Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Messalina vergine

Date rapide

Oggi: 23 gennaio

Ieri: 22 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Petrillo Abbigliamento augura Buona Natale a tutti i lettori de Il Portico e de Il Vescovado e vi aspetta a Contursi Terme con le sue migliori offerte di Natale

Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàProfanato ripetutamente il sacrato della Chiesa del Purgatorio

La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Attualità

Profanato ripetutamente il sacrato della Chiesa del Purgatorio

Scritto da Livio Trapanese (admin), mercoledì 2 novembre 2011 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 2 novembre 2011 00:00:00

Prima d’addentrarci nella titolata tematica, lasciateci evidenziare l’interrogativo postoci, di sovente, dalla società civile cittadina, che, per volere Celeste, è la stragrande maggioranza della nostra bella Italia: «Dove ci condurrà il continuo vilipendio dei siti ed oggetti sacri?». Seppur indignati, dobbiamo ammettere che ci distanzierà, sempre di più, dai valori di pace, concordia e solidarietà cristiana; essenziale per il vivere in uno Stato democratico.

Sono ancora indelebili nella nostra mente le sequenze filmate ed irradiate da tutte le televisioni nel primo pomeriggio di sabato 15 ottobre, a Roma, attraverso le quali abbiamo saputo della barbara devastazione posta in campo dai black bloc dinanzi alla capitolina Basilica Maggiore di San Giovanni, oltre che in altri quartieri della “città eterna”. L’evento sul quale si deve riflettere è la spavalda distruzione della statua in gesso della Madonna, rimossa con inaudita violenza dagli stessi facinorosi, dall’altarino d’ingresso della Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro, sotto l’inerme sguardo del viceparroco, Don Marco Gandolfo.

Al tempo, ma siamo sicuri che nella nostra “bella Cava de’Tirreni” non avviene qualcosa che, se non del pari, comunque d’irriverente verso la Santa Madre Chiesa avviene? Cosa proviamo nel vedere, anche noi inermi, il costante profanare da parte di giovani scalmanati dei sacrati della settecentesca Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo e delle Anime del Purgatorio, comunemente detta “Chiesa del Purgatorio” ed, ancor peggio, della cinquecentesca Concattedrale di Santa Maria della Visitazione, sede della Parrocchia di Sant’Adjutore. Il primo sacro luogo, che ha sede nel “cuore” della città dei portici, e più esattamente nella Piazzetta Nicola Di Mauro di Corso Umberto I, dalla quale principia il cinquecentesco Borgo Scacciaventi, è diuturnamente vittima di occasionali avventori che hanno scelto quel luogo per banchettare; neanche se a pochi passi non ve ne fossero.

La storia ci ricorda che la Chiesa ed il sacrato di cui parliamo è di proprietà dell’Arciconfraternita di Santa Maria Assunta in Cielo e delle Anime del Purgatorio, fondata nel 1596, ancor prima detta Confraternita di San Carlo, oppure Confraternita della Natività di Maria Santissima, ovvero Confraternita di Santa Maria del Monte della Misericordia, ossia Confraternita della Natività della Beata Vergine e degli Artisti del Monte della Misericordia, solitamente nota come Confraternita degli Artisti e degli Artefici. Il pio Sodalizio, il 24 maggio 1752, pagandoli 750 ducati, acquistò dalla Confraternita di Santa Maria della Pietà di Sant’Arcangelo alcuni magazzini ed un quartino, annessi alla Chiesa di San Giacomo al Borgo (ai nostri tempi detta Chiesa di Mamma Lucia).

Da notare che l’Arciconfraternita, con atto del 9 novembre 1635, rogato dal Notaio Giuseppe Cantarella della Città di Cava (il toponimo “Città di Cava de’Tirreni” origina il 23 ottobre 1862), ottenne da Monsignor Matteo Granito, Vescovo della Diocesi cittadina, il diritto di celebrare le Sante Messe nella Cappella del Crocifisso, sita nell’odierna Concattedrale di Piazza Vittorio Emanuele III, oltre a seppellire innanzi ad essa i confratelli e le consorelle trapassati. Per memoria storica ricordiamo che già nel 1400, accanto alla Chiesa di San Giacomo al Borgo, esisteva un nosocomio detto “Ospedale San Giacomo”. Tornando all’Arciconfraternita, segnaliamo che essa, nel 1753, Priore Francesco Miraldi, rilevato che la Cappella del Crocifisso nel Duomo era divenuta insufficiente, sia per la celebrazione delle Sante Messe e sia per le sepolture, di concerto col Pastore della Diocesi, Monsignor Nicola Borgia, decise di edificare una Chiesa accosto alla sede dell’Oratorio dell’allora Confraternita, da sempre sita nell’attuale Via Canonico Aniello Avallone, n. 9.

La Chiesa fu costruita arretrata rispetto al margine della Via Regia (Corso Umberto I), dovendosi rispettare un’adeguata distanza dalla Chiesa e Convento di San Giovanni, sede delle Monache Clarisse. La costruzione costò circa 8.000 ducati ed ebbe termine nel 1755 con la titolazione di “Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo e delle Anime del Purgatorio”, consacrata dal Vescovo Borgia. La Confraternita, Priore l’Avvocato Vincenzo Mascolo, nel 1885 costruì una grandiosa Cappella nel civico cimitero cittadino, attivato nel 1839. La Cappella cimiteriale venne terminata nel 1888 e fu benedetta del Vescovo Monsignor Giuseppe Carrano.

Evidenziamo, per futura memoria, che nel gennaio 1889 la Confraternita, conscia che lo slargo antistante la Chiesa era di sua esclusiva proprietà, come documentato da ben 3 atti notarili del 1751, sicuramente ancora ben custoditi presso la Segreteria del Sodalizio religioso, deliberò di chiuderlo con una cancellata. La decisione non sarà stata adottata per scongiurarne l’uso improprio da parte di taluni? Il 27 aprile dello stesso 1751, il Consiglio Comunale, Sindaco il Marchese Carlo Genoino, riunitosi in assise straordinaria, approvò tale proposta, ma non ci è dato sapere il perché l’opera non fu mai realizzata! L’ultima nota storica che qui vogliamo menzionare è del 20 gennaio 1910, quando Papa Pio X, con sua Breve dello stesso dì, conferì alla Confraternita il titolo di Arciconfraternita. Le vicende del terremoto del 23 novembre 1980 e l’autonoma ricostruzione tenacemente voluta dal Priore Attilio Trapanese prima e dal germano Alfonso Trapanese poi, conclusasi con la riapertura al culto nell’ottobre 1997, sono ben note al Clero ed alla Comunità cittadina.

Ci piace qui evidenziare che la questione della chiusura del sacrato della Chiesa del Purgatorio venne riproposta durante il “sindacato” dell’avvocato Alfredo Messina, ma il progetto, sebbene avesse il parere favorevole della Soprintendenza ai Beni Artistici, Storici ed Architettonici di Salerno, non trovò accoglimento. Oggi più che mai, e credo siamo tutti d’accordo, è necessario correre ai ripari e provvedere alla chiusura dei Sacrati della Concattedrale di Sant’Adjutore e della Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo e delle Anime del Purgatorio poiché sono divenuti luoghi costantemente profanati, per quanto diuturnamente vi accade! Non solo gioco del pallone, scritte disdicevoli ed altro, ma, per quanto attiene quello dinanzi alla Chiesa del Purgatorio, consumazione di pasti e bevande, col conseguente abbandono degli avanzi, da parte di “avventori” adusi a sedersi sul “sarcofago” in marmo di Carrara, realizzato nel 2006 da Ugo Marano, oggi al cospetto del Signore, secondo cui avrebbe dovuto costituire “una pausa urbana, un luogo di meditazione e un ricordo in onore dell’illustre nostra amata concittadina”: Lucia Pisapia in Apicella.

Per noi cavesi, quanto realizzato col rilevante contributo della popolazione cavese, dell’A.A.S.T. metelliana, a quel tempo diretta dal mai dimenticato dr. Raffaele (Lello) Senatore, del Palazzo di Città ed altri Enti pubblici, non esprime la grandezza di Mamma Lucia e non dà ai forestieri la giusta percezione della sua memoria. Nell’auspicare che la diuturnamente cristiana tolleranza palesata da Don Rosario Sessa, per la Concattedrale, e dal Priore Francesco Di Salvio, per la Chiesa del Purgatorio, non abbia mai fine, per porre fine a quanto di disdicevole avviene, ogni giorno, sotto gli occhi di tutti nei due sacrati, la società civile di questa nostra nobile Città chiede alla Civica Amministrazione, attenta custode dei beni storici cittadini, di provvedere alla chiusura di entrambi luoghi consacrati, previa installazione di artistici cancelli, come è stato voluto per la Basilica della Santissima Trinità, contigua al Monastero Benedettino al Corpo di Cava.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Femminicidio a Cava, Imma Vietri (Fratelli d'Italia): «Piangiamo l’ennesima vittima»

«Piangiamo l'ennesima vittima di una violenza tra le mura domestiche». Questo è il commento di Imma Vietri, coordinatore regionale del Dipartimento Tutela Vittime-Campania di Fratelli d'Italia, dopo aver appreso della morte di Nunzia Maiorano, di 41 anni, uccisa questa mattina dal marito, Salvatore Siani,...

Cava de' Tirreni, ordinanza di chiusura per la scuola di Passiano

Con Ordinanza sindacale numero 25 del 22 gennaio 2018, è stata disposta la chiusura temporanea del plesso scolastico G. Pisapia, dell'Istituto comprensivo Giovanni XXIII, in piazza Arturo Adinolfi, frazione Passiano e dei locali al piano terra che ospitano il centro anziani e gli Uffici delle Poste Italiane....

La Campania martoriata dalle fiamme, da Minori criticità e proposte [VIDEO]

di Donato Bella Giovedì 18 gennaio scorso, presso l'aula consiliare del Comune di Minori, si è tenuta la terza tappa del convegno-focus itinerante "Campania in fiamme: criticità e proposte", ideato dalla giornalista Maria Rosaria Voccia, direttrice della testa online Sevensalerno. L'appuntamento minorese,...

Cava, assessore Senatore: «Quasi raggiunto l'obbiettivo "Campi Zero"»

Si trasferirà nei prossimi giorni presso gli alloggi provvisori dell'ex Acismom, l'ultima occupante di un prefabbricato nel campo di Pregiato. Tutti gli altri campi sono praticamente svuotati, restano solo pochi occupanti abusivi, senza alcun titolo, che in questi giorni stanno lasciando i prefabbricati...

Il cellulare torna in classe: ecco le 10 regole della Fedeli

Dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca via libera all'utilizzo responsabile degli strumenti digitali nella didattica. Già quale tempo fa, il ministro Fedeli aveva annunciato che una commissione costituita ad hoc avrebbe studiato delle linee guide su come utilizzare virtuosamente...