Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 ore fa S. Gennaro vescovo

Date rapide

Oggi: 19 settembre

Ieri: 18 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniAttualitàPtr secco no a Salerno

Acquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua. Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera Amalfitana La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giorno D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Ptr, secco no a Salerno

Scritto da Ufficio Comunicazione, Vincenzo Lamberti (admin), martedì 14 marzo 2006 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 14 marzo 2006 00:00:00

Si è tenuto venerdì scorso, presso il Social Tennis Club di Cava de'Tirreni, il convegno "Presente e futuro della nostra città - tavola rotonda sullo sviluppo economico e sociale di Cava de'Tirreni", organizzato dal circolo Giovanni Marcora e dal Gruppo Consiliare Provinciale de "La Margherita". Si è discusso del Piano Territoriale Regionale, approvato in proposta dalla Giunta Regionale della Campania il 25 febbraio 2005, lo strumento di pianificazione urbanistico-infrastrutturale attraverso cui la Regione, mediante la Legge 16, governerà lo sviluppo socio-economico-industriale del proprio territorio per i prossimi decenni.

Dopo la conferenza di pianificazione in Provincia di Salerno, per far sì che le comunità locali e le parti sociali del Salernitano potessero condividere il primo Ptr campano, non come una semplice programmazione calata dall'alto, ma come un Piano suscettibile di modifiche e proposte da parte delle autonomie locali e provinciali prima della sua definitiva approvazione, la Margherita ha inteso aprire un dibattito sul ruolo che la Vallata metelliana recita all'interno della programmazione di sviluppo regionale. Dibattito a cui, oltre ai relatori citati di seguito, hanno preso parte architetti, ingegneri e volti noti dell'industria e del commercio cavese.

Una tavola rotonda tecnica, moderata dall'avv. Francesco Accarino, che ha raggiunto a pieno il suo obiettivo: sensibilizzare il territorio verso le scelte regionali concernenti il suo futuro economico-industriale-infrastruttuarale a lungo e medio termine. Attualmente, Cava de'Tirreni risulta essere inserita nel Sistema Territoriale di Sviluppo di Salerno-Pontecagnano. Le valutazioni politiche sul tema, che hanno comprovato l'impossibilità che il territorio sia incluso in tale ambito, visti i legami naturali, morfologici e storici con la Costa d'Amalfi e lo sviluppo industriale che lo stesso potrebbe ricevere per la propria industria con l'inserimento nel distretto industriale dell'Agro nocerino-sarnese, sono state anticipate da quelle puramente tecniche e giuridiche dell'architetto Catello Bonadia, dirigente dell'Urbanistica di Palazzo S. Agostino, dell'arch. Fabrizio Mangoni di S. Stefano della Facoltà di Architettura della II Università di Napoli, dell'avv. Felice Laudadio della Facoltà di Economia dell'Ateneo di Cassino e del prof. Arch. Alessandro dal Piaz della Facoltà di Architettura dell'Università Federiciana.

«Sono molto soddisfatto della proposta di Piano - dice Mangoni, redattore insieme a Dal Piaz della stessa - perché la Regione è ritornata a pensare insieme alle autonomie locali circa lo sviluppo del territorio. Questo Ptr fornirà le linee ed i caratteri a cui si riferiranno e con cui si armonizzeranno le pianificazioni provinciali e si preoccuperà di aiutare il territorio nelle sue logiche di costruzione di uno sviluppo, strategico nelle politiche territoriali, economico, del paesaggio e delle infrastrutture. Tutti insieme dobbiamo lavorare perché all'interno del Piano ci sia spazio per il commercio, per la ricerca e per la valorizzazione delle risorse della Regione».

Dal Piaz ha aggiunto: «Il Ptr deve essere visto come uno strumento intermedio in un processo che continua e che persegue l'obiettivo di uno sviluppo armonico. Bisogna essere attenti a valutare gli effetti che la proposta di pianificazione ha sul territorio, sulle sue prospettive, sull'ambiente e sulle risorse. Riguardo al territorio di Cava, qualunque possano essere le decisioni ed il suo collocamento in un ambito o in un altro, dico che il Piano non ingesserà il territorio, perché la soluzione scelta dalla Regione non varrà per sempre e non vincolerà il territorio a seguire determinate scelte che lo precludano da ogni possibilità di un successivo diverso sviluppo, anche in contrapposizione con il Piano, perseguito dal Comune».

Ecco l'intervento dell'avv. Felice Laudadio: «Non si può parlare di Ptr senza le autonomie locali, senza verificare gli interessi pubblici e privati e delle parti sociali coinvolte. Lo sviluppo di pianificazione deve partire dal basso. La Regione non deve avere più un ruolo dirigista, ma deve dialogare con tutti gli enti. Pensare che la Regione vada a pianificare nel dettaglio lo sviluppo locale significa violare il ruolo delle autonomie. Il Ptr deve essere visto come idea partecipata».

Dopo quella tecnica, è iniziata la valutazione politica con l'Assessore all'Urbanistica della Provincia di Salerno, Francesco Alfieri: «Il Ptr segna un processo importante nel governo del territorio e ci fa comprendere come la Regione Campania in tale ambito non sia fanalino di coda. Noi, come Provincia, abbiamo avuto delega piena nella pianificazione del territorio, ci siamo dotati di strutture adeguate e stiamo facendo un ottimo lavoro. Però, ora si deve far presto. Non possiamo aspettare una programmazione che potrà risolvere i nostri problemi di sviluppo, visti anche i fondi europei messi a nostra disposizione e tenuto conto dei continui tagli erariali. Il Ptr non ingessa il territorio, ma dà la possibilità ai Comuni di portare avanti delle idee in materia turistica, produttiva e culturale e fa sì di gestire un territorio ampio e variegato, stabilendo delle priorità. Per le infrastrutture di cui la provincia ha bisogno, credo che la programmazione di grandi opere non possa prescindere da opere di urbanizzazione primaria, che ancora mancano in gran parte dei Comuni».

L'analisi politica è continuata con il dott. Napoleone Cioffi, che ha esposto i contenuti presenti nell'allegato documento politico: «La città di Cava non può essere collocata nel distretto di Salerno, con cui deve avere solo un rapporto amministrativo, ma deve intrecciare rapporti con la Costiera e l'Agro nocerino-sarnese. Per fare ciò, la città deve migliorare la sua mobilità attraverso il completamento del sottovia veicolare, deve dare eccellenza al suo polo della ceramica, valorizzando la filiera che parta dalla ricerca creativa, design, e che si sviluppa a partire dalla formazione, dalla produzione e dalla distribuzione di un prodotto unico in Italia ed in Europa. Si deve lavorare, poi, per dare risalto al centro commerciale naturale, cominciando a promuovere il concetto di democrazia urbana (cittadini, tecnici ed ente che lavorano all'assetto urbanistico della città) e riqualificando la città anche attraverso uno sviluppo sostenibile. Cava deve essere inclusa all'interno del sistema territoriale di sviluppo dell'Agro. L'accoglimento di tale richiesta comporterebbe una variazione della matrice».

Il consigliere provinciale Gianpio De Rosa ha rincarato la dose: «La scelta di inserire Cava nel distretto di Salerno è infelice, in quanto relegherebbe Cava al ruolo di periferia del capoluogo. Invece, Cava va inserita in un sistema territoriale di sviluppo in cui le caratterizzazioni produttive e le vocazioni cittadine trovino degna collocazione. Dopo anni di tentennamenti, Cava deve compiere scelte forti, precise e coraggiose in termini di sviluppo e occupazione. Dobbiamo andare con l'Agro, perché qui possiamo trovare le occasioni finanziarie più adeguate».

Luigi Gravagnuolo, candidato sindaco dell'Unione, ha infine dichiarato: «La nostra posizione deve consentirci di scegliere il migliore distretto possibile per far crescere la città. L'immediata soluzione sarebbe quella di essere in un distretto che ci veda con la Costiera. Ma siccome questi luoghi hanno comunque difficoltà, dobbiamo stare attenti e negoziare sulla pianificazione. Andare con Salerno potrebbe compromettere lo sviluppo della città. Dobbiamo valutare con chi stare per il bene della città».

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni, si lavora per il parco urbano a corso Principe Amedeo

Il sindaco Vincenzo Servalli, stamattina, martedì 18 settembre, ha incontrato, insieme ai tecnici comunali, l'architetto Massimo Pica Ciamarra, progettista del parco urbano che sorgerà su corso Principe Amedeo. Il tavolo di lavoro, sollecitato dalle associazioni di categoria, è servito per una valutazione...

A Cava rinvenuto antico stemma nobiliare, Livio Trapanese: «Ha ben 188 anni»

Un reperto che conta ben 188 anni è stato ritrovato a Cava de' Tirreni, presso la sede dell'amministrazione comunale. A raccontare l'episodio è stato il giornalista cavese Livio Trapanese che, sui social, ha raccontato di essere stato contattato d'urgenza dalla dottoressa Liliana Noviello, dell'ufficio...

Cava de' Tirreni, proseguono lavori al "Simonetta Lamberti"

Questa mattina, 17 settembre, il sindaco Vincenzo Servalli ha effettuato sopralluoghi allo stadio comunale "Simonetta Lamberti", dove sono in conclusione i lavori di messa in sicurezza delle curve ed a San Giuseppe al Pozzo per le prove di cantieramento dei lavori di ripristino in quel tratto della strada...

Cava de' Tirreni: aperto il cantiere de "Il Germoglio"

Aperto ufficialmente, ieri mattina, domenica 16 settembre, il cantiere della nuova sede de "Il Germoglio", in via San Lorenzo. Emozionato il presidente dell'Associazione, Silvio Mauro, che ha fatto del lavoro da parte dei ragazzi con disabilità la propria mission, insieme alla sorella Maria e anche perché...

Pulisce le seppie nel lavandino dell'ospedale: medico licenziato

È costato caro ad un medico dell'ospedale di Praia a Mare un comportamento a dir poco superficiale e sicuramente poco professionale. Il sanitario, acquistate alcune seppie, ha pensato bene di portarle in un bagno del nosocomio e, utilizzando un lavandino, provvedere a pulirle, in modo da poterlo portare...