Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Pietro d'Alcantara

Date rapide

Oggi: 19 ottobre

Ieri: 18 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàPronto Soccorso nessun declassamento

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Attualità

Pronto Soccorso, nessun declassamento

Scritto da (admin), mercoledì 11 marzo 2009 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 11 marzo 2009 00:00:00

«Ad aprile il Pronto Soccorso dell’ospedale di Cava non subirà alcun declassamento»: lo ha garantito il Direttore Generale dell’Asl Salerno1, Alberto D’Anna. Tenendo conto della richiesta, avanzata durante la Conferanza dei Sindaci del 23 gennaio scorso, di sistemare in altro modo i 120 posti letto che la legge regionale del 28 novembre 2008 aveva assegnato all’ospedale metelliano, il nuovo manager D’Anna ha illustrato ai primi cittadini di Cava de'Tirreni, Scafati, Sarno, Pagani e Nocera - in un incontro tenutosi lunedì pomeriggio - una soluzione alternativa alla delibera dell’Asl emanata dal suo precedessore, Giovanni Russo.

Un reparto ospedaliero per definirsi "struttura complessa" deve possedere almeno 25 posti letto. Pertanto, onde evitare che il "Santa Maria dell’Olmo" subisse un declassamento da struttura complessa a semplice, e quindi la perdita della sua attuale autonomia decisionale ed economica, il Direttore sanitario Vincenzo De Paola, durante la Conferenza dei Sindaci, aveva proposto di decurtare 2 posti a Endocrinologia e 1 a Ostetricia per aggiungerli alle Unità di Medicina Generale e di Chirurgia, che allo stato attuale contano rispettivamente 23 e 24 posti letto.

«La proposta che ho presentato ai sindaci - ha spiegato il Direttore generale - ruota intorno ad una logica rigorosa: dobbiamo operare su un territorio piccolo che ha un’alta densità abitativa. Per ottimizzare il servizio, dunque, è necessario rafforzare in ognuno dei 5 ospedali un reparto d’eccellenza, attorno al quale far ruotare gli altri reparti di supporto». Una soluzione fattibile, secondo D’Anna, potrebbe essere quella di potenziare e consolidare l’Oncologia nell’ospedale di Nocera, l’Ortopedia a Sarno, la Senologia e l’Endocrinologia a Cava de'Tirreni ed il reparto dedicato all’apparato respiratorio a Scafati. Un progetto di possibile attuazione, ma che potrebbe subire delle variazioni qualora le tre Asl venissero accorporate in una sola.

Il consigliere Viggiano difende Gravagnuolo ed attacca i sindaci dell’Agro

In questi giorni stiamo assistendo ad interventi di tutti sul destino della sanità a Cava de’Tirreni. Questo rispecchia la ovvia volontà dei cittadini cavesi di difendere il loro ospedale e tutelare il loro diritto alla salute. Ma tutti, in uno modo o nell’altro, sono convinti che il sindaco si disinteressi di quello che sta succedendo al nostro nosocomio e viene presentato come un principe che vive beato e spensierato nel suo castello, dove pensa solo al PUC, alla “Monnezza”, al Millennio. Gli imputati non sono più Montemarano, Bassolino, questa Regione Campania disastrata in tutte le sue componenti, che cercano di camuffare sotto mentite spoglie (piano di razionalizzazione e riqualificazione ecc. ecc.) la volontà di chiudere alcuni nosocomi per rientrare da un disavanzo che sta diventando un baratro.

Come si fa a pensare che l’Amministrazione si stia disinteressando di questo problema? E non mi riferisco ai tanti politici di professione che a turno hanno fatto interventi sull’argomento, da una parte precisando che questi nulla avevano a che fare con i colori dei vari partiti (“la salute non ha colore”), ma approfittandone subito per chiedere le dimissioni da sindaco, o quanto meno da presidente della Conferenza dei Sindaci o da vicepresidente della Federsanità. Loro conoscono bene l’impegno del sindaco per l’ospedale di Cava!

Mi riferisco ai tanti cittadini giustamente preoccupati e disorientati. In questi mesi ho avuto modo di collaborare con il sindaco sulla problematica dell’ospedale. Ebbene, raramente ho conosciuto una persona così coinvolta e tenace nel cercare una soluzione ai problemi che, non nascondiamoci, sono gravi e di non facile soluzione. Problemi con origini lontane, da ricercare negli errori compiuti nei decenni scorsi e che hanno impoverito la sanità cavese a vantaggio di altri ospedali. Ho visto il Sindaco partecipare a riunioni di tutti i tipi (con i sindaci, con i Direttori Generali, con Direttori Sanitari, con medici ospedalieri, con consiglieri e assessori regionali) e sempre con l’obiettivo di difendere fino in fondo l’ospedale di Cava. Abbiamo preparato grafici, tabelle, diagrammi di flusso per dimostrare che il nostro ospedale lavora bene e molto. Abbiamo discusso a lungo su quali strategie adottare per mantenere quello che abbiamo nel nostro ospedale, e il Pronto Soccorso ha sempre occupato il primo posto in tutti i ragionamenti.

La legge regionale n.° 26/2008 è una cattiva legge fatta con il pallottoliere, che nulla ha di “razionalizzazione e riqualificazione del sistema sanitario”. Da questa legge l’ospedale di Cava non viene fuori bene ma rispetto ad altri presenta alcuni spazi di manovra (più di 120 posti letto, 4 posti di terapia intensiva che potrebbero essere divisi tra Castiglione e Cava, la disponibilità di alcune discipline a cedere posti letto per permettere a Medicina e Chirurgia di raggiungere i 25 posti letto necessari per una struttura complessa) che speriamo possano permetterci di mantenere quello che abbiamo.

La delibera di ASL del dicembre 2008 ha chiarito la volontà del passato Direttore Generale di attuare passivamente la legge regionale. Il nuovo Direttore Generale, Dr. D’Anna, si è dichiarato subito convinto della necessità di proporre correttivi migliorativi alle disposizioni regionali (vedi conferenza dei sindaci). Tali correttivi sono stati raccolti in una proposta elaborata dal collegio dei direttori sanitari della ASL. In questa proposta l’ospedale di Cava mantiene il Pronto Soccorso con Rianimazione e UTIC.

Nella riunione di lunedì 9-3-2009 tra i vertici aziendali ed i sindaci dei 5 comuni con ospedale, ha purtroppo trionfato la guerra tra campanili e si è ancora una volta appalesata l’opposizione di alcuni sindaci dell’Agro nei confronti di Cava. Il risultato è che tutto è stato rimandato a giugno 2009 con la formazione dell’ASL unica. Nel frattempo, i vertici della ASL si sono impegnati a non modificare l’attuale assetto ospedaliero. Quando, e se, si farà l’ASL unica, sarà importante che finalmente ci sarà qualcuno che abbia un peso politico tale da orientare scelte e decisioni, evitando il ripetersi di quegli errori che ci hanno fatto perdere “quella centralità e quel primato che i nostri avi avevano nei secoli assicurato alla nostra città” (per citare Pasquale Petrillo).

Altro che dimettersi dalla Conferenza dei Sindaci o da Federsanità! Nella ASL unica avremo il nostro sindaco che continuerà ad impegnarsi, come ha fatto finora, per difendere l’ospedale e tutelare il diritto alla salute dei cittadini cavesi in tutti i modi ed in tutte le sedi.

Il Consigliere comunale Domenico Viggiano

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni, sindaco Servalli: «La scuola è una priorità per l'amministrazione comunale»

Si è tenuta stamattina, mercoledì 18 ottobre, alle 10.00, presso la Sala dei Gemellaggi, la conferenza stampa del sindaco Vincenzo Servalli e del vice sindaco, Nunzio Senatore, assessore con delega ai lavori pubblici per illustrare le attività messe in campo finora dall'Amministrazione comunale per il...

Lamberti Food di Cava partner ufficiale del Campionato Nazionale Pizza DOC

Lamberti Food di Cava de' Tirreni sarà partner ufficiale della 4° edizionedel Campionato Nazionale Pizza DOC, che si svolgerà presso l'Area Fieristica Macchè Arena di San Valentino Torio dal 23 al 24 ottobre 2017. L'azienda metelliana ancora una volta scenderà in campo al fianco di manifestazioni di...

Cava de' Tirreni, disoccupazione giovanile in aumento

Alcuni giorni fa, l'amministrazione Servalli aveva deciso di procedere all'avvio di un processo di ridefinizione delle competenze funzionali di alcuni settori (clicca qui per l'articolo). Un piano di assunzioni che ha scatenato una vera e propria corsa al "posto fisso". Come riporta il giornale "La Città...

Cava, parte la raccolta firme per far restare don Giovanni

A Sant'Arcangelo, frazione di Cava de' Tirreni, parta la raccolta firme per far restare don Giovanni Pisacane. I fedeli, infatti, non accettano il trasferimento del loro giovane parroco, destinato a Dragonea di Vietri, e hanno iniziato una raccolta firme per farlo restare. Oltre a questo, inoltre, hanno...

Cava de' Tirreni, piazza Bassi abbandonata: l'appello dei residenti

Inaugurata lo scorso 25 luglio, dopo meno di due mesi piazza Bassi sta scivolando in un degrado inaspettato. La piazza presente nella frazione Pianesi di Cava de' Tirreni, infatti, è stata abbandonata se stessa, senza interventi adeguati di manutenzione. A creare malcontento tra i residenti della zona...