Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 27 minuti fa S. Giovanni da Cap.

Date rapide

Oggi: 23 ottobre

Ieri: 22 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualità«Una storia emblematica»

Cava, Sindaco Servalli: «A breve i lavori per la messa in sicurezza della strada a Sant'Anna»

Cava: 28 ottobre presentazione Ente Sbandieratori

Cava de' Tirreni, ancora un furto all'Istituto De Filippis

Per aeroporto Costa d'Amalfi due anni di chiusura per resyling

Cyberbullismo, se ne discute a Cava de’ Tirreni

Torna a casa da lavoro e trova la moglie a letto con due extracomunitari

La Cavese si aggiudica il derby con il Pomigliano e vola al terzo posto

Cava: polemica sulle condizioni dell'asilo comunale. Mamme chiedono incontro col sindaco

Cava de' Tirreni: si dimette il consigliere comunale Fortunata Sorrentino

Pomigliano-Cavese: i convocati di mister Bitetto

Cava: comitato Sacrario Militare presenta al sindaco le targhe commemorative dei caduti in guerra

Cava de' Tirreni, verso la conclusione i lavori alla palestra di San Lorenzo

Cava, ginnastica ritmica: doppio successo per la Juvenilia. Assessore Polichetti: «Vanto per la nostra città!»

Cetara: 15 dicembre Amnesty International Italia riceve il Premio inpace 2017

Cava de' Tirreni: premiazione del progetto "ColoriAmo Cava"

Cava de' Tirreni: dopo un mese riapre il sottopasso

Galdi si esprime sulla partecipazione di Cava al TTG di Rimini: «Non c'era abbastanza materiale»

Cava de' Tirreni, 24 ottobre convocato Consiglio Comunale

Cava, al via gli interventi a palestra Parisi e all'ex discarica Cannetiello. Slitta l'apertura delle rampe del sottopasso

“Botanica e Terapeutica al Giardino”, 29 ottobre a Salerno un seminario di scienze naturopatiche

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Attualità

«Una storia emblematica»

Scritto da (admin), mercoledì 9 gennaio 2013 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 9 gennaio 2013 00:00:00

Quella dell’ospedale di Cava de’ Tirreni è una storia per molti aspetti emblematica di come una comunità ripiegata in se stessa possa raggiungere livelli estremi di autolesionismo. Ed è, nel contempo, una vicenda che riassume bene il declino storico della cittadina metelliana.

È per lo meno dalla fine degli anni Novanta che, a fasi alterne, qualcuno tira in ballo il “Santa Maria Incoronata dell’Olmo”, uno dei nosocomi più antichi d’Italia, per lanciare l’allarme sul rischio chiusura o per annunciarne l’imminente chiusura. A Cava la cosa è vissuta dalla gente non solo come la perdita di un servizio, ma anche come la certificazione finale della perdita di ruolo della cittadina metelliana nel contesto territoriale. Quanti servizi direzionali sono andati persi nell’ultimo trentennio! Dalla stazione delle Ferrovie dello Stato, che una volta era servita dai treni a lunga percorrenza e che oggi a stento lo è da malconci convogli locali, all’Azienda di Soggiorno e Turismo, alla banca locale per antonomasia, il Credito Commerciale Tirreno, ad altri importanti strutture, quelle che fanno di una città un luogo erogatore di servizi direzionali per il territorio circostante. La spending review ci sta mettendo il resto, con l’annunciata chiusura del tribunale. Ecco: la chiusura dell’ospedale è vissuta come la conclusione di una lunga, felice stagione per la Valle Metelliana e la definitiva presa atto del suo status attuale, di periferia dell’Agro nocerino-sarnese. La città ancora si ribella a questo destino, che qualcuno vorrebbe irreversibile.

Tutti i sindaci che si sono succeduti dagli anni Novanta ad oggi hanno dovuto misurarsi con questo problema. In particolare quanti, come me e l’attuale primo cittadino, hanno dovuto gestire il problema nel contesto di una drammatica crisi della finanza sanitaria regionale. Io mi ci imbattei da subito, già dalla campagna elettorale del 2006. Mi impegnai con tutte le forze a difendere il nosocomio cavense, inserendo peraltro tale difesa nel contesto di un disegno strategico che avrebbe potuto restituire a Cava, città cerniera, un ruolo strategico e direzionale su ampia scala. Mi trovavo a rivestire, tra il 2006 ed il 2008, il ruolo di Presidente della Conferenza dei Sindaci della ASL, non per meriti miei, ma perché sindaco della città più densamente popolata del territorio servito dall’allora ASL SA1. Un incarico poco più che simbolico, ma che cercai di caricare di rappresentatività, facendone un baluardo contro la logica dei tagli.

C’erano, nell’ambito della ASL SA1, 6 nosocomi: Scafati, Pagani, Nocera Inferiore, Sarno, Cava e Castiglione di Ravello. Il governo centrale premeva sulla Regione e la Regione lo faceva verso l’ASL, perché l’offerta fosse ridimensionata. Non la faccio lunga: per tutto il 2008, in tutte le sedi ed i luoghi istituzionali, mi battei per addivenire ad una soluzione equilibrata, che tenesse in piedi i 6 plessi ospedalieri, differenziandone le funzioni e, soprattutto, abbattendone gli sprechi. Già, abbattendone gli sprechi. E qua emersero i primi problemi; quello che ad un cittadino normale appare uno spreco, e difatti lo è, diventa reddito nelle tasche del suo beneficiario. Abbattere gli sprechi, tagliare le spese superflue, significa colpire degli interessi. La corporazione medica e qualche sindacalista cominciarono a mormorare.

Novembre 2008, ero a Venezia per presentare i progetti urbanistici della città di Cava ad Urban Italia. A Salerno, presso Palazzo Sant’Agostino, si riuniscono parlamentari, consiglieri regionali, amministratori locali di ogni parte politica. In Consiglio regionale era in discussione la nuova legge di riordino del sistema ospedaliero campano, quella che sarebbe diventata la Legge 16 regionale del dicembre 2008. Il mio delegato mi chiama: “Abbiamo salvato il nostro ospedale”. Come? Chiedo speranzoso. “Diventerà una struttura specializzata per la geriatria” fu la risposta. L’ospedale di Cava sarebbe diventato un ospizio per lungodegenti. Erano tutti d’accordo, in particolare e comprensibilmente gli amministratori del Comune di Scafati. Il loro nosocomio, senz’altro peggio messo del nostro, si salvava a discapito di Cava. Alla destra cavese stava bene, Scafati era da poco amministrata dal centro destra, mentre a Cava il sindaco del centro sinistra sarebbe stato messo in difficoltà da quella sciagurata decisione.

Feci immediato ritorno a Cava, ruppi con amici e compagni di parte politica da lungo tempo che avevano avallato quella decisione. Mi precipitai alla Regione e, con l’aiuto dell’on.le Antonio Cuomo, parlai con l’assessore Montemarano. Fui molto energico, riuscii ad aggiustare il tiro. La legge 16 regionale, nella sua versione definitiva, assegnava a Cava tutti i reparti preesistenti, 122 posti letto, la rianimazione ed il Pronto Soccorso. A Scafati andavano 100 posti letto e la destinazione geriatrica. Giustamente l’amministrazione di Scafati mise in discussione il mio ruolo di Presidente della Conferenza dei Sindaci. Era più che comprensibile.

Non lo fu invece quanto accadde a Cava nei giorni successivi. Inopinatamente partì una raccolta di firme con la quale mi si chiedeva di ricorrere al TAR contro la Legge 16 regionale, mi si invitava contestualmente a dimettermi da Presidente della Conferenza dei Sindaci e si denunciava il fatto che io NON avessi difeso l’ospedale di Cava, che, a dire dei propagandisti d’occasione, avrebbe chiuso di lì a poche settimane. La più colossale campagna di diffusione di falsità alla quale io, da sindaco, abbia assistito. Protagonista principale di tale campagna fu una Associazione degli Operatori Sanitari di Cava e Vietri. Il suo presidente, ho scoperto più tardi, era ed è titolare di un Centro medico polispecialistico privato.

Ci furono dei Consigli Comunali monotematici per chiarire il contesto; i consiglieri di opposizione di destra, che in piazza contestavano la mia presunta inerzia nel difendere l’ospedale di Cava, fecero combutta con assessori e consiglieri comunali di Scafati, venuti in trasferta a dare manforte ai cavesi pronti a vendere la loro città pur di far cadere il sindaco di centro sinistra! Una parte della sinistra si accodò a questa campagna, tanto denigratoria nei miei confronti, quanto dannosa per la città. In ambito medico, salvo poche, coraggiose testimonianze di medici territoriali - ricordo tra tutte quella del dr. Mimmo Viggiano, allora consigliere comunale di maggioranza - solo un complice silenzio.

La campagna elettorale della primavera del 2009 per le provinciali, quella in cui sarebbe risultato eletto l’aspirante principe d’Arechi, fu giocata in gran parte su questo falso colossale. Il nosocomio tuttavia era ancora lì, salvo ed operativo in tutti i suoi reparti. Inizi 2010: campagna elettorale per il Comune, perdo. Non se lo aspettavano. La virtuosa filiera di destra mi aveva già preparato il primo piattino, la chiusura dell’ospedale con il carico di falsità parallele per attribuirne la colpa a me. Il nuovo sindaco venne preso alla sprovvista. Inscenò una pantomima, si legò davanti alla Regione per “salvare” l’ospedale. Il leader regionale del centro destra, neo eletto a Palazzo Santa Lucia, non voleva riceverlo...

Nuova puntata, trovato il coniglio nel cappello. Togliamo l’ospedale di Cava all’ASL ed aggreghiamolo all’azienda ospedaliera universitaria in via di costituzione, si dicono. Evviva evviva. Grazie Galdi, grazie Cirielli, la mitica associazione degli operatori sanitari di Cava e Vietri si affretta a tappezzare le mura di Cava con manifesti encomiastici verso la virtuosa filiera della destra che aveva salvato l’Ospedale. Sono passati due anni, il “Santa Maria Incoronata dell’Olmo” è in coma. Non era stato salvato, è ovvio. E cosa fa l’ineffabile associazione di cui sopra? Riempie di nuovo Cava di manifesti, questa volta per chiedere con forza che l’ospedale di Cava torni alla ASL!

Luigi Gravagnuolo

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava, Sindaco Servalli: «A breve i lavori per la messa in sicurezza della strada a Sant'Anna»

Cominceranno a breve i lavori alla strada provinciale 360 alla frazione Sant'Anna, il cui territorio, abitato da circa tremila residenti, è praticamente tagliato in due, con disagi fortemente avvertiti dalla popolazione per la difficoltà di raggiungere le scuole, gli esercizi commerciali, la chiesa parrocchiale....

Cava: polemica sulle condizioni dell'asilo comunale. Mamme chiedono incontro col sindaco

Polemica a Cava de' Tirreni per il funzionamento dell'asilo nido comunale. A sollevare la questione un gruppo di mamme che ha sottolineato i problemi della struttura. Come si legge sul giornale "La Città di Salerno", il poco personale a disposizione non consente né di far iniziare le attività ad altri...

Cava: comitato Sacrario Militare presenta al sindaco le targhe commemorative dei caduti in guerra

Mostrata, ufficialmente, stamattina a palazzo di città di Cava de' Tirreni dal presidente del comitato per il Sacrario Militare Daniele Fasano e dal grand'ufficiale Salvatore Fasano al primo cittadino metelliano Vincenzo Servalli la bozza delle lapidi che verranno inaugurate giovedì 2 novembre alle 15...

Cava de' Tirreni, verso la conclusione i lavori alla palestra di San Lorenzo

Tra poco più di un mese termineranno i lavori alla palestra di San Lorenzo. Lavori partiti lo scorso 18 luglio, per un importo complessivo di circa 300mila euro, e consistenti nel rifacimento del tetto, degli spogliatoi, servizi igienici, campo da gioco e della muratura esterna. Continua così l'impegno...

Cava de' Tirreni: premiazione del progetto "ColoriAmo Cava"

Si è tenuta, questa mattina, sabato 21 ottobre 2017, a Palazzo di Città, la premiazione del progetto "COLORI...AMO CAVA" alla presenza dell'Assessore agli Eventi Enrico Polichetti, del consigliere con delega alla Pubblica Istruzione Vincenzo Passa, del Presidente dell'associazione Regno delle Due Sicilie,...