Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Caterina vergine e martire

Date rapide

Oggi: 25 novembre

Ieri: 24 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Natale Adesso! Prenota adesso il tuo panettone artigianale firmato Pansa, dal 1830 patrimonio della Costa d'AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaTerra di Limoni - Limoncello e liquori della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureAcquista on line i panettoni artigianali realizzati dal Maestro Pasticcere Sal De Riso. Da oggi a portata di ClickCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzate

Tu sei qui: SezioniAttualitàDa Cava ad Assisi: studenti del "De Filippis-Galdi" incontrano presidenti Conte e Sassoli [VIDEO]

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Attualità

Assisi, Comunità Europea, Ambiente, Futuro

Da Cava ad Assisi: studenti del "De Filippis-Galdi" incontrano presidenti Conte e Sassoli [VIDEO]

Un punto di inizio dal quale far partire una svolta green che coinvolga tutto il Paese

Scritto da (admin), venerdì 24 gennaio 2020 18:32:27

Ultimo aggiornamento venerdì 24 gennaio 2020 19:27:51

Il legame con le comunità per dare slancio a una competizione che non può prescindere dai piccoli comuni, molto spesso culla di realtà all'avanguardia, una responsabilità sociale d'impresa che non sia mero strumento di marketing, la spinta all'economia circolare che vede l'Italia già eccellenza in molti ambiti, il rapporto tra tecnologia e società e la riconversione di alcuni settori produttivi del nostro Paese. Sono queste le colonne portanti, i temi a cui hanno lavorato i promotori del ‘Manifesto di Assisi', documento che ha raccolto circa 1.800 firme e che ha l'obiettivo di "costruire un'economia e una società più a misura d'uomo in grado di affrontare con coraggio la crisi climatica, grazie ad una nuova alleanza tra istituzioni, mondo economico, politica, società e cultura".

Stamani al Sacro Convento di Assisi non hanno mancato all'appuntamento, tra gli altri, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del presidente del Parlamento Ue David Sassoli. Un punto di inizio dal quale far partire una svolta green che coinvolga tutto il Paese.

 

I PROMOTORI - Tra i promotori Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola, il numero uno di Confindustria Vincenzo Boccia, il presidente di Coldiretti Ettore Prandini, ma anche Francesco Starace, ad del gruppo Enel, Mauro Gambetti, padre custode del Sacro Convento di Assisi, Enzo Fortunato, direttore della rivista ‘San Francesco' e Catia Bastioli, ad di Novamont.

 

Presenti all'interessante mattinata al Salone Papale, una rappresentanza del Liceo Economico Sociale "De Filippis-Galdi" di Cava de'Tirreni: la classe 4 A, a conclusione del progetto PCTO Giornalisti di classe curato dal giornalista Emiliano Amato, ha preso parte ai lavori (unica scolaresca presente) accompagnata dalle docenti Maria Letizia Puglisi (tutor interna), Novella Nicodemi, Anna Rinaldi e Gabriella Benincasa.

Particolarmente emozionante l'incontro dei ragazzi con i presidenti Conte e Sassoli, voluto fortemente da padre Enzo Fortunato col capo del cerimoniale di Palazzo Chigi, il cavese Enrico Passero, orgoglioso di incontrare i suoi giovani concittadini e introdurli al presidente.

I ragazzi hanno omaggiato Sassoli e Conte di originali oggetti in ceramica cavese (nei video in basso i momenti della consegna).

Il presidente Conte ha voluto stringere la mano a ognuno dei ragazzi ai quali ha elargito sentite parole di incoraggiamento per il futuro, ringraziandoli per aver partecipato e per il il ‘ciuccio', simbolo di laboriosità che sostiene il gravoso carico delle responsabilità che il premier si è ripromesso di mettere sulla propria scrivania.

Sassoli ha invitato la scolaresca all'europarlamento di Bruxelles, mentre Conte si è complimentato per la sensibilità mostra dai ragazzi verso le problematiche relative alla crisi climatica.

 

VIDEO IN BASSO

 

Di grande impatto per ragazzi che studiano economia, diritto e scienze umane, nonché due lingue straniere, l'argomento dibattuto dai relatori riunitisi ad Assisi, nel cuore verde dell'Italia, per questo sentito appuntamento. Si è discusso maggiormente del concetto di economia in questa epoca di crisi climatica: l'economia deve riappropriarsi di quella dimensione umana che è la sola che oggi può salvare il pianeta.

 

"I nostri ragazzi hanno avuto la possibilità di partecipare a un evento di respiro europeo incentrata sulle tematiche pertinenti al loro indirizzo di studio, di natura economica e sociale - ha detto la preside Maria Alfano -. Un'esperienza di alto valore formativo che ha suscitato in loro vivo interesse vista la consonanza strettissima tra la tematica della manifestazione e l' indirizzo LES in cui lo studio dell'economia è caratterizzante. Al di là di qualsiasi discorso di connotazione politica, per gli allievi incontrare degli alti rappresentanti delle istituzioni ha rappresentato un momento di crescita individuale che ha fatti sentire protagonisti di un evento di portata europea. Hanno avvertito forte la presenza dello Stato e si è accesa in loro la speranza di poter essere cittadini attivi". "Raccogliamo con gioia l'invito del presidente Sassoli e in primavera saremo a Bruxelles" ha chiosato la dirigente scolastica.

 

IL TESTO DEL MANIFESTO - "Affrontare con coraggio la crisi climatica non è solo necessario - si ricorda nel manifesto - ma rappresenta una grande occasione per rendere la nostra economia e la nostra società più a misura d'uomo e per questo più capaci di futuro". Nel testo si cita anche l'enciclica ‘Laudato si' di Papa Francesco, dedicata proprio al tema dell'ambiente. "Siamo convinti che, in presenza di politiche serie e lungimiranti, sia possibile azzerare il contributo netto di emissione dei gas serra entro il 2050" scrivono i promotori. Siamo lontani, però, da questo scenario. Come confermato anche dal Piano nazionale integrato per l'energia e il clima, pubblicato nei giorni scorsi. "Questo avviene perché la politica è spesso indietro rispetto a parti di economia e società, di frequente escluse dai processi decisionali. La politica ambientale, invece, è quella di un intero Paese e non di uno o un paio di ministeri" ribatte il presidente della Fondazione Symbola. "Già oggi in molti settori, dall'industria all'agricoltura, dall'artigianato ai servizi, dal design alla ricerca - ricorda il Manifesto - siamo protagonisti nel campo dell'economia circolare sostenibile".

 

LE SFIDE DA CUI PARTIRE - Che è, infatti, uno dei temi da cui ripartire nella sfida alla crisi climatica. Perché il Paese dove le ecomafie incassano 16,6 miliardi di euro all'anno è lo stesso "dove la percentuale di riciclo dei rifiuti prodotti è la più alta d'Europa". È il primo al mondo nella produzione di make up (quasi il 55% del mercato mondiale), ma è anche il primo ad aver eliminato le microplastiche dai cosmetici. "Per quanto riguarda i palazzi del potere, invece - commenta Realacci - ricordo ancora il disastro del Green act annunciato dall'ex premier Matteo Renzi nel gennaio 2015 e quasi subito scivolato infondo alle priorità del Governo, naufragato definitivamente con il referendum sulle trivelle". Nel frattempo, però, nonostante i limiti del sistema del riciclo oggi l'Italia è tra i Paesi europei che recuperano di più.

 

I PICCOLI COMUNI - Altra potenzialità del nostro Paese è il legame con le comunità. Sono i piccoli comuni "considerati residuo del passato, sono in Italia uno straordinario concentrato di bellezza, storia, produzione agricola e, potenzialmente, anche industriale". Un'industria lontana anni luce da quella dell'Ilva. "Abbiamo molte aziende, diventate leader nei loro settori, nate in piccoli comuni sparsi nel nostro Paese, sulle quali bisogna puntare di più e che tanto possono contribuire nella sfida del clima e dell'azzeramento delle emissioni di CO2, sfida difficile, ma non impossibile". Perché le imprese che funzionano meglio sono quelle che hanno un forte legame con la comunità e, quindi, una certa attenzione alla sostenibilità.

 

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DI IMPRESA - È questo il seme della responsabilità sociale di impresa, che vada oltre i concetti di procedura o marketing "ma sia valorizzazione - aggiunge Realacci - di qualcosa che è già nella migliore tradizione italiana, un modello che è più forte di fenomeni come l'economia in nero e caporalato, pure presenti nel nostro Paese". Un esempio? "Le montature degli occhiali di qualità che, dopo vari tentativi in altri Paesi, oggi tornano a fabbricarsi in Italia". Un altro tema, strettamente legato a quello dei cambiamenti climatici, è la riconversione delle aziende. Tra i firmatari ci sono imprese, tra cui Erg e Falck, che erano nel settore dell'oil and gas e dell'acciaio. La prima è oggi una società multi-energy, colosso nel settore delle rinnovabili, la seconda produce energia elettrica sia da fonti rinnovabili, sia da impianti di cogenerazione. "In queste esperienze c'è la spinta all'innovazione, che è italiana - commenta il presidente della Fondazione Symbola - più di quanto molti pensino".

IL RAPPORTO TRA INNOVAZIONE, TECNOLOGIA E SOCIETÀ - Non è un caso se, ad Assisi, l'incontro è stato aperto dal ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, che già aveva firmato il manifesto in qualità di presidente della Conferenza dei rettori delle Università Italiane. La ricerca è molto importante, perché consentirebbe alle nostre imprese di vincere su mercati anche molto competitivi. Come accade con i costruttori italiani di giostre. Ma allora, senza neppure obblighi legislativi, chi l'ha detto ai costruttori di fabbricare giostre ‘green'? "Nessuno, l'hanno fatto, perché parte importante delle nostre imprese, in diversi settori, è già abituata a innovare per risparmiare energia. È un modo di fare impresa che, insieme alla propensione alla bellezza, caratterizza il nostro Paese. Ed è la ragioni per cui nessuna realtà, neppure la più piccola, va lasciata indietro".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Galleria Video

rank:

Attualità

Cava, buche e avvallamenti sulla strada sopra Arco: la denuncia de "La Fratellanza"

«La strada sopra Arco che collega le frazioni di S. Giuseppe al Pennino all'Annunziata completamente abbandonata. La gente non può più camminare a piedi e le macchine vanno sostituite con i trattori». Sono le parole, affidate ai social, con cui la Fratellanza di Luigi Petrone denuncia le condizioni dell'asfalto...

Cava de' Tirreni, ieri il commosso ricordo delle vittime del terremoto del 1980

Alle 19.34 di ieri, 23 novembre, le sirene dei mezzi della Protezione Civile di Cava de' Tirreni hanno scandito i due interminabili minuti che 40 anni fa sconvolsero l'Irpinia, la Campania, l'Italia intera. Dopo la celebrazione della Santa Messa, officiata da don Rosario Sessa in Concattedrale, per ricordare...

A Cava si rientra a scuola il 3 dicembre, Sindaco Servalli avverte: «Pronto a prorogare chiusura»

Il sindaco Vincenzo Servalli segue la linea di Vincenzo De Luca. Dopo aver emanato un ordinanza per chiudere le scuole fino al 3 dicembre, il primo cittadino di Cava de' Tirreni, nell'ultima diretta Facebook, ha fatto un importante annuncio: «A causa dei contagi e delle difficoltà organizzative dello...

«Dire "terrone" non è diffamazione», Vittorio Feltri assolto da giudice di Cava de’ Tirreni

Ricorderete tutti le polemiche innescate dalle parole, ritenute discriminatore contro i meridionali, di Vittorio Feltri. «Io non credo nei complessi di inferiorità, credo che i meridionali, in molti casi, siano inferiori», dichiarò l'allora direttore del quotidiano "Libero" nel corso della trasmissione...

Allerta meteo, Protezione Civile di Cava de' Tirreni monitora le aree a rischio idrogeologico

Proseguono le attività di monitoraggio delle zone rosse e punti critici per il rischio idrogeologico ad opera del gruppo comunale di Protezione Civile di Cava de' Tirreni, coordinato da Francesco Loffredo. Le squadre operative, guidate da Felice Sorrentino, stanno battendo da ieri le zone pedemontane...