Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 17 ore fa S. Bernardo abate

Date rapide

Oggi: 20 agosto

Ieri: 19 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Varietà: l'edizione 2018 del Gusta Minori in Costa d'Amalfi - Arte e Sapori di un territorio unico Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniAttualitàGruppo Comunicazione di Cavesi5stelle: «Cava città vietata alle persone con disabilità»

Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera Amalfitana La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giorno D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Gruppo Comunicazione di Cavesi5stelle: «Cava, città vietata alle persone con disabilità»

Scritto da (redazioneip), domenica 10 giugno 2018 12:53:56

Ultimo aggiornamento domenica 10 giugno 2018 12:53:56

Attraverso una lettera indirizzata al sindaco di Cava de' Tirreni, Vincenzo Servalli, il Gruppo Comunicazione di Cavesi5stelle è intervenuto per la parlare di un argomento molto delicato nella città metelliana: quello delle persone diversamente abili. Di seguito la lettera integrale a garanzia della completezza d'informazione:

Signor Sindaco, vi rendete conto che amministrate una città di fatto vietata alle persone diversamente abili? Vietata a chi ha problemi di deambulazione o peggio ancora costretta a muoversi in carrozzina, perché città progettata e realizzata solo per persone cosiddette "normali". Infatti nella nostra bella Cava, che volle fregiarsi del titolo di "città ospitale per le persone con disabilità", succede che è difficoltoso muoversi in carrozzina, a volte impossibile. Perché sul percorso ci si trova di fronte una scala, o uno scivolo con una pendenza del 20%, semmai lungo diversi metri. Oppure si trova, nel bel mezzo di un marciapiede, un palo della luce oppure una buca. O marciapiedi con pavimentazione sconnessa e alti una trentina di centimetri, ma senza alcuna protezione laterale. Perché è questo che si vede a Cava, soprattutto per opere pubbliche realizzate negli ultimi anni, dopo che sono state approvate leggi, alcune da mezzo secolo, che vietano queste cose. Come anche recentemente accaduto per la ristrutturazione di S. Giovanni, con sciccheria chiamato l'ex convento della Clarisse: alle persone costrette a muoversi in carrozzina, anche se accompagnate, 5 insormontabili gradini vietano l'accesso ai giardini ed alle sale. Non avete pensato nemmeno a opere provvisorie!

Milioni di euro, sprecati, perché prima o poi quelle opere dovranno essere rifatte. Voi non li vedete, quindi non considerate le migliaia di cittadini con disabilità. Non perché non esistono, solo perché non possono muoversi. E non si muovono, non perché non vogliono muoversi, ma perché voi, tutti voi che amministrate la cosa pubblica, non date loro la possibilità di potersi muovere. Continuate ad approvare progetti di opere pubbliche e private che non rispettano le leggi, a far costruire strade che a malapena possono essere attraversate da pedoni cosiddetti normali, a dare autorizzazioni di apertura per esercizi pubblici, dove non riesce ad entrare nemmeno una mamma con il bimbo in carrozzino. O con bagni che non sono agibili nemmeno per un contorsionista, figuriamoci per una persona con disabilità costretta a districarsi tra porte vasi e lavabi o secchi per lavare a terra. Voi non li vedete, ma ci sono e sono anche numerosi.

Secondo l'Istat, che basa i suoi dati sulle persone che fanno ricorso ai servizi sanitari, sono 3,2 milioni i disabili che vivono in Italia, oltre il 5% della popolazione. Un dato più basso di quello del Censis, che si basa su interviste a campione e secondo il quale i disabili in Italia sarebbero 4,1 milioni, pari al 6,7% della popolazione. E siamo a dati di qualche anno fa. Circa 700 mila persone con problemi di movimento, cioè l'1,3% della popolazione, oltre 200 mila con difficoltà sensoriali, quasi 400 mila con limitazioni che impediscono le normali funzioni della vita quotidiana. Il Censis prevede tra l'altro un trend in crescita: nel 2020 arriveranno a 4,8 milioni (il 7,9% della popolazione) e raggiungeranno i 6,7 milioni nel 2040 (il 10,7%). In più le loro famiglie: si stima che sia interessato il 15% della popolazione. Immaginate Cava applicando le stesse percentuali.

E allora, veniamo al dunque. Cosa vi chiediamo di fare? Mettete nero su bianco le norme e fatele applicare, cioè integrate il Regolamento edilizio, come prescrivono l'art. 82 del Testo Unico Edilizia del 2001 e ancor prima l'art. 24 della L. 104 del 1992. Poi costringete i tecnici e i dirigenti a rispettarlo e farlo rispettare. Come si può fare? Con il denaro! Una modifica al regolamento comunale sugli incarichi esterni per i primi ed una a quello sulle performance per i secondi, dove si dice a questi signori:

  • caro ingegnere o caro architetto o caro geometra esterni all'Ente, se tu quando progetti o dirigi o collaudi o certifichi l'agibilità per una qualsiasi opera, pubblica o privata, non mi rispetti la normativa sull'eliminazione delle barriere architettoniche, prima ti blocco i pagamenti e ti annullo l'incarico per negligenza, poi ti chiedo la restituzione di quello che ti ho dato e il pagamento del danno che mi hai fatto, poi ti metto in una black list (si può fare) e non ti chiamo più;

  • caro dirigente e funzionario, se tu quando progetti o dirigi o collaudi o certifichi l'agibilità per una qualsiasi opera, pubblica o privata, o quando l'approvi, o quando autorizzi l'apertura di un esercizio pubblico o l'agibilità di un immobile aperto al pubblico, non mi rispetti la normativa sull'eliminazione delle barriere architettoniche, prima ti blocco i pagamenti della retribuzione aggiuntiva legata ai risultati, perché non me ne stai portando (anzi!), poi ti apro un procedimento disciplinare per negligenza, infine ti chiedo la restituzione di quello che ti ho dato e il pagamento del danno che mi hai fatto.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni, 31 sforamenti: è allarme smog in città

Troppi sforamenti PM10 a Cava de' Tirreni nella settimana di ferragosto. È questo il responso delle centraline Arpac, l'Agenzia regionale per l'ambiente. Il comune metelliano, infatti, insieme a quello di Nocera Inferiore, pare aver sfiorato più volte il limite massimo consentito e tollerabile delle...

Aiuole vandalizzate a Villa Rende: arriva la smentita del sindaco Servalli

Nessuna aiuola vandalizzata e giardini rovinati nel parco di Villa Rende, come invece titola un noto quotidiano locale. Allarmati dall'articolo, stamattina sono scattati i controlli, ma, sorpresa: di quanto denunciato dal quotidiano nessuna traccia. Le aiuole erano in ordine, le panchine nuove integre...

Cava de' Tirreni, fallimento Seta: Comune in Tribunale

L'ex Seta, la società che fino al 2012 gestiva il servizio di igiene ambientale a Cava de' Tirreni, continua ad alimentare polemiche a Palazzo di Città. Lo scorso 14 maggio, ricordiamo, il fallimento Seta Spa in liquidazione ha notificato al Comune metelliano un atto di citazione innanzi al Tribunale...

L’Italia spezzata (e uccisa)

di Massimiliano D'Uva Genova è tagliata in due, l'Italia divisa tra governo e opposizioni; nel frattempo gli italiani, incerti e impauriti, stanno a chiedersi come sia potuto succedere e si interrogano sul perché non si siano fermati tutti i festeggiamenti del ferragosto, indecisi tra il credere o meno...

Numeri e mistero: alla scoperta di Cervinara

La passione per il mistero e per i numeri sembra essere una delle più antiche. Da sempre l'essere umano osserva i numeri e con il fiato sospeso attende la sorte. Dalle nostre parti il filo rosso tra mistero e numeri è molto molto conosciuto. E se si potesse andare alla scoperta di un luogo dove i numeri...