Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 ore fa S. Cesario di Nazianzo

Date rapide

Oggi: 25 febbraio

Ieri: 24 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Saldi più attesi sono quelli di Petrillo Abbigliamento che vi aspetta a Contursi Terme con le migliori occasioni di fine stagione I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàIl caso Di Mauro in Parlamento

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Il caso Di Mauro in Parlamento

Scritto da (admin), martedì 3 maggio 2005 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 3 maggio 2005 00:00:00

È arrivata sul tavolo del Governo ed in Parlamento la vicenda della chiusura delle "Arti Grafiche Di Mauro". Il vice-presidente del gruppo di An alla Camera dei Deputati, Edmondo Cirielli, denuncia il pericolo di speculazioni edilizie o commerciali, legate alla grande distribuzione, sulla crisi della storica azienda cavese dopo quasi 120 anni di attività: "L'idea ed il pericolo che dietro tutto ciò si celi una speculazione deve essere respinta e combattuta da tutte le forze politiche. In maniera particolare, Regione, Provincia e Comune devono garantire che sulla zona non sarà dato il permesso né di costruire civili abitazioni, né di impiantare centri commerciali. Le istituzioni e la politica non possono certo influire sull'andamento del libero mercato, ma non devono favorire furbate da parte di manager poco illuminati sulle spalle degli operai". Una possibilità potrebbe essere il subentro di altri imprenditori. "Ho garanzie - afferma l'on. Cirielli - da parte di Pasquale Viespoli, sottosegretario al Ministero del Lavoro, e di Gaggioli, presidente di Sviluppo Italia, che il Governo può intervenire per agevolare il subentro di altri imprenditori per rilanciare l'attività. Se questa dirigenza non è in grado di proseguire nella gestione, si faccia da parte senza pensare di lucrare sulla vendita dell'immobile. Il lavoro, quello vero, e gli operai vanno salvaguardati e An farà la sua parte ad ogni costo". Un'interrogazione urgente ai ministri del Lavoro e delle Attività produttive è stata presentata da Andrea Annunziata, parlamentare della Margherita, per chiedere l'intervento diretto del Governo a tutela dei 120 lavoratori, che dall'oggi al domani si sono trovati senza lavoro. "Le notevoli esperienze e le enormi professionalità presenti in questa gloriosa azienda non possono essere mortificate da condotte aziendali che appaiono a dir poco sorprendenti, alla luce dei recenti investimenti effettuati dal gruppo Di Mauro con l'ausilio di sostanziosi finanziamenti pubblici. La chiusura di una delle ultime risorse occupazioni della città - afferma Annunziata - rappresenta un danno incalcolabile all'economia di un territorio già investito da una profonda crisi occupazionale ed esposto, anche per questo, ai rischi di devianza che la disoccupazione può creare". Questa mattina, intanto, incontro tra sindacati, proprietà ed amministratori comunali presso il Palazzo di Città. Poche le possibilità di una piena ricollocazione dei 120 dipendenti nell'ambito delle altre due aziende della famiglia, che sono entità distinte e non parti di una holding, ma si parla di salvare, attraverso la realizzazione di un'altra azienda, il settore litografico con 30 addetti.
Romaldo: "Decisione dolorosa, ma l'unica possibile"
L'ing. Alfonso Romaldo, amministratore delegato della "Di Mauro", vive con tristezza il dramma della chiusura dello stabilimento. Ha lottato sino alla fine. Ha resistito tenendo in piedi una situazione già precaria, poi si è dovuto arrendere. É di giovedì scorso l'atto finale, quando in un incontro all'Assindustria è stata posta la parola fine all'attività. Una strada senza ritorno. Da una parte la perdita del posto di lavoro per dipendenti e dall'altra il crollo di una storia, di un mito, di un'industria nel Mezzogiorno. É dal 1896 che diventarono un punto di riferimento i nomi di Emilio Di Mauro, di Antonio ed Armando. Poi la crisi, ora la fine. Alfonso Romaldo avverte l'atmosfera, ma non si sottrae: "Annunciare la cessazione dell'attività è il momento più triste e doloroso per ogni azienda. La "Emilio Di Mauro", che si trova costretta ad interrompere una storia lunga oltre 100 anni, fedele alla tradizione di correttezza e trasparenza, anche in questa non felice circostanza intende fornire la ricostruzione degli avvenimenti". Un intento, il suo, perché l'opinione pubblica prenda conoscenza delle difficoltà che hanno portato alla chiusura dello stabilimento. Una serie di dati e date, fatti, avvenimenti, che hanno determinato il gesto finale. "L'azienda ha subito nell'ultimo biennio una drastica riduzione del fatturato che non è riuscita a compensare, pur aggredendo nuovi segmenti di mercato". Eppure, erano stati fatti tentativi con il versamento a capitale di 1.400.000 euro e la riduzione della forza lavoro attraverso la messa in mobilità di 17 lavoratori e l'inserimento di lavoratori in cassa di integrazione straordinaria. "Purtroppo - continua Romaldo - gli effetti non sono stati quelli sperati. Anzi, nei primi mesi del 2005 hanno fatto registrare la perdita di altre commesse, compromettendo in modo irreversibile la realizzazione del budget programmato. Il carico si era fatto pesante, le risorse disponibili non erano sufficienti ad alimentare correttamente il ciclo produttivo, la conferma dell'andamento negativo dei conti nel primo trimestre del 2005 e l'aggravarsi della crisi dei mercati di sbocco, hanno determinato la mancanza assoluta di prospettive. Di qui la decisione finale". Dolorosa, ma ancora una volta onesta e trasparente. La proprietà si è preoccupata di garantire il totale soddisfacimento dei debitori. "Stante l'andamento negativo dei conti, la continuazione dell'attività avrebbe portato rapidamente all'erosione del capitale ed alla impossibilità di consentire un adeguato soddisfacimento dei creditori". Molte le cause che, unite tutte insieme, hanno portato alla crisi ed alla sua accelerazione: la progressiva abolizione del biglietto aereo, la sopraggiunta impossibilità di esportare nei Paesi extraeuropei per lo sfavorevole rapporto del cambio euro-dollaro, la concorrenza sul mercato internazionale di aziende cinesi, la scarsa competività sul mercato nazionale. "Cause che, unite, hanno accelerato un trend già da tempo negativo, che non è stato possibile invertire", conclude Romaldo.

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava, controlli al Circo Niuman: nessun maltrattamento su animali

Come già anticipato, il Circo Niuman è arrivato a Cava de' Tirreni, scatenando diverse polemiche tra gli attivisti dell'associazione Veg in Campania (clicca qui per approfondire). L'amministrazione Comunale, intanto, ha fatto trapelare un comunicato nel quale dichiara di aver effettuato i controlli all'installazione...

Cava, consigliere Narbone: «Passiano riavrà il suo ufficio postale»

Arrivano buone notizie per i cittadini di Passiano. La frazione di Cava de' Tirreni riavrà molto presto il suo ufficio postale, dopo la chiusura di quello situato al piano terra dell'istituto scolastico "G. Pisapia". Ad annunciare la notizia e il conseguente accordo con Poste Italiane è stato il consigliere...

A Cava presentato “Anch’io Centro”, progetto a favore del Centro Commerciale Naturale

Presentato, ieri pomeriggio, giovedì 22 febbraio 2018, presso la Sala del Consiglio di Palazzo di Città, il Progetto Europeo Simplicity - Horizon 2020, "Anch'io Centro", in partenariato tra l'amministrazione Servalli, l'Università di Cassino e del Lazio Merdionale, la Ditron Connect-D e il Centro Commerciale...

Circo Orfei a Cava, gli attivisti di Veg in Campania: «Basta sfruttamento degli animali»

Sabato 24 febbraio, all'incrocio tra via Filangieri e via Gramsci, gli attivisti dell'associazione Veg in Campania scenderanno in strada per protestare contro il circo con animali di Nelly Orfei, giunto in questi giorni a Cava de'Tirreni. «Ancora una volta gli attivisti Veg in Campania ed altre associazioni,...

"Aumenti di 30-35 euro, non pagate bollette luce", la bufala via Whatsapp

Sono in tanti i cittadini italiani disorientati in questi giorni a causa dell'invito a non pagare la prossima bolletta dell'energia elettrica. Un trucco che "funzionerà solo se lo faremo in tanti". Il messaggio sta circolando via Whatsapp, diffuso da amici e parenti. E come spesso accade in questi casi,...