Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàLa "Festa" vissuta dall'Arcivescovo

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

La "Festa" vissuta dall'Arcivescovo

Scritto da (admin), venerdì 11 giugno 2010 00:00:00

Ultimo aggiornamento venerdì 11 giugno 2010 00:00:00

Alla vigilia della 354ª edizione dei “Festeggiamenti in onore del SS. Sacramento”, la Redazione di “Carpe Diem…”, periodico curato dall’Associazione “Archibugieri SS. Sacramento”, ha incontrato S.E. Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo di Amalfi-Cava de’ Tirreni. E’ stata l’occasione per soffermarsi sui tanti aspetti religiosi, culturali e folcloristici della festività. Ecco l’intervista:

Sua Eccellenza, cosa rappresenta per la Chiesa cavese questa ricorrenza?
Alla radice dell’annuale “Festa di Monte Castello” c’è un evento religioso che ha contrassegnato la storia della nostra città: la fine della peste del 1656, attribuita all’affidamento a Gesù Eucaristia. Questa ricorrenza, per la nostra Chiesa locale, è un’occasione per riscoprire l’importanza del SS. Sacramento e per ravvivarne la devozione.

Lei è Pastore di questa Diocesi dal 23 settembre 2000. Com’è stato il primo impatto con la città ed in particolare con questa Festa?
Quest’anno ricorre il 10° anniversario della mia ordinazione episcopale e dell’ingresso in Diocesi. Fin dal primo momento ho ricevuto una buona accoglienza ed ho trovato i cittadini molto cordiali. La “Festa di Monte Castello”, con le sue tipiche manifestazioni, è stata una vera scoperta che subito mi ha attratto e coinvolto.

I Festeggiamenti sono scanditi da vari momenti importanti, ma il “clou” è sicuramente il giovedì dell’ottava del Corpus Domini. Come vive l’intensa giornata al Castello?
La celebrazione mattutina presso il Castello, seguita dalla benedizione dei pistoni, e la processione eucaristica serale con la benedizione della città dai quattro punti cardinali, costituiscono certamente tra i momenti più intensi e significativi della giornata. Molto bella è anche la presenza delle postazioni dei vari Gruppi, che trascorrono la giornata tra spari di pistoni e momenti conviviali. Fin dal primo anno con molto piacere mi sono soffermato a visitare i vari raggruppamenti per conoscere le loro storie e tradizioni.

C’è un aneddoto particolare legato alla Festa che vuole raccontarci?
I pistoni, che inizialmente erano armi da guerra, oggi sono utilizzati per esprimere la gioia della Festa. Qualche anno, su cordiale insistenza, ho maneggiato i pesanti pistoni. Per me è stata una novità, perché non amo le armi.

Altro momento importante è la Benedizione dei Trombonieri da lei impartita. Che effetto le fa vedere Piazza Duomo gremita da un migliaio di figuranti?
Dal sagrato della Concattedrale si ha un colpo d’occhio incantevole. E’ uno spettacolo meraviglioso e variopinto di costumi, stendardi, bandiere, di suoni di tamburi e di chiarine. Tanti volti e tante storie. Con il passare degli anni, insieme alla benedizione, ho voluto trasmettere dei messaggi alle centinaia di trombonieri, sbandieratori e cavalieri presenti sulla piazza del Duomo. Ho cercato di annunciare i valori dell’amicizia, della solidarietà, del camminare insieme, così come propone il piano pastorale diocesano.

Il miracolo eucaristico del 1656 liberò la città dal flagello della peste. Attualizzando la Festa al contesto contemporaneo, qual è secondo lei la “peste” al giorno d’oggi?
E’ difficile individuare quale sia la “peste” che affligge l’attuale società. I problemi sono tanti e di difficile soluzione. Forse la diffusione della droga e del nichilismo, che coinvolge soprattutto le giovani generazioni, può essere considerata la peste della società contemporanea.

Com’è cambiata la Festa durante il suo episcopato? Se potesse, quali variazioni apporterebbe per migliorarla?
Dopo oltre tre secoli e mezzo di storia, con tradizioni ormai consolidate nel tempo, è molto difficile apportare dei cambiamenti sostanziali. Penso, però, che l’eventuale cambiamento, o rinnovamento, debba riguardare non tanto le tradizioni culturali, gastronomiche o folcloristiche, ma piuttosto dando uno spazio maggiore alla dimensione spirituale. Trattandosi non solo di una festa civile, ma di una celebrazione che ha anche un risvolto religioso, non è mai troppo lo spazio riservato alla crescita cristiana ed alla formazione spirituale. Proporrei dei momenti più intensi di catechesi, perché la città, che fa memoria grata di un miracolo eucaristico, cresca nella dimensione della solidarietà e del servizio.

A suo giudizio, perché la “Festa di Monte Castello” rimane ancorata al contesto cittadino, senza riuscire ad “emergere” all’esterno?
Ci sono delle espressioni della Festa, come le rievocazioni storiche, che certamente meriterebbero di essere conosciute da un pubblico più ampio e di essere “esportate”. Tuttavia, credo che occorre evitare di essere eccessivamente ripetitivi, dando più spazio all’inventiva ed alla fantasia.

La “Festa di Monte Castello” è nella tradizione cavese sinonimo di fede religiosa e folklore. Oggi a prevalere è ancora l’anima religiosa o l’aspetto folcloristico?
L’aspetto folcloristico è sicuramente quello più appariscente e predominante, tuttavia bisogna far emergere, decisamente, l’aspetto spirituale per non svuotare la Festa della sua anima.

Cava de’ Tirreni pullula di associazioni. Com’è il suo rapporto con il mondo associazionistico e con i vari Sodalizi cittadini?
La città di Cava de’ Tirreni vanta una buona presenza di associazioni, ecclesiali e non. Credo che le associazioni sono un’autentica ricchezza per il territorio, soprattutto per la crescita e la formazione dei giovani. Ho cercato, specialmente in occasione della visita pastorale, di cogliere tutte le occasioni per incontrare i gruppi, per fermarmi a dialogare amichevolmente con i soci e per incoraggiarli nelle loro attività e difficoltà.

Secondo lei, quale ruolo sociale dovrebbero ricoprire i Gruppi folcloristici cittadini?
I Gruppi, depositari di antiche magnifiche tradizioni, dovrebbero non disperdere il loro prezioso patrimonio e mirare anche alla formazione sociale e spirituale dei soci. Trascorrere tante ore per esercitarsi con le bandiere o i tamburi allontana, certamente, dalla strada e da eventuali pericoli, ma non fa crescere automaticamente buoni cristiani e bravi cittadini se non si seminano nel cuore i valori autentici dell’esistenza. I Gruppi, guidati da bravi e competenti animatori, possono svolgere un ruolo sociale eccellente. Oggi che si parla di emergenza educativa, occorre un’alleanza educativa che coinvolga non solo la famiglia, la scuola e la parrocchia, ma anche i Gruppi, stabilmente costituiti.

In conclusione, quale messaggio vuole lanciare alla città in occasione di questa Festa tanto cara ai cavesi?
In occasione della Festa eucaristica di Monte Castello, desidero augurare a tutti i cavesi di trascorrere questi giorni nella serenità e nella gioia, senza dimenticare il Festeggiato.

Intervista tratta da “Carpe Diem…”, periodico a cura dell’Associazione storico-culturale “Archibugieri SS. Sacramento”

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni: nuovo Direttivo del CCN incontra il Sindaco Servalli

Questa mattina, al Palazzo di Città di Cava de'Tirreni, il Consiglio Direttivo del Consorzio CavaCCN si è incontrato con il sindaco Vincenzo Servalli e l'assessore allo sviluppo economico Barbara Mauro de Cuya. L'incontro promosso dal neo Direttivo si è svolto in un clima molto cordiale ed informale...

Cava de' Tirreni aderisce all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR)

Anche l'Amministrazione comunale di Cava de' Tirreni aderisce all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente. Per adeguare i sistemi informatici alla banca dati nazionale, le attività degli uffici, Anagrafe, Elettorale e Tributi, saranno sospese nei giorni di giovedì 26 e venerdì 27 luglio prossimi,...

Cava de' Tirreni: grande partecipazione dei volontari antincendi

Un incontro molto partecipato, quello di ieri pomeriggio alle 18.30, a Palazzo di Città, tra l'Amministrazione Servalli e le associazioni e cittadini che si occupano di salvaguardia dell'ambiente. L'Assessore all'ambiente, Nunzio Senatore, accompagnato dal responsabile della Protezione civile, il Ten....

Cava de' Tirreni, lavori conclusi sulla Sp360: 25 luglio la riapertura

Come un fulmine a ciel sereno arriva una buona notizia per i residenti e per i commercianti di Sant'Anna, a Cava de' Tirreni. Mercoledì 25 luglio, alle 11,00, infatti, riaprirà la SP360 via Pasquale Di Domenico, che era stata chiusa ad inizio 2017 per un evento franoso. I lavori e i ritardi per il ripristino...

Lavori conclusi alla Chiesa di Santa Maria del Rovo: sabato 21 la riapertura

Manca poco alla riapertura della chiesa di Santa Maria Del Rovo, chiusa lo scorso 10 settembre 2017 per lavori di restauro. Adesso, a conclusione dei lavori - messi a punto dai restauratori Diana Spada e Nicola Iovine per una spesa totale di 120 mila euro - il santuario, punto di riferimento di circa...