Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Marcella martire

Date rapide

Oggi: 28 giugno

Ieri: 27 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi  Villa Romana Hotel & SPA - Minori Costiera Amalfitana - Benessere tutto l'anno in Costa d'Amalfi - Scopri le nostre offerte visitando il nostro sito ufficiale Discover Positano - Visit Positano Amalficoast - the ultimate Positano web portal - Tourism in Positano - Positano Amalficoast Holiday

Tu sei qui: SezioniCronacaInferno maltempo deraglia un treno

Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Bar Pineta, ristorante, pizzeria con forno a legna, lounge lemon garden a Maiori in Costiera Amalfitana MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Cronaca

Inferno maltempo, deraglia un treno

Scritto da Il Mattino (foto di Angelo Tortorella) (admin), giovedì 9 gennaio 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 9 gennaio 2003 00:00:00

Due giorni di pioggia hanno messo in ginocchio Salerno e provincia. Non si è trattato dei soliti disagi da maltempo. Stavolta si è sfiorata la tragedia. Frana un costone di roccia che si affaccia sulla linea ferroviaria nella frazione Molina di Vietri Sul Mare: deraglia un treno su cui viaggiano studenti e pendolari. Il fiume di fango scende fino alla Statale, sfondando il retro di una palazzina: undici le famiglie evacuate, costrette a trascorrere la notte in alberghi della zona. Un bambino di appena quattro anni è salvo per miracolo. Sono da poco trascorse le 14. Il "pendolino", partito da Salerno alle 13.40, ha da poco imboccato una curva. E' il buio, le luci dei vagoni si spengono. I passeggeri, per la maggior parte studenti e pendolari, vengono sbalzati dai sediolini. I primi due vagoni del treno si sono scontrati con un muro di fango, venuto giù dal costone per la pioggia insistente. Della frana si accorge in tempo il macchinista, che con una manovra delicata riesce a scansare parte dello smottamento. Il treno deraglia, ma riesce a fermarsi appena fuori dei binari. Scatta l'allarme, ma non è finita. La pioggia non dà tregua e così il fiume di terra e sterpaglie non si ferma, ma continua la sua corsa fino ad arrivare alla Statale. Porta con sé tutto ciò che trova sulla propria scia. Solo pochi attimi e si abbatte su una palazzina di quattro piani. Intanto, gli occupanti del treno, sotto choc, sono stati condotti in ospedale, ma per fortuna hanno riportato solo contusioni. Paura anche a Sarno, dove permane lo stato di preallarme. Per un attimo è sembrato di rivivere l'incubo della frana. La paura ha avuto il sopravvento quando, intorno alle 11 di ieri mattina, sotto una pioggia intensa, è crollata una casa disabitata nel centro storico di Sarno, nella zona tra via Mortaro e vico Orefice. Subito è scattato l'allarme e sul posto sono giunti il coordinatore del Coc, Aniello Annunziata, i tecnici della Protezione Civile ed i Vigili del Fuoco del distaccamento di Nocera Inferiore, che hanno effettuato un primo sopralluogo. La zona dove è avvenuto il crollo, causato quasi sicuramente dalle infiltrazioni d'acqua per le abbondanti piogge di questi giorni, è stata subito transennata. Disagi anche a Salerno per le forti piogge. Incidenti a catena hanno paralizzato il traffico per l'intera giornata. Sotto osservazione alcune zone alte della città, da Canalone a via Laspro.

SFIORATA LA TRAGEDIA

A Molina due palazzine sventrate da una frana. Salvato in extremis un bimbo di quattro anni sommerso dal fango

Hanno detto loro di scappare: «Scendete prima che possa venir giù la palazzina». E così, le undici famiglie del civico 52 a Molina di Vietri (le due palazzine di tre piani sventrate dalla frana che si è staccata dal costone ed ha invaso i binari) si sono trovate in strada. Sotto la pioggia battente. In mezzo ad un fiume di fango, hanno atteso di trovare una sistemazione dove trascorrere la notte. Le autorità locali hanno ufficialmente disposto l'evacuazione dello stabile. Più di trenta persone sono state ospitate in alcune strutture alberghiere del Comune di Vietri. Ma non basta certo un provvedimento d'urgenza, peraltro giusto e tempestivo, a mettere la parola fine all'angoscia ed alla paura. Quel boato sordo, che ha accompagnato il fiume di fango, li ha sorpresi mentre molti di loro si mettevano a tavolo per il pranzo. Solo pochi attimi e si abbatte su due palazzine di tre piani. Due appartamenti vengono invasi dal fango. Qui c'è la famiglia Savastano: mamma, papà e quattro bimbi tra i due ed i dieci anni. Uno di loro viene travolto dalla lingua di terra. Il corpo del bimbo viene sommerso. «Aiuto papà», riesce a pronunciare il piccolo. Viene salvato giusto in tempo. Intanto, in strada si mette in moto la macchina dei soccorsi. Il sindaco di Vietri, Cesare Marciano, è in strada con i soccorritori e le Forze dell'ordine. Cerca di organizzare il piano di evacuazione e di rincuorare le famiglie vittime della frana. Per tutto il pomeriggio Vigili Urbani, Protezione Civile, Carabinieri e volontari dell'Humanitas continuano a lavorare per liberare la strada dal fango e dai malcapitati usciti indenni miracolosamente da una tragedia evitata. Questa mattina i primi sopralluoghi per verificare l'agibilità dell'edificio e le condizioni della montagna.

IL RACCONTO DEI TESTIMONI

«L'ho stretto con forza tra le mie braccia. Il fango gli era arrivato sotto al collo. Qualcuno fuori, nell'altra strada, gridava. Ho capito che non era un incubo»: è il racconto di Matteo Savastano, il padre del piccolo salvato miracolosamente dall'onda di fango, che ha sventrato il retro della palazzina al civico 52 di Molina, dove si trova la nota rosticceria Zeppola d'Oro. Si trovava nella sua cameretta quando la lingua della frana lo ha sorpreso. «Ho quattro figli, tutti piccoli. Ho avuto tanta paura per loro», racconta Matteo, visibilmente sconvolto, mentre con alcuni parenti si trova fermo di fronte alla loro palazzina rimasta deserta. Il piccolo sta bene, non ha avuto bisogno delle cure dei medici: «L'ho portato a casa di mia madre: lì è al sicuro. Non sappiamo ancora come saremo sistemati. Siamo undici famiglie in strada». Rita Santoriello, impiegata presso una compagnia d'assicurazioni a Salerno, stava tornando a casa in treno: «Ero appisolata sulla mia sediolina. Mi ha destato un violento sussulto. Poi la luce si è spenta. Ho aperto gli occhi ed ho visto nell'ombra un fuggifuggi». È uno dei tanti racconti dei pendolari e degli studenti, passeggeri abituali di quel "pendolino" delle 13.40 che si è scontrato con il muro di fango. «Sono stati subito solerti a farci scendere. Siamo arrivati alla stazione di Vietri Sul Mare e di lì abbiamo raggiunto la strada. Possiamo dirci miracolati: se la frana non fosse stata bassa e già a livello della strada, forse ora non saremmo qui a raccontare». «Per fortuna - dicono tre ragazzi appena 15enni, Mario, Francesco e Vincenzo, che frequentano l'Istituto Nautico a Salerno - quel treno lo abbiamo perso. Avevamo fatto qualche minuto di ritardo e per questo stavamo tornando a casa in autobus». Ora sono costretti sotto la pioggia battente. Gli scarponcini affondano nel fango, continuano, così, a piedi la loro corsa. Anche gli autobus di linea, infatti, sono stati fermati. Per motivi precauzionali, gli agenti delle Forze dell'ordine ed i volontari dell'Humanitas li hanno bloccati, cercando di mantenere libera la strada ed avviare l'opera di sgombero del manto stradale dal terriccio e fango. Ma il lavoro di pulizia della strada è difficile. In una manciata di minuti si forma una lunga fila di auto. Molti degli automobilisti in coda sono i genitori dei ragazzi sul treno. «Come facciamo a ritrovare i nostri figli?», chiedono ai Vigili. Dall'altro versante della strada risponde un agente: «Stanno tutti bene e sono tutti scesi dal treno». In quel momento, è la risposta più tranquillizzante.

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Cronaca

Cava, violenza e lesioni a pubblico ufficiale: arrestato 21enne straniero

Nel tardo pomeriggio di ieri (venerdì 23 giugno) personale della Polizia Locale in servizio nel centro storico, Borgo Grande, ha tratto in arresto B.B., senegalese di 21 anni con l'accusa di violenza, lesioni, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Il fatto è accaduto alle 19 e 10 nelle immediate...

Donna si tuffa in mare e muore: tragedia ad Erchie [FOTO]

Un malore dopo un tuffo in mare sarebbe stato fatale, stamani, per una donna presso la graziosa spiaggetta di Erchie. Il fatto è avvenuto alle 12 e 30 circa. Per A.M., salernitana di 62 anni, non vi è stato nulla da fare: inutili i soccorsi, i primi da parte di due bagnanti, infermieri di professione,...

Erchie, balordi prendono a bastonate titolare di stabilimento balneare e scappano

Ancora non si spiega cosa avessero contro di lui il titolare di uno stabilimento balneare della spiaggetta dietro ai frangiflutti del porto turistico di Cetara, malmenato questa mattina da due balordi dal volto travisato. Il fatto è accaduto intorno alle 7 quando i due si sono avvicinati al 52enne di...

21enne suicida a Cava de’ Tirreni, gesto estremo prima del compleanno

Un giovane cavese, di 21 anni, si è tolto la vita ieri sera impiccandosi ad un albero. A scoprire il cadavere del giovane è stato il padre che era andato a cercarlo non avendo sue notizie per l'intera giornata. L'uomo ha allertato Forze dell'ordine e soccorsi ma per suo figlio non c'era più nulla da...

Agropoli: sequestrata una discarica abusiva

I finanzieri della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno - avvalendosi del mezzo aereo della Sezione Aerea di Napoli - nell'ambito dei servizi di polizia ambientale e controllo economico del territorio, disposti dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, hanno sottoposto a sequestro...