Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 minuti fa S. Clotilde regina

Date rapide

Oggi: 3 giugno

Ieri: 2 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Tu sei qui: SezioniAttualitàNessun risarcimento al pedone che attraversa parlando al telefono

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Attualità

Nessun risarcimento al pedone che attraversa parlando al telefono

Scritto da (Redazione), martedì 3 settembre 2019 17:52:38

Ultimo aggiornamento martedì 3 settembre 2019 17:53:29

La Redazione Scientifica della rivista Web "Ridare" segnala un'interessante sentenza del Tribunale di Trieste, che si pronuncia in qualità di giudice di appello nei confronti di una sentenza del Giudice di Pace.

I fatti originano dall'investimento di una signora, che veniva attinta da una vettura mentre tentava di salire sull'autobus desiderato. I convenuti citati in giudizio resistono, contestando le richieste della malcapitata, che asseriva aver subito danni per 5.020 euro.

Il Giudice di Pace invocato rigetta le aspirazioni della signora, dando ragione al conducente, al proprietario e all'assicurazione. La danneggiata propone appello e, in parziale riforma della precedente decisione, il Tribunale di Trieste le assegna l'80% di responsabilità e provvede a riconoscerle un misero 20% di ragione.

Ma veniamo alle considerazioni svolte e poste a base delle decisioni delle due Curie. La norma di riferimento viene indicata dai giudicanti come l'articolo 2054 del Codice civile, il quale detta le indicazioni per assegnare le responsabilità agli attori del sinistro. Il suddetto precetto recita testualmente: "Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno".

Orbene, per consolidata giurisprudenza di merito e legittimità, sfociata nelle famose sentenze della Cassazione, la numero 12751 del 2001 e la 14064 del 2010, il conducente, per liberarsi dai suoi obblighi, deve dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno anche in modo non diretto, ma servendosi di ogni elemento idoneo a dimostrare che, nel caso concreto, non avrebbe potuto mettere in atto alcun comportamento, a causa di eventi esterni alla sua volontà ed alla sua condotta, tra cui, vanno ricompresi, anche i comportamenti repentini, improvvisi, contra legem dello stesso pedone.

Quest'ultimo, infatti, dopo l'entrata in vigore del "Nuovo codice della strada", decreto legislativo 30 aprile 1992 numero 285 e successive modificazioni, ha perso quella precedenza assoluta che aveva nel passato, per vedersi regolamentato il suo diritto, all'interno di un preciso àmbito normativo.

L'articolo 190 del Codice della Strada precisa che i pedoni debbano servirsi degli appositi passaggi pedonali, dei sottopassaggi e dei sovrapassaggi. Al di fuori di queste strutture dedicate sono obbligati a concedere la dovuta precedenza ai veicoli circolanti.

Questa norma va coordinata con la successiva, l'articolo 191 del Codice della Strada, questa volta rivolta ai conducenti, che devono dare la precedenza ai pedoni sulle strisce e prestare la massima cautela nei confronti delle persone che camminino in prossimità delle zebre, in quanto potrebbero attraversare.

Il Tribunale di Trieste, contemperando le due diverse impostazioni e i due diversi punti di vista, sottolinea tutti i casi in cui il conducente si libera della responsabilità per il danno.

In particolare quando il conducente per cause che esulino dall'osservanza della diligenza si sia venuto a trovare nell'impossibilità di poter vedere il pedone, per i motivi più diversi, come ostacoli sulla carreggiata o come la posizione colposa del pedone nascosto dietro alberi o caseggiati o quando il pedone si sia mosso in modo talmente rapido ed abbia intrapreso l'attraversamento in modo così repentino, da non consentire manovre evasive alla vettura.

Il Giudicante prende anche in considerazione il caso in cui nessuna infrazione possa essere addebitata al conducente mentre non si possa dire la stessa cosa del pedone, che avrebbe violato norme del codice della strada (come nel caso in cui marciasse lungo la carreggiata nel senso di marcia dei veicoli).

Nel processo in oggetto la Curia svolge proprio questo tipo di ragionamento e dopo un'analisi del comportamento della persona a piedi, giunge ad attribuirle l'80% della colpa, in quanto, distratta dall'uso del telefono, correndo, metteva in atto un attraversamento senza controllare l'eventuale sopraggiungere di veicoli.

Da non sottacere l'attribuzione della responsabilità parziale al conducente del veicolo, per una quota corrispondente al 20%, in quanto, dall'istruttoria, era emerso chiaramente che il pilota del veicolo aveva visto la signora correre lungo il marciapiede inseguendo il pulman in sua attesa e che, per le caratteristiche della strada e per la presenza della fermata dell'autobus, avrebbe potuto aspettarsi uno scomposto e repentino attraversamento, non classificabile, proprio per le caratteristiche di luogo e di tempo, come "imprevedibile".

In conclusione, oltre a segnalare con il cellulare abbia mietuto un'altra vittima, la sentenza in oggetto può costituire un monito importante per le categorie dei conducenti e dei pedoni.

Ai primi segnala che il Codice della Strada li richiama ad un'attenta previsione dei comportamenti prevedibili di chi transita a piedi nei pressi della carreggiata, mentre ai pedoni richiama la riforma del 1992, ricordando che, nell'attraversare fuori dalle strisce, hanno perso il diritto di precedenza.

Fonte: agenziastampaitalia.it

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Il 118 di Cava de' Tirreni al collasso, gli operatori: «Troppe chiamate per interventi non urgenti»

Troppe chiamate, ogni giorno, per interventi non urgenti (le richieste da cosiddetto codice bianco), rischiano di essere un rompicapo per gli operatori del 118 a Cava de' Tirreni. La postazione finisce così per rimanere sguarnita per le emergenze. Come scrive il quotidiano "Il Mattino", casi analoghi...

Cava: scoperto terreno contaminato, stop ai lavori all'ex discarica Cannetiello

Procedono a rilento i lavori di messa in sicurezza dell'ex discarica comunale di Cannetiello, a Cava de' Tirreni. Il motivo? Il ritrovamento di rifiuti solidi urbani a valle della briglia di contenimento e la maggiore estensione, rispetto a quanto previsto inizialmente, dell'area superficiale contaminata...

Trova somma di denaro e la consegna alla polizia: bel gesto di onestà a Cava de' Tirreni

Ha rinvenuto una somma di denaro e non ci ha pensato due volte a consegnarla presso il Comando di Polizia Municipale di Cava de' Tirreni. Protagonista della vicenda, resa nota nella mattinata di oggi (1° giugno), un onesto cittadino che invece di tenersi il "tesoretto" ha preferito consegnarlo alle forze...

Far ripulire Cava dai beneficiari del reddito di cittadinanza, la proposta del consigliere Lamberti

Alcune zone di Cava de' Tirreni sono totalmente in preda all'incuria e al degrado. Basta farsi una passeggiata in via Diego Pisapia per rendersi conto delle condizioni pietose in cui versano le aree verdi, le strade, le scuole e gli spazi comuni. Le mura cittadine sono completamente ricoperte dalla vegetazione,...

Canna fumaria su Monte Castello, è polemica a Cava de' Tirreni

Una canna fumaria che aveva fatto la sua comparsa su Monte Castello a Cava de' Tirreni. La struttura in acciaio è un vero e proprio colpo nell'occhio per i cittadini metelliani, che hanno segnalato il problema attraverso i social. A denunciare quanto accaduto, infatti, è stato il gruppo Facebook "Sei...