Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. M.Maddalena di Marsiglia

Date rapide

Oggi: 22 luglio

Ieri: 21 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàComplesso di San Giovanni il sindaco difende le sue scelte

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Complesso di San Giovanni, il sindaco difende le sue scelte

Scritto da Michele Lanzetta (admin), mercoledì 7 settembre 2011 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 7 settembre 2011 00:00:00

È stato un sindaco Galdi piuttosto “deciso” quello che stamani, mercoledì 7 settembre, si è presentato in sede di conferenza stampa a Palazzo di Città per spiegare le motivazioni della scelta che hanno indotto l’Amministrazione comunale a “votare” per l’alienazione del Complesso Monumentale di San Giovanni Battista e dei locali dell’ex Eca, ubicati al Corso Umberto I.

«Tengo innanzitutto a precisare
- ha esordito Marco Galdi - che il Comune di Cava de’ Tirreni non è un Ente con una grave esposizione debitoria. La somma complessiva della situazione 2010-2011 si aggira intorno ai 23 milioni di euro ed è frutto dei mutui contratti nel tempo dalle Amministrazioni che si sono avvicendate per far fronte ad alcune problematiche».

In questa somma, la sesta parte sarebbe da addebitare al suo Governo. «La nostra Amministrazione - ha precisato il primo cittadino - ha concorso nell’indebitamento per circa 4 milioni di euro, la maggior parte dei quali investiti per l’acquisto dell’area dell’ex Cofima ed altri, circa 480mila euro, per il pagamento alle Ferrovie dello Stato a seguito dell’abbattimento dei ponti del trincerone, i cui lavori di sistemazione saranno conclusi nel giro di pochi mesi».

Ed è proprio sulla decisione di acquistare l’area dell’ex Cofima che si è focalizzata l’attenzione del sindaco Galdi: «Siamo convinti della scelta fatta perché vogliamo garantire a Cava de’ Tirreni un polo ospedaliero di tutto rispetto, che dovrà sorgere in loco. Attualmente abbiamo compiuto il primo passo, quello urbanistico, con la richiesta di conversione della zona ASI. È una grande scommessa, lo sappiamo. Ma se vogliamo puntare a grandi risultati vale la pena farlo e noi ci sentiamo all’altezza di tale scommessa».

Tornando alla decisione di alienare il Complesso Monumentale di San Giovanni Battista ed il 1° piano e 2° piano dell’edificio “ex Eca”, Galdi ha precisato come alla base del provvedimento ci sarebbe una motivazione puramente economica: «Si tratta di una scelta doverosa. Il senso dell’intervento di alienazione è, infatti, quello di tagliare i “fisiologici” 23 milioni di euro di debito comunale, per il tramite del risparmio di più di 1 milione e mezzo di euro annui sull’ammortamento del mutuo. Una soluzione, quest’ultima, che ci permetterà di ridurre del 50% la situazione deficitaria dell’Ente».

Il prezzo d’asta di partenza per la vendita dei beni comunali succitati sarebbe stato provvisoriamente fissato dall’Agenzia del Territorio in 11.773.400 euro (salva successiva rettifica) e la stessa asta dovrebbe avvenire con una procedura al rialzo. Le relative domande di partecipazione, come specificato all’interno del bando pubblicato sul sito del Comune (www.comune.cava-de-tirreni.sa.it), dovranno essere redatte su carta semplice e pervenire al Comune di Cava de’ Tirreni con plico sigillato a mezzo posta, mediante racc. a/r, o consegna diretta all’Ufficio del Protocollo Generale di Palazzo di Città, inderogabilmente ed a pena di esclusione entro le ore 12.00 del 22 settembre 2011. L’asta pubblica, invece, avrà luogo in seduta pubblica il 26 settembre prossimo, alle ore 10.00, presso l’Ufficio Servizio Patrimonio.

Creare nuovi posti di lavoro e rendere vitale una parte importante della città, al momento disusata, tra le altre ragioni esplicitate dal sindaco Galdi sulla definizione della destinazione d’uso del Complesso di San Giovanni. Nella zona potranno sorgere ristoranti, bar, locali di divertimento (con superficie non superiore a 150 metri quadri) o di commercio al dettaglio limitatamente a quelli ubicati al piano terra (sempre con superficie di vendita per ogni attività commerciale non superiore a 150 mq). Ma anche alberghi, pensioni, teatri, cinematografi, uffici pubblici e/o garage. Il “no” assoluto è stato, invece, posto per la realizzazione di centri commerciali o supermercati.

Quanto all’adiacente palestra “Parisi”, l’Amministrazione comunale avrebbe già avviato la procedura per l’acquisizione nei confronti della Regione Campania, legittimo proprietario del fabbricato. Per tale struttura, compresa nella zona E2 (categoria di intervento “Demolizione con ricostruzione”), è prevista la demolizione con ricostruzione parziale. L’acquirente, esercitata la prelazione, ha pertanto la possibilità di effettuare gli interventi descritti nei punti precedenti, nel rispetto della destinazione urbanistica e dell’inserimento ambientale, previa acquisizione dei pareri richiesti per legge.

Da registrare, intanto, in merito la dura presa di posizione da parte dell’opposizione. In una nota stampa a firma di Giuliano Galdo ed Enzo Servalli, il Partito Democratico ed il suo Gruppo Consiliare hanno richiesto al Presidente della Commissione consiliare “Statuto e Regolamenti” «di mettere in rapida discussione la proposta del Partito Democratico di “regolamento per gli istituti di partecipazione democratica e per i referendum”».

Definendo il sindaco Galdi come un «imperterrito immobiliarista», il gruppo di minoranza si è detto disposto ad esercitare tutte le possibilità democratiche in possesso per difendere Cava de’ Tirreni e per rendere, al tempo stesso, il cittadino cavese partecipe e decisore di scelte di fondamentale importanza per la città.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni: nuovo Direttivo del CCN incontra il Sindaco Servalli

Questa mattina, al Palazzo di Città di Cava de'Tirreni, il Consiglio Direttivo del Consorzio CavaCCN si è incontrato con il sindaco Vincenzo Servalli e l'assessore allo sviluppo economico Barbara Mauro de Cuya. L'incontro promosso dal neo Direttivo si è svolto in un clima molto cordiale ed informale...

Cava de' Tirreni aderisce all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR)

Anche l'Amministrazione comunale di Cava de' Tirreni aderisce all'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente. Per adeguare i sistemi informatici alla banca dati nazionale, le attività degli uffici, Anagrafe, Elettorale e Tributi, saranno sospese nei giorni di giovedì 26 e venerdì 27 luglio prossimi,...

Cava de' Tirreni: grande partecipazione dei volontari antincendi

Un incontro molto partecipato, quello di ieri pomeriggio alle 18.30, a Palazzo di Città, tra l'Amministrazione Servalli e le associazioni e cittadini che si occupano di salvaguardia dell'ambiente. L'Assessore all'ambiente, Nunzio Senatore, accompagnato dal responsabile della Protezione civile, il Ten....

Cava de' Tirreni, lavori conclusi sulla Sp360: 25 luglio la riapertura

Come un fulmine a ciel sereno arriva una buona notizia per i residenti e per i commercianti di Sant'Anna, a Cava de' Tirreni. Mercoledì 25 luglio, alle 11,00, infatti, riaprirà la SP360 via Pasquale Di Domenico, che era stata chiusa ad inizio 2017 per un evento franoso. I lavori e i ritardi per il ripristino...

Lavori conclusi alla Chiesa di Santa Maria del Rovo: sabato 21 la riapertura

Manca poco alla riapertura della chiesa di Santa Maria Del Rovo, chiusa lo scorso 10 settembre 2017 per lavori di restauro. Adesso, a conclusione dei lavori - messi a punto dai restauratori Diana Spada e Nicola Iovine per una spesa totale di 120 mila euro - il santuario, punto di riferimento di circa...