Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 13 ore fa S. Bernardetta Soubirous

Date rapide

Oggi: 18 febbraio

Ieri: 17 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Saldi più attesi sono quelli di Petrillo Abbigliamento che vi aspetta a Contursi Terme con le migliori occasioni di fine stagione I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàAfa killer muore un'anziana cavese

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Afa killer, muore un'anziana cavese

Scritto da (admin), venerdì 13 giugno 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento venerdì 13 giugno 2003 00:00:00

Ha fatto appena in tempo ad adagiare a terra le buste della spesa ed a fermarsi a pochi passi dall'autobus di linea, che, come ogni mattina, l'avrebbe riportata nella sua casa in località Rotolo, a Cava de' Tirreni. Poi un gemito, forse una debole richiesta d'aiuto. Ma era già troppo tardi. Quando sono arrivati i soccorsi in viale Crispi, immediatamente dopo la chiamata al 118, non c'era più nulla da fare per Maria Donata Di Santo, 78 anni, vedova e madre di due figli, cardiopatica, sottoposta qualche anno fa ad un delicato intervento al cuore. Morta per un attacco cardiaco, causato con ogni probabilità, secondo i sanitari intervenuti sul luogo della tragedia, dal clima torrido di questi giorni. Una fine drammatica per l'anziana donna, prima vittima del caldo. «Da qualche giorno - raccontano alla pattuglia dei Vigili Urbani alcuni testimoni che si trovavano in zona al momento della disgrazia - prendeva il pullman delle 9.30. Proprio per paura del caldo, usciva di casa presto, alle 7 di mattina, per poi rincasare dopo la sua spesa giornaliera». Ieri mattina, sono bastati pochi attimi ed un'afa opprimente ad ucciderla. È successo intorno alle 9.30 in viale Crispi, a pochi passi dal Palazzo di Città e dalla centralissima Piazza Duomo. Come ogni mattina, Maria Donata era uscita presto di casa, un'abitazione in via Massimo Marghieri, a Rotolo. Probabilmente, voleva sbrigare le sue commissioni nelle prime ore della mattinata, per poi rincasare e proteggere il suo cuore malato dall'afa e dal caldo. Stando alla ricostruzione fornita dagli agenti della Polizia Municipale intervenuti per i primi accertamenti, la donna aveva imboccato il grande viale alberato che fa da spartiacque tra il Centro Sociale, sede anche del deposito degli autobus di linea, e la villa comunale di viale Crispi. Aveva con sé le buste di plastica, dove aveva sistemato i sacchetti di carta per il pane e qualche altro alimento per il pasto giornaliero. Poche cose, un carico tutto sommato non tanto pesante. All'improvviso, il malore. La donna ha adagiato i pacchi a terra ed avrebbe tentato vanamente di sedersi, ma si è accasciata al suolo. Sul posto sono giunti gli operatori dell'Humanitas (l'autista soccorritore Luigi Ciafrone e l'infermiere professionale Franco De Simone) ed il medico del 118, Arturo Gallo. La segnalazione è arrivata via telefono. «C'è una donna in strada colta da malore», avrebbero detto dall'altro capo del telefono al centralino del 118. Da via Guerritore, sede del presidio Saut, è partita immediatamente l'ambulanza. Il tragitto per arrivare in viale Crispi è breve. I sanitari ci hanno impiegato pochissimo tempo, ma neppure i soccorsi tempestivi sono bastati. La tragedia si era già consumata. Ogni soccorso è stato vano: il medico non ha potuto fare altro che costatare il decesso. Intanto, si era formato un capannello di curiosi, tenuti lontano a fatica dagli agenti della Polizia Municipale, coordinati dal comandante Giuseppe Bruno. È stata, così, transennata la zona: il nastro bianco e rosso ha protetto il cadavere della povera donna dagli occhi dei curiosi. I Vigili hanno lavorato per liberare la strada dagli ingorghi, che si erano via via formati, e per consentire il trasporto della salma al cimitero. Presente in viale Crispi Pasquale Santoriello, vicesindaco ed assessore ai Servizi Sociali del Comune, che ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia della vittima, manifestando la sua preoccupazione per chi, specie se anziano, vive gravi disagi in questa stagione.

LO STRAZIO DEL FIGLIO

Avvertito via telefono dai Vigili, il figlio della vittima, Angelo Fariello, maestro di musica, è rimasto a lungo sotto choc accanto alla madre

L'unico conforto è stato l'abbraccio affettuoso di don Rosario Senatore, parroco della Cattedrale di Piazza Duomo, che ha sorretto Angelo Fariello, figlio di Maria Donata Di Santo, incredulo di fronte al corpo della madre coperto dal telo verde: «No, è mia madre», ha urlato Angelo visibilmente sotto choc. L'uomo, molto conosciuto in città per la sua professione di maestro di musica da piano, impegnato anche nei cori religiosi, ha appreso la notizia dal telefono di casa. Gli agenti della Polizia Municipale erano riusciti a risalire all'identità della donna grazie ad alcuni conoscenti, abituati ad incrociare Maria ogni mattina alla fermata dell'autobus. «Era malata di cuore. Aveva subito anche un intervento - ha raccontato Angelo Fariello - ma era una donna ancora attiva. Voleva a tutti costi sentirsi indipendente e, infatti, continuava ad essere impegnata con le commissioni giornaliere ed i piccoli lavoretti casalinghi». Angelo è rimasto qualche minuto impietrito in quel rettangolo di mattoni, delimitato dal nastro bianco e rosso, intorno ad una folla di curiosi, intenti a cercare di capire cosa fosse successo: «Conoscevo bene - spiega Antonio, un cavese residente in zona - la signora Maria. Ogni mattina, la vedevo seduta in prima fila nell'autobus che va a Rotolo. È terribile morire così, in strada, senza la possibilità di piangere la persona cara sul letto della propria casa». In mattinata, tutti i parenti della donna hanno raggiunto la salma al cimitero cittadino, dove è in programma il rito funebre.

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Cava, presentata la targa in memoria di una delle 26 donne morte sulla nave Cantabria

Presentata ieri, venerdì 16 febbraio, la targa commemorativa per una delle 26 donne dedicata alla memoria di una delle donne morte a bordo della nave Cantabria. Lo scorso 5 novembre, infatti, a bordo della nave spagnola sbarcata a Salerno, vennero rinvenuti i corpi senza vita di 26 donne morte nella...

Cava, venerdì 16 la conferenza "Africa" in memoria delle 26 donne morte sulla nave Cantabria

Venerdì 16 febbraio, alle 10.00, presso la sede di Potere al Popolo di Cava de' Tirreni, si terrà "Africa", la conferenza stampa dedicata alla memoria di una delle donne morte a bordo della nave Cantabria. Lo scorso 5 novembre, infatti, a bordo della nave spagnola sbarcata a Salerno, vennero rinvenuti...

Cava de' Tirreni, sindaco Servalli: «Più leggera la bolletta Tari»

Per gli utenti cavesi la Tari 2018 sarà più leggera rispetto all'anno precedente del 7,5 - 8 per cento. Lo hanno annunciato, nel corso della conferenza stampa di stamattina, il sindaco Vincenzo Servalli e l'Assessore al bilancio, Adolfo Salsano. Anche per l'anno 2018, sulla scorta della quantificazione...

Cava de' Tirreni, abbattimento all'orizzonte per l'ex cinema Capitol

Abbattimento all'orizzonte per l'ex cinema Capitol. Secondo quanto riportato dal quotidiano "La Città", sabato scorso è stata delimitata l'area porticata sotto l'edificio a rischio crollo. In seguito a perdite di acqua e a dilatazioni dell'intonaco, il Comune ha emesso una diffida nei confronti del proprietario...

Cava de' Tirreni, nasce una fondazione per sostenere i figli di Nunzia Maiorano

Nasce una fondazione in nome di Nunzia Maiorano, la 41enne di Cava de' Tirreni uccisa a coltellate lo scorso 22 gennaio dal marito Salvatore Siani, un barbiere di 48 anni. Come riporta "Il Mattino", l'iniziativa servirà a sostenere il futuro dei tre figli di Nunzia - Giuseppe, Marika e il piccolo Michele...