Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Elisa vergine

Date rapide

Oggi: 26 giugno

Ieri: 25 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sal De Riso Pasticceria in Costiera Amalfitana. I Dolci e le specialità gastronomiche dello Chef Pasticciere Salvatore De Riso Costa d'Amalfi

Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai La più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'Amalfi  Villa Romana Hotel & SPA - Minori Costiera Amalfitana - Benessere tutto l'anno in Costa d'Amalfi - Scopri le nostre offerte visitando il nostro sito ufficiale Discover Positano - Visit Positano Amalficoast - the ultimate Positano web portal - Tourism in Positano - Positano Amalficoast Holiday

Tu sei qui: SezioniCronacaDroga pesanti condanne per il clan Zullo

Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi Bar Pineta, ristorante, pizzeria con forno a legna, lounge lemon garden a Maiori in Costiera Amalfitana MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Cronaca

Droga, pesanti condanne per il clan Zullo

Scritto da Il Mattino (admin), mercoledì 30 ottobre 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 30 ottobre 2002 00:00:00

Dure condanne per i componenti del clan, capeggiato da Lucia Zullo (nella foto), detta la «zarina», che importava cocaina dal Sudamerica. Ieri pomeriggio, la sentenza è stata pronunciata dal Giudice dell'udienza preliminare, Maria Teresa Belmonte, che ha deciso per la maggior parte degli originari 26 imputati che hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato. Pene da un massimo di 10 anni per la Zullo a quelle minori, comminate in base al ruolo svolto da ciascuno nell'ambito dell'organizzazione. Confermato, quindi, l'impianto accusatorio costruito dal sostituto procuratore Antonio Centore, titolare dell'inchiesta. L'operazione «Bolivar» (così fu denominata la cattura dei componenti del clan Zullo) avvenne all'alba del 25 giugno 2001. Furono arrestate 26 persone, tutte accusate, a vario titolo, di far parte o di essere in rapporti con un'organizzazione che collegava potenti corrieri colombiani con gli acquirenti su tutto il territorio provinciale. Dall'Agro alla Piana del Sele, l'organizzazione arrivava ovunque con diramazioni capillari. La cupola era gestita dalla 36enne cavese Lucia Zullo, considerata la promotrice, la dirigente e l'organizzatrice dell'associazione a delinquere. Suoi complici diretti erano Eugenio Avagliano, Ben Mamoud Abdelaziz, Salvatore Marazzito e Biagio Daniele. Con loro la "zarina" concordava quantitativi, modalità e strategie per l'acquisto e lo smercio. La Procura disegnò collegamenti e rapporti che il gruppo aveva, tra il '99 ed il 2000, con altri gruppi o "privati" spacciatori o assuntori di droga, soprattutto con Salvatore Del Giorno, il braccio "cittadino", anche lui promotore di un'associazione che vendeva sigarette di contrabbando e droga nel capoluogo salernitano. Il gip Michelangelo Francavilla ordinò gli arresti sulla scorta di una ricca documentazione, fatta soprattutto di intercettazioni telefoniche e di ricostruzioni di veri e propri messaggi in codice.

LA STRUTTURA DEL CLAN

A capo dell'organizzazione la cavese Lucia Zullo. Ruoli diversi per i vari esponenti della banda, ma tutti dovevano rendere conto a lei

Nella sua abitazione a Cava de' Tirreni, Lucia Zullo aveva realizzato il quartier generale dell'organizzazione. Da lì dirigeva tutte le operazioni per smerciare la droga ai diversi acquirenti, numerosi in tutta la provincia di Salerno. Cocaina purissima, importata da Caracas ed in genere dal Sud America, ma non solo, in quanto acquistava grossi quantitativi di stupefacenti anche da altri trafficanti. La sua attività la svolgeva in prevalenza per telefono, per contattare i fornitori e gli acquirenti. Proprio le intercettazioni telefoniche in corso nell'ambito di un'altra inchiesta, sempre per droga, hanno portato alla scoperta del clan capeggiato dalla Zullo. La difesa aveva sostenuto l'inutilizzabilità di quelle intercettazioni, perché acquisite nel corso di un altro processo, ma è stato un tentativo vano: quei colloqui hanno inchiodato gli imputati alle loro responsabilità. Nell'ambito dell'organizzazione, i vari esponenti avevano ruoli precisi: alcuni si limitavano solo a spacciare, altri anche a reclutare nuovi clienti. Vi era, poi, chi aveva il potere di esigere, anche con la forza, il pagamento dei crediti, ma alla fine tutti dovevano rendere conto alla Zullo delle attività svolte ed a lei dovevano consegnare i guadagni. Il marito, Eugenio Avagliano, alla fine è stato «sostituito» negli affari, e soprattutto nel cuore della "zarina", da Ben Mamoud Abdelaziz (nella foto), il pericoloso tunisino, già arrestato in precedenza per due tentati omicidi e condannato per lesioni.

SESSO ED AFFARI PER LA ZULLO

Amanti e droga nell'universo della "zarina". Al suo fianco il tunisino Abdelaziz

Sesso ed affari, un binomio indissolubile per la "zarina". In entrambi i casi l'attività era frenetica. Si preoccupava di piazzare la «roba», ma quest'occupazione non la distoglieva dai suoi amanti. Intercettazioni piccanti hanno dimostrato che ne avrebbe avuti molti, ma alla fine Ben Mamoud Abdelaziz ha preso con la forza il posto del marito. Infatti, Eugenio Avagliano, che con Abdelaziz ha condiviso prima la donna ed ora la stessa pena a 6 anni di reclusione ed al pagamento di 20mila euro di multa, è stato cacciato di casa, pare dopo essere stato picchiato. Il tunisino ha, poi, preso il posto di Avagliano anche nell'ambito dell'organizzazione, ad esempio per esigere i crediti, facendo uso anche della forza nei confronti di chi non pagava o ritardava nel versamento delle somme. Lucia Zullo era una donna risoluta, un vero capo, che non delegava le decisioni più importanti della sua fiorente attività, ma utilizzava i vari collaboratori, piazzati strategicamente, per i diversi ruoli, scegliendoli in base alle «capacità» dimostrate sul campo. E così, teneva in pugno gran parte del fiorente mercato della droga a Salerno. L'inchiesta sulla "zarina" della droga portò successivamente a numerosi arresti di pusher.

rank:

comments powered by Disqus

Ultimi articoli in Cronaca

Cava, violenza e lesioni a pubblico ufficiale: arrestato 21enne straniero

Nel tardo pomeriggio di ieri (venerdì 23 giugno) personale della Polizia Locale in servizio nel centro storico, Borgo Grande, ha tratto in arresto B.B., senegalese di 21 anni con l'accusa di violenza, lesioni, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Il fatto è accaduto alle 19 e 10 nelle immediate...

Donna si tuffa in mare e muore: tragedia ad Erchie [FOTO]

Un malore dopo un tuffo in mare sarebbe stato fatale, stamani, per una donna presso la graziosa spiaggetta di Erchie. Il fatto è avvenuto alle 12 e 30 circa. Per A.M., salernitana di 62 anni, non vi è stato nulla da fare: inutili i soccorsi, i primi da parte di due bagnanti, infermieri di professione,...

Erchie, balordi prendono a bastonate titolare di stabilimento balneare e scappano

Ancora non si spiega cosa avessero contro di lui il titolare di uno stabilimento balneare della spiaggetta dietro ai frangiflutti del porto turistico di Cetara, malmenato questa mattina da due balordi dal volto travisato. Il fatto è accaduto intorno alle 7 quando i due si sono avvicinati al 52enne di...

21enne suicida a Cava de’ Tirreni, gesto estremo prima del compleanno

Un giovane cavese, di 21 anni, si è tolto la vita ieri sera impiccandosi ad un albero. A scoprire il cadavere del giovane è stato il padre che era andato a cercarlo non avendo sue notizie per l'intera giornata. L'uomo ha allertato Forze dell'ordine e soccorsi ma per suo figlio non c'era più nulla da...

Agropoli: sequestrata una discarica abusiva

I finanzieri della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno - avvalendosi del mezzo aereo della Sezione Aerea di Napoli - nell'ambito dei servizi di polizia ambientale e controllo economico del territorio, disposti dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, hanno sottoposto a sequestro...