Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 38 minuti fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàDocumento contro la bozza Zuccatelli per salvare l'ospedale

La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Attualità

Documento contro la bozza Zuccatelli per salvare l'ospedale

Scritto da (admin), lunedì 26 aprile 2010 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 26 aprile 2010 00:00:00

Ecco il Documento del Tavolo permanente sull’Ospedale di Cava de’Tirreni approvato in Consiglio comunale all’unanimità dei presenti (26 consiglieri):

“Il Tavolo permanente sull’Ospedale di Cava de’ Tirreni, istituito dal Sindaco della Città venerdì 16 aprile 2010 e al quale hanno preso parte il Presidente della Provincia di Salerno, l’intera neoeletta delegazione consiliare regionale, di maggioranza e di opposizione, espressione della provincia salernitana, i vertici della sanità locale, i dirigenti ospedalieri ed i rappresentanti sindacali dello stesso Ospedale, nonché i rappresentanti delle associazioni degli utenti insieme al Consiglio comunale di Cava de’ Tirreni, riuniti in seduta straordinaria e pubblica presso la Casa comunale, esprimono il loro dissenso più marcato sulla recente proposta del sub-commissario alla sanità campana Zuccatelli che prevede l’azzeramento dei posti letto dell’ospedale civile di Cava de’ Tirreni.

L’ospedale garantisce il diritto alla salute ad oltre 100mila cittadini, ben oltre i soli abitanti della città ove è situato (se si considerano anche gli abitanti della Costiera Amalfitana, di Nocera Superiore, Salerno Nord) ed è fra i più antichi della Regione Campania, con oltre 400 anni di storia.

Pur comprendendo l’esigenza di intervenire con un’operazione di generale riassetto della sanità campana, non si può non considerare che la scelta di operare dei tagli di posti letto e di procedere a degli accorpamenti tra le strutture ospedaliere esistenti non può prescindere da un’analisi reale del bacino di utenza costituito da Cava de’ Tirreni, ossia dalla seconda città per numero di abitanti della Provincia di Salerno, e dai Comuni viciniori.

Un piano di razionalizzazione ospedaliera, per rispondere alle impellenze finanziarie ma al tempo stesso alle necessità vitali della popolazione, deve necessariamente tener conto di vari fattori (densità abitativa, disponibilità di posti letto dei centri ospedalieri vicini, distanze chilometriche più o meno accentuate che possono mettere a repentaglio la vita dei cittadini nei casi di urgenza, stato della viabilità) e partire, soprattutto, dall’analisi retrospettiva, in termini statistici, dei ricoveri d’urgenza che hanno interessato la cittadinanza residente nell’area di Cava de’ Tirreni e della vicina Costiera Amalfitana.

La riduzione dei ricoveri per casi di interventi chirurgici che non hanno carattere d’urgenza, è operazione che, vista la precarietà della sanità in Campania e la necessità di ridurre le spese, può anche apparire condivisibile. Ma altra cosa è pensare di privare di un Pronto Soccorso Attivo un Ospedale, quale quello di Cava de’ Tirreni, senza che ci siano reali alternative per i ricoveri d’urgenza negli ospedali vicini.

Pur in presenza dei 115 posti letto attualmente disponibili a Cava de’ Tirreni (tra ordinari e day hospital), si è già dovuto provvedere, negli ultimi mesi, al ricovero d’urgenza di centinaia di cavesi in nosocomi ubicati nel Cilento o nel Vallo di Diano, esponendo così queste persone a rischiosi viaggi in ambulanza, alla ricerca di un posto letto, non rinvenuto non solo a Cava de’ Tirreni, ma nemmeno negli ospedali vicini di Nocera Inferiore e Salerno.

Nel corso dell’anno 2009, il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cava si è già trovato a dover operare 419 trasferimenti di pazienti con casi di urgenza, per impossibilità di ricovero presso le proprie strutture, riscontrando spesso un’analoga incapacità ricettizia da parte dei vicini ospedali di Salerno, Nocera, Sarno o Mercato San Severino. Si è dovuto così far fronte ad un trasporto presso strutture assai distanti da Cava (6 casi a Polla, 11 a Sapri, 10 a Roccadaspide, 11 a Vallo della Lucania, 24 a Oliveto Citra) con evidenti disagi per i pazienti e rischi per la loro stessa vita.

Se questa è la situazione nei fatti, ancor prima dell’azzeramento dei posti letto che si propone per l’ospedale di Cava, è assai facile immaginare quale drammatico panorama si andrà ad innescare per i casi di urgenza dopo la sua soppressione. Il nosocomio di Nocera Inferiore, plesso ospedaliero più vicino al quale si rivolgerebbero per un intervento di pronto soccorso gli oltre novantamila cittadini rientranti nel bacino di utenza dell’ospedale di Cava, è già al collasso per l’incapacità di fronteggiare la forte domanda alla quale è sottoposto quotidianamente. Domanda, poi, che andrà ulteriormente crescendo in seguito alla paventata chiusura di altri nosocomi, quali quelli di Scafati e del presidio di Castiglione di Ravello.

A Nocera Inferiore finirà per rivolgersi anche un bacino di utenza di rilevantissima portata proveniente dall’area torrese-vesuviana, venendo a mancare il P.S.A. di Scafati; così come il territorio della Valle dell’Irno andrà a gravare, presumibilmente, su Salerno. La popolazione di Cava de’ Tirreni, Vietri sul Mare e Costiera Amalfitana, perdendo il Pronto Soccorso del proprio Ospedale, si troverebbe tra due plessi - Nocera e Salerno - già sovraccarichi oggi e quindi ancor più impossibilitati a gestire le urgenze all’indomani del riassetto ospedaliero annunciato. Ciò vuol dire firmare la condanna a morte di infartuati, ischemici, bambini ed anziani che necessitano di un pronto intervento e che oggi sanno di potersi rivolgere al presidio di Cava funzionante giorno e notte.

Nel corso del 2009 il Pronto Soccorso di Cava de’ Tirreni si è contraddistinto per un’attività molto proficua e caratterizzata dall’alta professionalità degli operatori che vi esercitano. In un solo anno il P.S.A. di questo Ospedale ha prodotto 10.842 relazioni chirurgiche, 9.040 relazioni mediche, 2.256 referti, 4.939 interventi di pronto soccorso pediatrico, 1.171 interventi di pronto soccorso ostetrico-ginecologico, per un totale di 28.248 operazioni. A queste si aggiungono 6.004 consulenze ortopediche di pronto soccorso.

Se si analizzano gli indici dei ricoveri delle singole unità operative del P.O. di Cava de’Tirreni, in rapporto al Tasso di Ospedalizzazione che la legge regionale 16/08 prevede pari al 75% quale indicatore di produttività, si osservano, ad esempio, un tasso del 74,20% per Cardiologia, del 77,10% per Chirurgia, dell’84,32% per Anestesia e Rianimazione, dell’86,16% per l’UTIC, dell’89,56% per Medicina, del 90,73% per Pediatria, del 93,49 per Ortopedia.

Si discute dell’ipotesi di chiusura del Pronto Soccorso e dell’azzeramento di posti letto di un Ospedale che è abbondantemente al di sopra degli indicatori di produttività e che, nel solo 2009, ha trattato circa cinquemila casi di bambini che necessitavano di un soccorso d’urgenza. Chiediamo pertanto, con forza, che il caso dell’Ospedale di Cava de’ Tirreni venga affrontato seriamente alla luce dell’altissima densità abitativa dell’area geografica su cui insiste e in considerazione delle lunghe distanze chilometriche che, aggravate da una penosa condizione autostradale, andrebbero percorse lungo l’estesa Provincia di Salerno nella ricerca affannosa di un posto letto o di un ricovero d’urgenza, una volta venuto meno il P.S.A. di Cava.

Ci riferiamo ad un’area geografica ed abitativa, tra Scafati e Salerno, in cui già si è abbondantemente al di sotto del parametro dei 3 posti letto per 1.000 abitanti, che si individua quale soglia minima per un’assistenza ospedaliera che si possa definire tale, a fronte in altre zone della nostra Provincia (Cilento, Vallo di Diano) di una disponibilità dei posti letto di molto superiore all’indice suddetto.

Allo scopo di affrontare con stabilità ed in modo duraturo e risolutivo la problematica, si chiede un reale potenziamento della rete di emergenza nell’area a Nord di Salerno, prima di decidere un ridimensionamento del nosocomio cavese, anche attraverso un riequilibrio del rapporto fra posti letto e numero di abitanti fra le varie aree geografiche della Provincia di Salerno.

Più in particolare, si chiede nell’ottica suddetta di conservare a Cava de’ Tirreni l’Ospedale S. Maria Incoronata dell’Olmo, anche nella prospettiva della costruzione di un nuovo e funzionale presidio ospedaliero a Cava de’ Tirreni, che possa fungere da P.S.A. (nonché da ospedale di post-degenza e prossimità per i ricoverati nelle strutture di elezione altrove localizzate in Provincia).

La ubicazione del presidio si può fin d’ora individuare nell’area già allo scopo identificata alcuni anni orsono, allorché si ipotizzò la costruzione di un ospedale privato a cura della SIMENS, e cioè in località Starza - S. Lucia di Cava de’Tirreni, ovvero in altre aree da individuare. Ma si può anche valutare la possibilità di adeguare la struttura ospedaliera attuale agli standard minimi previsti dalla normativa nazionale ed europea, anche dedicando alla vocazione sanitaria la struttura comunale adiacente all’attuale presidio di S. Maria del Rifugio. In ogni caso si auspica un intervento diretto al potenziamento del 118, assegnando personale altamente qualificato ed attrezzature adeguate a garantire un primo soccorso immediato ed efficace.

Sia consentita, in ogni caso, una considerazione conclusiva: non spetta certamente a questo consesso indicare le linee di ridistribuzione delle strutture sanitarie sul territorio provinciale; è, però, un preciso dovere impedire che si arrivi ad una situazione intollerabile, nel solo e unico interesse dei nostri concittadini e del nostro sacrosanto ed inviolabile diritto alla salute. Per garantirlo, i sottoscrittori del presente documento si dichiarano pronti anche ad iniziative forti, fuori dagli schemi e dalle etichette, che coinvolgano la pubblica opinione, che richiamino l’attenzione dei mass media nazionali sulla violazione in atto del diritto più importante ed irrinunciabile di ogni uomo: quello alla tutela della propria salute”.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

A Cava de' Tirreni la costituzione dei "Giovani Democratici"

Stamattina, presso la sala dei Gemellaggi del Palazzo di Città, si è tenuta la costituzione dei Giovani Democratici di Cava de' Tirreni. All'evento erano presenti il Sindaco Vincenzo Servalli, dell'on. regionale Franco Picarone, del Segretario provinciale PD, Vincenzo Luciano, del Segretario provinciale...

Premio Nazionale "Inpace": tra i partecipanti anche l'ente Sbandieratori Cavensi

Si è tenuto ieri mattina, nella Sala Gemellaggi a Palazzo di Città, un incontro fortemente voluto dall' Ente Sbandieratori Cavensi con i giornalisti e le personalità da sempre vicine all'ente Sbandieratori Cavensi, per esporre un consuntivo delle attività svolte ed annunciare le prossime. Presenti il...

Cava: 17 dicembre le elezioni per la Consulta dei Popoli Comunitari ed Extracomunitari

Domenica 17 dicembre 2017, dalle 9.00 alle 20.00, a Palazzo Buongiorno (Uffici Servizi Demografici) - in via della Repubblica, 9 - si terranno le elezioni per la Consulta dei Popoli Comunitari ed Extracomunitari. Possono votare ed essere eletti tutti i cittadini non italiani o con doppia cittadinanza,...

Muro pericolante di via Grimaldi: iniziati i lavori di rifacimento

Sono iniziati i lavori di rifacimento del muro pericolante di via Grimaldi, al rione Gescal. Da circa 10 anni il muro di contenimento era gravemente lesionato e recintato e l'area soprastante con aiuola e panchine era stata interdetta. I lavori affidati alla ditta Gra.Edil srl, per un importo di circa...

Il Natale a Cava de' Tirreni all'insegna dell'accoglienza

Si avvicina il Natale e Cava de' Tirreni si prepara a celebrare le feste secondo la tradizione, con un lungo programma di appuntamenti che coinvolgeranno non solo la popolazione cavese, ma anche i numerosi visitatori che arriveranno dalla provincia e anche da fuori. Mentre si continua ad istallare le...