Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàTutti i vantaggi della ‘Tremonti-bis'

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Tutti i vantaggi della ‘Tremonti-bis'

Scritto da Il Denaro (admin), giovedì 4 aprile 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 4 aprile 2002 00:00:00

Ai professionisti campani piace la "Tremonti-bis". Grazie alla legge 383 del 18 ottobre 2001 (detta «bis» perché è la riproposizione di un analogo provvedimento del 1994), infatti, anche i professionisti possono accedere alle agevolazioni che consentono la detassazione del reddito reinvestito. Si tratta, sostengono gli addetti ai lavori, di una delle novità più importanti approvate dal Parlamento per il rilancio dell'economia, coinvolgendo tutto il mondo delle libere professioni. La precedente "Tremonti", infatti, è stata modificata ed ampliata. Se in passato la legge riguardava solo le ditte individuali, le società di persone, quelle di capitale e gli imprenditori, adesso, invece, anche i singoli professionisti possono usufruire del provvedimento.

Investimenti agevolati

Si tratta, in pratica, di una legge che permette di far pagare meno tasse a chi acquista beni strumentali (attrezzature, computer, mobili, impianti, arredamento, immobili) per importi superiori a quanti ne aveva acquistati negli anni precedenti. È escluso, infatti, dalla tassazione del reddito d'impresa e di lavoro autonomo il 50 per cento degli investimenti in beni strumentali in eccedenza rispetto alla media degli investimenti realizzati nei cinque periodi d'imposta precedenti, con facoltà di eliminare dal calcolo della media il periodo in cui l'investimento è stato più elevato. Dal punto di vista soggettivo la norma è molto ampia. Tutti, infatti, dalle ditte individuali ai professionisti, hanno la possibilità di godere di questa detassazione, anche indipendentemente dal tipo di contabilità tenuta, ordinaria o semplificata. Ovviamente, i soggetti che intendono avvalersi dell'agevolazione devono essere in attività alla data di entrata in vigore della legge, anche se da meno di cinque anni. Il provvedimento, poi, è applicabile anche a coloro che hanno iniziato l'attività nell'anno 2000 o nel 2001. In questi casi, inoltre, non esiste «media precedente» e tutti gli acquisti di beni strumentali sono agevolati. Sono agevolabili gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati nel periodo dal 1° luglio 2001 al 31 dicembre 2001 ed in quello dal 1° gennaio 2002 al 31 dicembre 2002, al netto di eventuali disinvestimenti (vendite, dismissioni, autoconsumo). Oggetto dell'agevolazione sono l'acquisto di beni strumentali nuovi, la realizzazione di nuovi impianti, il completamento di opere sospese, l'ampliamento, la riattivazione, l'ammodernamento di impianti esistenti, anche mediante contratti di locazione finanziaria e, comunque, indipendentemente dalla forma di finanziamento utilizzata.

L'utilizzo del leasing

Nel caso del leasing, ad esempio, il valore del bene strumentale è dato dal prezzo pagato dalla società concedente per l'acquisto dei cespiti ed il periodo agevolato è quello in cui avviene la consegna. Rientrano nella "Tremonti-bis" i beni strumentali di costo unitario inferiore a 516,46 euro, quelli concessi in comodato, purché strumentali ed inerenti l'attività del comodante, e gli immobili, purché accatastati nelle categorie B-C-D-E-A/10. Per i professionisti, inoltre, è espressamente richiesto l'utilizzo diretto. Nella categoria «C» rientrano, ad esempio, i negozi dei commercianti o i laboratori degli artigiani, mentre nella «D» i capannoni e gli alberghi. Nella categoria A/10, invece, sono contemplati gli uffici. Anche l'acquisto di terreni destinati all'edificazione è agevolabile. In questo caso, il beneficio si calcola a decorrere dall'inizio dei lavori di costruzione. Condizione fondamentale per accedere alla detassazione è che si deve trattare dell'acquisto di beni nuovi, quindi mai utilizzati. Può essere considerato nuovo anche un fabbricato strumentale acquistato da un'impresa di costruzioni che, prima della cessione, abbia operato sullo stesso interventi di radicale trasformazione. Ciò a condizione, però, che gli interventi non costituiscano mero adattamento della struttura e che l'importo complessivo dei lavori sia, comunque, prevalente rispetto al costo di acquisto dell'immobile da parte dell'impresa di costruzioni cedente. La legge, infine, si applica anche alle spese sostenute per servizi, utilizzabili dal personale, di assistenza negli asili nido ai bambini di età inferiore ai tre anni, ed a quelle sostenute per la formazione e l'aggiornamento del personale.

Sistema di conteggio

In merito al metodo di calcolo dell'agevolazione, per quanto riguarda l'anno 2001, la media degli investimenti deve essere calcolata sul quinquennio precedente: dal 1996 al 2000 compreso, escludendo l'anno nel quale gli investimenti sono stati più elevati. Nel calcolo dell'agevolazione 2002, invece, occorre riferirsi alla media di acquisti di beni strumentali del quinquennio 1997-2001, sempre escludendo l'anno «peggiore». La detassazione del reddito reinvestito spetta esclusivamente ai fini dell'Irpef e dell'Irpeg e non vale ai fini Irap. Può, inoltre, essere revocata nel caso in cui i beni siano venduti, dismessi o autoconsumati entro i due anni successivi all'acquisto (cinque nel caso degli immobili). Uno dei lati positivi della legge è che non è necessario alcun adempimento burocratico, trattandosi di un meccanismo automatico. Un aspetto, invece, negativo per gli investitori è rappresentato dalla norma che stabilisce che ai redditi detassati non è attribuibile alcun credito d'imposta. Pertanto, la distribuzione di dividendi per i quali, a monte, non è stata pagata Irpeg comporta la tassazione di quell'utile in capo al socio. Ne consegue, indirettamente, la perdita del beneficio «Tremonti». Si tratta, come è facilmente intuibile, di un problema che riguarda anzitutto le società di capitale. La disposizione, però, fonda la sua "ratio" sull'incentivazione dell'accantonamento degli utili e sulla conseguente capitalizzazione dell'impresa.

Un esempio per capire meglio il meccanismo di calcolo

Si ipotizzi un'impresa o un professionista che nel 2001, dopo il 1° luglio, acquista beni strumentali nuovi per 200 milioni di lire. Poniamo che questo soggetto abbia fatto investimenti per 10 milioni di lire nel 1996, 15 milioni nel 1997, 300 milioni nel 1998, 200 milioni nel 1999 e, infine, 150 milioni nel 2000. L'anno 1998 si può escludere dal conteggio. La media degli altri quattro anni è pari a 93 milioni 750mila lire. La differenza tra gli acquisti effettuati nel 2001 e la media di quelli fatti negli anni precedenti è pari a 106 milioni 250mila lire. Il 50 per cento di questo importo, quindi 53 milioni 125mila lire, viene "defalcato" dal reddito del 2001. Non si pagano imposte su questo importo. Se i nuovi investimenti non superano la media degli anni precedenti, non si ha alcuna detassazione.

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni: nuovo Direttivo del CCN incontra il Sindaco Servalli

Questa mattina, al Palazzo di Città di Cava de'Tirreni, il Consiglio Direttivo del Consorzio CavaCCN si è incontrato con il sindaco Vincenzo Servalli e l'assessore allo sviluppo economico Barbara Mauro de Cuya. L'incontro promosso dal neo Direttivo si è svolto in un clima molto cordiale ed informale...

Cava de' Tirreni aderisce all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR)

Anche l'Amministrazione comunale di Cava de' Tirreni aderisce all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente. Per adeguare i sistemi informatici alla banca dati nazionale, le attività degli uffici, Anagrafe, Elettorale e Tributi, saranno sospese nei giorni di giovedì 26 e venerdì 27 luglio prossimi,...

Cava de' Tirreni: grande partecipazione dei volontari antincendi

Un incontro molto partecipato, quello di ieri pomeriggio alle 18.30, a Palazzo di Città, tra l'Amministrazione Servalli e le associazioni e cittadini che si occupano di salvaguardia dell'ambiente. L'Assessore all'ambiente, Nunzio Senatore, accompagnato dal responsabile della Protezione civile, il Ten....

Cava de' Tirreni, lavori conclusi sulla Sp360: 25 luglio la riapertura

Come un fulmine a ciel sereno arriva una buona notizia per i residenti e per i commercianti di Sant'Anna, a Cava de' Tirreni. Mercoledì 25 luglio, alle 11,00, infatti, riaprirà la SP360 via Pasquale Di Domenico, che era stata chiusa ad inizio 2017 per un evento franoso. I lavori e i ritardi per il ripristino...

Lavori conclusi alla Chiesa di Santa Maria del Rovo: sabato 21 la riapertura

Manca poco alla riapertura della chiesa di Santa Maria Del Rovo, chiusa lo scorso 10 settembre 2017 per lavori di restauro. Adesso, a conclusione dei lavori - messi a punto dai restauratori Diana Spada e Nicola Iovine per una spesa totale di 120 mila euro - il santuario, punto di riferimento di circa...