo prima per la raccolta di voti, attraverso la sottoscrizione di tessere di partito, e poi per convincere Giovanni Baldi a ritirare la sua candidatura. L'episodio sarebbe stato ricostruito con minuziosi particolari, quali una telefonata a tarda notte tra Lambiase e due esponenti dell'attuale Amministrazione in cui lo si invitava a recarsi a casa Baldi per minacciarlo. La Procura di Salerno apri un'inchiesta, affidata al sostituto procuratore Lo Mastro. Nei mesi successivi fu ascoltato lo stesso dipendente Lambiase, che chiamò come persone informate sui fatti diversi politici e dirigenti di Palazzo di Città. Il pm decise di secretare tutti gli atti, proprio per evitare l'inquinamento delle prove. Risale ad un paio di mesi fa, infine, la richiesta di archiviazione.

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava, presentata la targa in memoria di una delle 26 donne morte sulla nave Cantabria

Presentata ieri, venerdì 16 febbraio, la targa commemorativa per una delle 26 donne dedicata alla memoria di una delle donne morte a bordo della nave Cantabria. Lo scorso 5 novembre, infatti, a bordo della nave spagnola sbarcata a Salerno, vennero rinvenuti i corpi senza vita di 26 donne morte nella...

Cava, venerdì 16 la conferenza "Africa" in memoria delle 26 donne morte sulla nave Cantabria

Venerdì 16 febbraio, alle 10.00, presso la sede di Potere al Popolo di Cava de' Tirreni, si terrà "Africa", la conferenza stampa dedicata alla memoria di una delle donne morte a bordo della nave Cantabria. Lo scorso 5 novembre, infatti, a bordo della nave spagnola sbarcata a Salerno, vennero rinvenuti...

Cava de' Tirreni, sindaco Servalli: «Più leggera la bolletta Tari»

Per gli utenti cavesi la Tari 2018 sarà più leggera rispetto all'anno precedente del 7,5 - 8 per cento. Lo hanno annunciato, nel corso della conferenza stampa di stamattina, il sindaco Vincenzo Servalli e l'Assessore al bilancio, Adolfo Salsano. Anche per l'anno 2018, sulla scorta della quantificazione...

Cava de' Tirreni, abbattimento all'orizzonte per l'ex cinema Capitol

Abbattimento all'orizzonte per l'ex cinema Capitol. Secondo quanto riportato dal quotidiano "La Città", sabato scorso è stata delimitata l'area porticata sotto l'edificio a rischio crollo. In seguito a perdite di acqua e a dilatazioni dell'intonaco, il Comune ha emesso una diffida nei confronti del proprietario...

Cava de' Tirreni, nasce una fondazione per sostenere i figli di Nunzia Maiorano

Nasce una fondazione in nome di Nunzia Maiorano, la 41enne di Cava de' Tirreni uccisa a coltellate lo scorso 22 gennaio dal marito Salvatore Siani, un barbiere di 48 anni. Come riporta "Il Mattino", l'iniziativa servirà a sostenere il futuro dei tre figli di Nunzia - Giuseppe, Marika e il piccolo Michele...