Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Pietro d'Alcantara

Date rapide

Oggi: 19 ottobre

Ieri: 18 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàNuovi guai per l'ex giudice Lamberti

Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Attualità

Nuovi guai per l'ex giudice Lamberti

Scritto da (admin), martedì 1 marzo 2005 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 1 marzo 2005 00:00:00

Ancora guai giudiziari per Alfonso Lamberti, ex giudice della Corte di Appello di Napoli addetto alla sezione "Misure di prevenzione", che il 14 giugno 2002 è stato condannato dal Tribunale di Salerno a 7 anni di reclusione e 1.400 euro di multa per i reati di corruzione in atti giudiziari, associazione a delinquere di tipo mafioso, detenzione e porto illegale di esplosivi, violenza privata e calunnia. Sul capo di Alfonso Lamberti, ex procuratore capo di Sala Consilina, ora solo docente universitario, pende la richiesta di condanna formulata dalla Procura regionale della Corte dei Conti per danno erariale all'immagine e per danno patrimoniale, per la somma complessiva di 1 milione e 786mila euro da versare al Ministero della Giustizia. Il relativo processo davanti alla Sezione giurisdizionale di Napoli è scattato con l'atto di citazione in giudizio firmato dal sostituto procuratore generale, Antonio Buccarelli. Dopo la prima udienza dibattimentale, la difesa di Lamberti, sostenuta dagli avvocati Renato De Lorenzo e Francesco Accarino, ha sollevato il cosiddetto "difetto di giurisdizione" della Corte dei Conti. E così, la magistratura contabile napoletana di via Piedigrotta ha dovuto sospendere il processo in attesa della decisione, di competenza della Corte di Cassazione, che dovrà sentenziare a Sezioni unite. Lamberti, quindi, non vuole essere processato dalla Corte dei Conti, ritenendola del tutto "incompetente". Il motivo? La responsabilità civile del magistrato nell'espressione della sua funzione giurisdizionale è compiutamente disciplinata dalla legge del 1988 (la numero 117), per danni sia a terzi che all'istituzione di appartenenza. Di conseguenza, la responsabilità patrimoniale del giudice è sottratta alla magistratura contabile ed è affidata esclusivamente al giudice ordinario (Tribunale civile). Intanto, la Procura regionale della Corte dei Conti, diretta da Arturo Martucci di Scarfizzi, ha presentato contro-ricorso alla Suprema Corte, per contestare l'eccezione sollevata da Lamberti e per affermare il diritto della Corte dei Conti di processare l'ex magistrato cavese. Il contro-ricorso è stato presentato dal sostituto procuratore generale, Antonio Buccarelli, che il 14 marzo 2003 aveva firmato l'atto di citazione in giudizio di Lamberti, per sentirlo condannare al pagamento, in favore del Ministero della Giustizia, della cospicua somma, di cui 1.100.053 euro per danno all'immagine e 686.887 euro per danno patrimoniale. Sarà ora la Corte di Cassazione a regolare la giurisdizione. Il Tribunale di Salerno aveva condannato Lamberti con la sentenza 1135/2002 e, contestualmente, lo aveva interdetto in perpetuo dai pubblici uffici ed interdetto legalmente per la durata della pena. La condanna penale, però, non è definitiva, perché non passata in giudicato. Lamberti, infatti, tramite l'avv. Pansini, ha proposto appello ed il processo di secondo grado non è stato ancora celebrato. Secondo la sentenza del Tribunale di Salerno, Lamberti è risultato essere un affiliato al clan camorristico della Nuova Famiglia, facente capo ai boss Alfieri e Galasso. Sulla base di un accordo di massima pregresso, tra il 1987 ed il 1991 ha tutelato gli interessi dell'organizzazione criminale. Di volta in volta, l'ex magistrato della Corte di Appello di Napoli ha richiesto come corrispettivo il pagamento di ingenti somme di danaro o di oggetti di valore, quando il clan camorristico era coinvolto in vicende giudiziarie, ed in particolare quando si trattava di impedire o limitare effetti negativi derivanti dai procedimenti relativi all'applicazione di misure di prevenzione (sorveglianza speciale, obbligo di soggiorno, versamento di cauzioni, sequestro e confisca di beni), soprattutto in relazione alle conseguenze economiche, oltre a quelle personali, nei confronti dei membri del sodalizio criminoso. Sempre secondo la sentenza del Tribunale di Salerno, Lamberti ha ricevuto somme superiori a 300mila euro, oltre ad oggetti di valore (certamente 4 orologi) ed altri benefici materiali per sé e per altri.

La lunga scia di processi

Nel 2003 Alfonso Lamberti fu condannato a 1 anno e 6 mesi dalla III Sezione del Tribunale di Salerno per calunnia nei confronti dell'ex moglie, Angela Procaccini. Uno dei tanti filoni dell'indagine iniziata dopo che l'ex magistrato aveva dato incarico all'investigatore privato Carlo Baresi di seguire la donna. Gelosia, ma anche una sorta di ossessione, che lo aveva portato ad una vera e propria persecuzione nei confronti dell'ex moglie. Non è stata l'unica condanna per calunnia. L'anno precedente, Lamberti era stato condannato a 1 anno e 8 mesi per aver calunniato alcuni insegnanti, colleghi della Procaccini, da lui accusati di aver favorito l'ex moglie, non facendo risultare alcune sue assenze.

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni, sindaco Servalli: «La scuola è una priorità per l'amministrazione comunale»

Si è tenuta stamattina, mercoledì 18 ottobre, alle 10.00, presso la Sala dei Gemellaggi, la conferenza stampa del sindaco Vincenzo Servalli e del vice sindaco, Nunzio Senatore, assessore con delega ai lavori pubblici per illustrare le attività messe in campo finora dall'Amministrazione comunale per il...

Lamberti Food di Cava partner ufficiale del Campionato Nazionale Pizza DOC

Lamberti Food di Cava de' Tirreni sarà partner ufficiale della 4° edizionedel Campionato Nazionale Pizza DOC, che si svolgerà presso l'Area Fieristica Macchè Arena di San Valentino Torio dal 23 al 24 ottobre 2017. L'azienda metelliana ancora una volta scenderà in campo al fianco di manifestazioni di...

Cava de' Tirreni, disoccupazione giovanile in aumento

Alcuni giorni fa, l'amministrazione Servalli aveva deciso di procedere all'avvio di un processo di ridefinizione delle competenze funzionali di alcuni settori (clicca qui per l'articolo). Un piano di assunzioni che ha scatenato una vera e propria corsa al "posto fisso". Come riporta il giornale "La Città...

Cava, parte la raccolta firme per far restare don Giovanni

A Sant'Arcangelo, frazione di Cava de' Tirreni, parta la raccolta firme per far restare don Giovanni Pisacane. I fedeli, infatti, non accettano il trasferimento del loro giovane parroco, destinato a Dragonea di Vietri, e hanno iniziato una raccolta firme per farlo restare. Oltre a questo, inoltre, hanno...

Cava de' Tirreni, piazza Bassi abbandonata: l'appello dei residenti

Inaugurata lo scorso 25 luglio, dopo meno di due mesi piazza Bassi sta scivolando in un degrado inaspettato. La piazza presente nella frazione Pianesi di Cava de' Tirreni, infatti, è stata abbandonata se stessa, senza interventi adeguati di manutenzione. A creare malcontento tra i residenti della zona...