Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Claudio martire

Date rapide

Oggi: 20 febbraio

Ieri: 19 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Saldi più attesi sono quelli di Petrillo Abbigliamento che vi aspetta a Contursi Terme con le migliori occasioni di fine stagione I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàAlla Galleria Cobbler la personale di Pietro Lista

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Alla Galleria Cobbler la personale di Pietro Lista

Scritto da (admin), giovedì 23 settembre 2010 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 23 settembre 2010 00:00:00

Domenica 26 settembre, alle ore 11.00, presso la Galleria Cobbler, sita in via Rosario Senatore a Cava de’ Tirreni, è in programma l'inaugurazione de "Le fenditure luminose", personale dell'artista Pietro Lista. A seguire, aperitivo presso il ristorante “Pappacarbone”. L'esposizione resterà aperta sino a sabato 23 ottobre.

Lo spazio che attualmente ospita la Galleria Cobbler, rimasto chiuso per molti anni, solo di recente è stato trasformato in una vera e propria, seppur piccola, galleria d’arte. Un tempo è stata la bottega di un “ciabattino”: da qui il nome “cobbler”, dalla traduzione in inglese del termine. Oggi, grazie all'iniziativa ed alla volontà dell'artista cavese Rosa Cuccurullo, si è pensato di proporla come un punto di riferimento culturale per la città metelliana.

La personale di Pietro Lista

Dalla pittura alla scultura e, viceversa, dalla scultura alla pittura. E poi, ancora, dalla luce a quello che luce non è. Il lavoro proposto da Pietro Lista - dal Lista dell’ultimo periodo, legato, questo, quasi ossessivamente, alla vuotitudine - segue un andamento visivo che fa del buio, della notte, dell’inquieto, del nero, della profondità illimitata in cui perdersi, il primo alito di una forma creativa che dialoga con i paesi dell'apparizione e dell'immaginazione, del sonno della ragione e del sogno aperto in cui le immagini sono presidiate, sorvegliate e disciplinate al fine di contenere entro limiti ben definiti un potere immaginifico pungente e spigoloso.

Azzerando la tavolozza cromatica all’essenziale, Pietro Lista recupera dagli albori del proprio discorso artistico legato a quei luoghi che vanno al di là dei recinti della pittura (al gesto primitivo ed all’irresistibilità dell’azione performativa) un gusto stilistico teso a celebrare i giardini estetici del necessario, facendo del notturno appunto, dell’assenza o della precipitosa (ed improvvisa) saliva di luce che squarcia ed incendia le tenebre ed il silenzio, l’apparecchio visuale attraverso il quale produrre un elogio (irresistibile, per l’autore) del buio e del vuoto, dell'incerto in cui spingersi per ritrovare luoghi ed occasioni dell'arte e della sua storia.

Spazio asettico, ambiente di riflessione e di pausa distensiva, sogno al quale vengono sottratte (o rubate) immagini e parole. Ma anche territorio di visione gioiosa e sommessa, regione di rigenerazione e di allontanamento dal chiasso del mondo, il buio è, per Lista, sfera d'azione in cui non solo il pensier si finge, ma naviga anche tra le ombre e le sembianze della realtà.

Scansando (e sabotando) con eleganza l'horror pleni prodotto dalla quotidianità contemporanea, Pietro Lista cerca nel silenzio delle cose - nel buio delle nuove opere che, da tempo, elabora con grande slancio e raffinatezza - un universo formale legato al recupero di un necessario horror vacui in cui rintracciare segni, spiragli, guizzi di luce, fragili lingue d'esistenza, morbide, anzi morbidissime apparizioni.

Composta da grandi tele di eguale grandezza e da 13 pietre nere installate su altrettanti cubi che tendono ad alleggerire il materiale adoperato, Pietro Lista occupa lo spazio fisico per metamorfosare la propria invasione territoriale in spazio mentale, in geografia immaginifica atta a rivalutare non solo il territorio della parete, ma anche quello dell'area transitabile (la sua inevitabile caduta nel precipizio della vita) in cui è possibile percepire un tempo adoperato come brano linguistico e come prefisso di sovrastoricità.

Perché è proprio nel fare spazio (Heidegger), nel costruire l'ambiente (dal pieno di cui è composto il vuoto, secondo alcune leggi della filosofia Zen), che l'analisi di Lista si fa strada per saltare il fosso della fenditura fontaniana e della matericità buriana con lo scopo di verificare e rintracciare, appunto nella materia e nella fenditura, una matrice di felice, genuina e forse finanche dolorosa abitabilità.

I suoi nuovi scenari - gli scenari nei quali ci trasporta (e forse ci spinge) in questa nuova visione delle cose - sono carichi di corpi e di spazi incantati in cui leggere, in silenzio ed a lungo, i brani della storia (delle storie) dell'arte per assaporare, di volta in volta, pastose punte di luce, entità minime di senso che terrorizzano o invitano lo spettatore in un vuoto pallido che brulica di leggerezza, di fragile e leopardiana quiete in cui tutto può accadere.

L'accendersi di una candela timida, il graffio germinale di un segnale consumato, l'aprirsi di una soglia lontana, la radice di un corpo o i primordi di un sorriso che non sa più a qual viso - dell'arte o della vita - appartenne.

Così, ribaltando il bianco della tela e la purezza del sudario - luogo al quale Lista ritorna, ciclicamente, per trovare la matrice di un volto o i rimasugli di un nome sbocconcellato dal tempo - in area massicciamente neutra (e neutrale), l'artista utilizza il buio e quello che il buio nasconde dietro cortine fitte ed impraticabili come stratagemma preferenziale dal quale suggere l'unità delle cose ed ingenerare, via via, una potente pausa riflessiva che coincide con il candore della vita mentre la stessa vita tace.

Recensione di Antonello Tolve

Per info e contatti:
web: www.cobblergallery.it; e-mail: rosacuccurullo@tiscali.it

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava de' Tirreni, inaugurata la palestra di Pregiato

Hanno tagliato il nastro, dopo la benedizione impartita da don Berardino, della Parrocchia di Pregiato, stamattina, lunedì 19 febbraio, alle 10.00, il sindaco di Cava, Vincenzo Servalli e la signora Rosanna De Felicis, moglie dell'indimenticato Gino Avella e madre di Mauro, ai quali e intitolata la palestra...

Maiori, la pioggia non ferma il Carnevale: tanta gente sotto ombrelli per ultima sfilata [VIDEO]

Anche l'ultima uscita della 45esima edizione del Gran Carnevale di Maiori è stata guastata dalla pioggia. Un vero peccato se si pensa allo straordinario lavoro messo in capo dallo scorso ottobre dai gruppi organizzati per la realizzazione dei magnifici carri allegorici che hanno sfilato soltanto la scorsa...

Cava, presentata la targa in memoria di una delle 26 donne morte sulla nave Cantabria

Presentata ieri, venerdì 16 febbraio, la targa commemorativa per una delle 26 donne dedicata alla memoria di una delle donne morte a bordo della nave Cantabria. Lo scorso 5 novembre, infatti, a bordo della nave spagnola sbarcata a Salerno, vennero rinvenuti i corpi senza vita di 26 donne morte nella...

Cava, venerdì 16 la conferenza "Africa" in memoria delle 26 donne morte sulla nave Cantabria

Venerdì 16 febbraio, alle 10.00, presso la sede di Potere al Popolo di Cava de' Tirreni, si terrà "Africa", la conferenza stampa dedicata alla memoria di una delle donne morte a bordo della nave Cantabria. Lo scorso 5 novembre, infatti, a bordo della nave spagnola sbarcata a Salerno, vennero rinvenuti...

Cava de' Tirreni, sindaco Servalli: «Più leggera la bolletta Tari»

Per gli utenti cavesi la Tari 2018 sarà più leggera rispetto all'anno precedente del 7,5 - 8 per cento. Lo hanno annunciato, nel corso della conferenza stampa di stamattina, il sindaco Vincenzo Servalli e l'Assessore al bilancio, Adolfo Salsano. Anche per l'anno 2018, sulla scorta della quantificazione...